Domenica 09 Maggio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 15/03/2012

(Nota ASAPS: Non sembri esagerato parlare di Omicidio stradale in certe circostanze. Guardate il filmato!)
Arrestato l'ultimo dei quattro nomadi. erano reduci da una «spaccata» in un bar
La Bmw accelera, poi lo schianto: così è morto il 28enne in via Cogne
Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza inchiodano i giovanissimi rom a bordo dell'auto

 

Guarda il filmato

 

MILANO - È l’alba del 9 giugno 2011. All’incrocio tra via Cogne e via Arsia il semaforo è giallo lampeggiante. Le strade sono deserte. Una Bmw color grigio chiaro arriva dal fondo, proprio di fronte alla telecamera, avanza come un proiettile. A bordo ci sono quattro nomadi, due sono minorenni. Come si saprà solo in seguito, hanno appena fatto una «spaccata» per rubare all’interno di un bar tabacchi in via Mambretti e stanno fuggendo, inseguiti dalle volanti della polizia. In prossimità dell’incrocio, al quale dovrebbe dare la precedenza, l'autista della Bmw anziché rallentare accelera. E, a quanto sembra dalle immagini, abbassa o spegne le luci. Prende in pieno l’auto, una Citroen C3, alla cui guida c’è Pietro Mazzara, 28 anni. Come testimoniato dagli ultimi fotogrammi, che abbiamo scelto di non mostrare, il giovane viene sbalzato fuori dall’auto e muore sul colpo.


Due dei quattro responsabili, minorenni, erano stati arrestati subito, e il terzo lo scorso settembre. All'appello mancava il quarto componente della banda, Pierino Levancovich, di 23 anni. L'hanno arrestato mercoledì mattina gli agenti del Commissariato di Quarto Oggiaro. Levancovich è stato fermato all'interno del campo nomadi di Muggiano. Al loro arrivo, nonostante fossero in borghese e a bordo di un'auto civetta, gli agenti sono stati accolti da una fitta sassaiola da parte dei nomadi presenti, che tuttavia non sono riusciti ad impedire l'arresto. «Sono solo contento per mio figlio. Adesso troverà pace e tranquillità», ha detto Salvatore Mazzara, il papà di Pietro.

 

Guarda il filmato

 


di Paola D'Amico
da corriere.it

 

 

 

Giovedì, 15 Marzo 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK