Martedì 27 Luglio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 20/04/2012

S.Giovanni Valdarno (AR)
TRAVOLTA E LASCIATA 3 GIORNI IN UN CANALE. ALL'AUTORE 3 ANNI E 2 MESI
Condanna superiore anche alla richiesta del PM che si fermava a tre anni
Ci verrebba da dire: esagerati!!

Allison Owens

(ASAPS) Prima di entrare nella cronaca del tragico episodio guadate bene la foto della ragazza e quella del  fossato dove è stata violentemente scaravantata dal conducente dalla Volvo che poi si è dato alla fuga.
Ci permettiamo una considerazione e una domanda. Il pirata è stato individuato dopo una settimana, mai sapremo quindi se era ebbro alla guida. Bene. Anzi male.
Per la sola fuga, per la sola omissione di soccorso, la reclusione prevista dall'art. 189 CdS va da 1 a 3 anni, ripetiamo solo per la fuga! Ci domandiamo allora, ma la morte della ragazza non vale praticamente niente!?
Ah la cronaca non ci dice per quanto tempo sia stata sospesa la patente al conducente. Per la sola omissione di soccorso si va da 18 mesi a 5 anni. Vuoi vedere che per Natale o al massimo la prossima Pasqua quel signore torna a guidare?
Allison perdona questo paese che tu pensavi bellissimo e patria della giustizia.
 
 
E ora la cronaca
 
Alla fine del mese di settembre scorso, Allison Owens , un bella ragazza di 23 anni, guida turistica proveniente dall'Ohio, arriva in Italia, a San Giovanni Valdarno dove va ad abitare con alcune sue amiche che svolgono la stessa professione.
Il 2 ottobre è domenica e la ragazza , tuta, scarpe da ginnastica e i Pod, approfitta della giornata festiva ed esce per fare jogging sulle strade che attraversano la splendida campagna di San Giovanni.
Si fa tardi e Allison non rientra a casa,  anzi non tornera' piu' .
 

Il fossato dove è stato ritrovato il corpo di Allison

Verrà trovata morta, dopo tre giorni di febbrili ricerche da parte delle forze dell'ordine, in un canale che costeggia la statale 69. Le evidenti lesioni parlano chiaro, Allison è stata investita da un auto e scaraventata nel fossato. Nessuna traccia dell'investitore.
Circa una settimana dopo il colpo di scena. Dopo un lunghissimo interrogatorio, durato 12 ore, il pm di Arezzo Marco Dioni ha disposto il fermo di P. S., commerciante 56 enne, il quale si è costituito ammettendo di essere stato lui a travolgere Allison Owens. L’uomo viene trasferito nel carcere di Sollicciano. Le ipotesi di reato sono omicidio colposo e omissione di soccorso. La decisione di trattenerlo deriva dal fatto che la versione dell’uomo presenta gravi lacune. L’indagato sosterrebbe, ad esempio, di non essersi accorto di aver investito una persona, ma di aver pensato, dopo un colpo di sonno, di aver impattato contro il guard rail. Ma dopo l’incidente, si è comportato con grande circospezione, tale da alimentare i sospetti degli inquirenti, che non sono rimasti soddisfatti delle sue risposte. Stefanoni, subito dopo l’incidente, si sarebbe affrettato a far riparare l’auto, noleggiandone un’altra.


P. S., secondo la ricostruzione degli inquirenti,  a bordo della sua Volvo stava percorrendo la statale proveniente da Montevarchi ed era diretto verso San Giovanni. L’incidente è avvenuto circa a metà strada tra Montevarchi e San Giovanni Valdarno. La ragazza americana stava rientrando a casa ed è stata investita molto probabilmente mentre attraversava la strada. L’investitore si è giustificato dicendo di aver avuto «un colpo di sonno».
Il 26 marzo  il giudice si è pronunciato favorevolmente al rito abbreviato dopo due ore di camera di consiglio, mentre ha respinto la richiesta di alcune associazioni, impegnate nella sicurezza stradale, di costituirsi parte civile.Ora e' arrivata la condanna per omicidio colposo ed omissione di soccorso.

 

P. S. è stato condannato a 3 anni e 2 mesi , lo ha deciso il gup del tribunale di Arezzo Giampiero Borraccia che è andato otre i 3 anni richiesti dal P.M.
Al momento del pronunciamento della sentenza la mamma di Allison è scoppiata in lacrime mentre i legali di S. hanno già preannunciato appello.
Esprimiamo solidarietà ai genitori di Allison. E' il minimo che possiamo fare. (ASAPS)

 

 

 

 

 


 

Venerdì, 20 Aprile 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK