Mercoledì 16 Ottobre 2019
area riservata
ASAPS.it su
2011 anno , Report ,... 05/04/2012

Osservatorio il Centauro – ASAPS sui contromano anno 2011
304 gli episodi che hanno causato 47 morti  e 173 feriti
In netta crescita rispetto al 2010

(ASAPS) La drammatica casistica degli incidenti determinati da veicoli che viaggiavano contromano non dà segnali di miglioramento anzi.
Nel 2011 gli episodi registrati nell’Osservatorio il Centauro – ASAPS sono stati complessivamente 304 (+35%) di cui 128 in autostrade e strade a carreggiate separate + 5% rispetto ai 122 del 2010. Questo sta a dimostrare che il rischio aumenta sensibilmente, ma soprattutto fuori dalla rete autostradale.
Gli episodi mortali sono stati complessivamente 34 nei quali 47 persone hanno perso la vita, lo scorso anno registrammo solo 20 decessi, l’aumento è del 135%, ma in larga parte l’incremento è dovuto a scontri sulla rete ordinaria. I feriti per i contromano del 2011 sono stati 173, mentre l’anno prima furono 166. In questo caso l’incremento  si ferma al 4%.
Dei 304 episodi registrati 186 si sono verificati di giorno (61,2%) e 118 di notte (38,8%).
E’ stata accertata l’ebbrezza da alcol o l’uso di stupefacenti  in 72 conducenti coinvolti pari al 23,7% del totale.  19 i conducenti sotto l’effetto di droga 6,2% del totale.
Le donne sono protagoniste solo nel 10% dei casi, gli anziani nell’ 11,2% mentre gli stranieri guidavano il veicoli in 58 casi, pari al 19,1%.
Importante la percentuale degli episodi nei quali l’impatto è stato evitato grazie all’intervento delle forze di polizia che hanno bloccato in tempo il veicolo. Gli angeli in divisa sono riusciti ad evitare 144 scontri frontali pari al 47,4% del totale degli episodi. Insomma in quasi la metà degli eventi documentati l’intervento delle forze dell’ordine è stato determinante per evitare la tragedia.

Forlì 5 marzo 2012

Giordano Biserni
Presidente ASAPS


 

Giovedì, 05 Aprile 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK