Giovedì 17 Ottobre 2019
area riservata
ASAPS.it su

Dati ISTAT incidenti stradali
Dopo il comunicato dell'Ass. Lorenzo Guarnieri di Firenze sulla difformità dei dati e la replica dell'ISTAT,
l'ASAPS ribadisce la difformità dei dati anche per Forlì-Cesena nel 2010 con 39 vittime e non 34

Foto Blaco - archivio Asaps

Dopo la segnalazione dell'Associazione Lorenzo Guarnieri sulla difformità dei dati reali degli incidenti stradali nella provincia di Firenze nel 2010, che ammontano a 69 vittime rispetto alle 58 segnalate dall'ISTAT e alla replica dell'Istituto nazionale di statistica il quale precisa che la "critica rivolta all'Istat è nata dall'esame di un singolo caso e non dai dati statistici aggregati che vengono ufficialmente diffusi dall'Istat", l'ASAPS ribadisce che anche per la provincia di Forlì - Cesena i dati reali della mortalità per incidenti stradali nel 2010, raccolti dall'associazione forlivese, ammontano a 39 decessi, un numero nettamente difforme dai 34 decessi segnalati nel report dell'ISTAT, con una differenza percentuale che sfiora il 15%.


L'ASAPS vuole anche chiarire che dei 39 decessi della provincia di Forlì - Cesena del 2010 è in grado di fornire le generalità delle vittime, con la data e la strada dove si sono verificati i sinistri mortali e precisa che delle 39 vittime 12 erano trasportate in auto, 13 erano motociclisti, 7 ciclisti e 7 pedoni.
Quindi la difformità emerge in due province su due verificate. Sarebbe certamente interessante estendere la verifica nelle altre province.
Questa difformità dei dati raccolti richiama l'improrogabile esigenza di rivedere le modalità di raccolta degli elementi valutativi degli incidenti prima di tutto da parte delle varie forze di polizia che li rilevano, insieme ad un riesame delle modalità di elaborazione dei report finali sugli incidenti da parte dell'Istituto nazionale di statistica, che dovrebbe poi contare su maggiori energie per la raccolta ed elaborazione di dati molto importanti come quelli degli incidenti stradali che altrimenti rischiano di essere assurdamente sottostimati.
 


Forlì, 12 aprile 2012
 
Giordano Biserni
Presidente ASAPS
 

Giovedì, 12 Aprile 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK