Lunedì 17 Gennaio 2022
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 19/03/2012

20 MARZO IL VIA ALLA MEDIAZIONE PER GLI INCIDENTI STRADALI

Foto di repertorio dalla rete

Sono circa 300 mila i contenziosi legati agli incidenti stradali che sommergono i tribunali italiani. Alcuni poi, hanno un iter che dura da anni. E i costi lievitano di mese in mese. Per dare un colpo d’acceleratore a questo mare di scartoffie, dal prossimo 20 marzo ci si potrà rivolgere in modo diretto al giudice passando però attraverso la mediazione civica. Dopo le controversie legate ai contratti bancari e quelle relative alle liti familiari, ora tocca alleRc Auto: lo prevede un pacchetto approvato ormai un anno fa dal precedente governo per recepire una direttiva comunitaria in materia.


Questa mediazione andrà presentata con un’istanza ad un organo di mediazione (l’elenco degli stessi lo si può trovare sul sito del ministero della Giustizia). Avviare la pratica costa 40 euro ai quali poi vanno aggiunte le spese per la mediazione che a seconda dei casi variano dai 65 ai 9 mila euro. Dopo la presentazione dell’istanza il conciliatore ha 15 giorni per convocare le parti. Se da lì il tentativo di mediazione fallisce e l’accordo non si trova, ci si può sempre rivolgere al giudice, che però dovrà giocoforza prendere in considerazione l’esito della mediazione.Su eredità, controversie finanziarie o familiari dal marzo dell’anno scorso sono state presentate oltre 61 mila istanze di mediazione: i risultati sono sorprendenti, in quanto i due terzi di esse hanno concluso il loro iter positivamente. L’obiettivo, dichiarato prima dall’Ue e accolto poi dal nostro Parlamento, è quello di alleggerire la mole di controversie sulla spalle dei tribunali italiani. Le associazioni dei consumatori ancora credono poco in questo nuovo strumento, adducendo come motivo lo scarso numero di richieste di istanze e le poche segnalazioni che arrivano loro. Ma questa opportunità, presente in gran parte dei paesi d’Europa, è un’opportunità in più per gli automobilisti italiani per evitare di doversi immergere nei tempi biblici della giustizia del nostro paese.

 

amicipolstrada.blogspot.it

 

 

 

Lunedì, 19 Marzo 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK