Martedì 28 Settembre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 04/04/2012

Polizia Stradale di Melfi
Durante un controllo sventato un tentativo di sequestro di una giovane studentessa

Foto di repertorio dalla rete

(ASAPS) Durante un normale controllo su strada effettuato lunedì 2 aprile, una pattuglia della Polizia Stradale di Melfi (PZ) ferma sulla statale 655 in località Vaccareccia, ha sventato un vero e proprio tentativo di sequestro di persona.
Gli uomini della stradale, fermi al posto di controllo, hanno visto transitare una Fiat Punto con a bordo due persone. Il passeggero, una giovane ragazza, durante il transito ha aperto la portiera e, rivolta verso i Poliziotti, ha gridato aiuto.
Fortemente insospettiti dall’accaduto la pattuglia ha iniziato l’inseguimento della vettura che nel frattempo si stava allontanando a forte velocità.
L’inseguimento dava i suoi frutti e la macchina veniva bloccata e fermato il conducente, un pregiudicato residente a Melfi con precedenti per reati di ingiuria, minaccia e stolking.
Al suo fianco una giovane studentessa di un liceo scientifico che denunciava il fatto di essere stata costretta a salire in macchina sotto la minaccia di grosse forbici.
Vista la grave situazione e la denuncia della giovane studentessa, la pattuglia ha iniziato un’accurata perquisizione personale e del mezzo e così, dopo poco, sono state trovate le forbici descritte dalla giovane spaventatissima ragazza.
La pattuglia della Stradale ha così tratto in arresto lo stolker per reati di sequestro di persona, minaccia e atti persecutori.
La ragazza ha potuto far ritorno a casa impaurita ma salva dalle “attenzioni” del malvivente che l’aveva sequestrata. E’ stato grazie alla prontezza di riflessi della ragazza che la pattuglia è potuta intervenire ma è certo che la stessa deve ritenersi fortunata per avere trovato sulla propria strada gli uomini della stradale perché altrimenti l’episodio avrebbe subito una preoccupante variazione nel finale. (ASAPS)

 

 


 

Mercoledì, 04 Aprile 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK