Domenica 21 Luglio 2019
area riservata
ASAPS.it su

Osservatorio il Centauro – ASAPS  sulla Pirateria stradale,
il 2011 anno record
Registrati 852 episodi significativi (+45%) con 127 morti (+29%) e 995 feriti (+33%)
35% ubriachi , 24% stranieri, 10% le donne
Nel 2012 già 248 fughe  con 27 morti e 327 feriti
Le “bandane rosa” schizzano al 15%

Commenta nel blog

Commenta nel blog

 

(ASAPS) Il grave episodio dell’investimento del ragazzo a Roma ripropone il problema della pirateria stradale un fenomeno in costante aumento. Secondo i dati raccolti dall'osservatorio il Centauro – ASAPS il 2011 è stato l’anno record.   Il numero di episodi segnalati (pirateria grave) è aumentato del 45% con 852 fughe dopo l’incidente  rispetto ai 585 del 2010 .  Molte si riferiscono a scontri gravissimi che hanno causato l’assurda cifra di 127 decessi, aumentati anche questi del 29% rispetto alle 98 vittime del 2010, come del resto il numero dei feriti, 995 nel 2011 (+33%) a confronto dei 746 ingressi in ospedale dell’anno prima.



 

Nei casi di piraterie mortali il 35% dei pirati guidava in stato di ebbrezza e/o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti, confermando come il tema dell'assunzione di alcol per chi guida sia una grave criticità' per la sicurezza delle nostre strade.  La pirateria è un fenomeno principalmente maschile: sono solo il 10% le donne pirata identificate nel 2011.. Ancora elevata la percentuale dei pirati stranieri  pari al  24%.
Nel 2012 già 248 episodi gravi con 28 morti e 327 feriti. Le “bandane rosa” nel 2012 schizzano al 15% un dato che sorprende se si considera che nel 2009 le donne pirata erano il 6%.





Al solito chi ha la peggio sono le utenze deboli. Fra i 127 morti ci sono 72 pedoni e 16 ciclisti. Le regioni più colpite dal fenomeno sono nell'ordine la Lombardia 143 episodi, l'Emilia Romagna con 99, il Lazio con 82 e infine Campania, Veneto e Toscana con rispettivamente 79, 72 e 72 casi.  Spesso purtroppo a farne le spese sono dei minori (11% dei casi mortali) e sono stati 4 nel 2011 i bambini uccisi in scontri causati da un pirata.  
I pirati oggi sono identificati in due casi su tre (nel 73% nel caso di episodi mortali), ma non è abbastanza.
Fra le cause note che determinano la fuga oltre allo stato di ebbrezza e la paura di perdere punti si aggiunge l’ormai diffusa “scopertura assicurativa”  di molti veicoli.
Occorre fare di più. Bisogna fermare la pirateria, anche perché la scelta di scappare, oltre che deplorevole e incivile, sicuramente non paga.
Ricordiamo che l’ASAPS ha attivato una propria consulenza sulla pirateria stradale con indirizzo mail dedicato pirateriastradale@asaps.it e un apposito numero telefonico 346 7553350, vedi informazioni sul sito www.asaps.it


Forlì 19 aprile 2012

Giordano Biserni
Presidente ASAPS
 

Venerdì, 20 Aprile 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK