Domenica 31 Maggio 2020
area riservata
ASAPS.it su

Autotrasporto nazionale ed internazionale di cose e persone
Prontuario tecnico-operativo commentato ed annotato per l'accertamento delle infrazioni
di Franco Medri e Maurizio Piraino

Si tratta di un preziosissimo prontuario di oltre 1.000 pagine interamente dedicato alla normativa sull’autotrasporto di cose e di persone sia in ambito nazionale che internazionale, utile per un’immediata verifica della legittimità delle operazioni di trasporto che interessano il nostro Paese e la verbalizzazione delle violazioni che disciplinano lo specifico settore.
La presente edizione del 2012 tiene conto dell’applicazione integrale (dal 4/12/2011) dei nuovi Regolamenti comunitari nn. 1071, 1072 e 1073/2009 che disciplinano unitariamente il settore dell’autotrasporto (compresa l’attività di cabotaggio, dal 1° gennaio 2012 consentita sul territorio italiano a tutti i vettori comunitari), nonché delle conseguenti disposizioni nazionali che sono state impartite dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.


Al riguardo, si richiamano i decreti dirigenziali del 25/11/2011 e del 10/1/2012 adottati dal Capo del Dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici di tale Dicastero e le relative circolari esplicative, con cui sono state illustrate le nuove modalità di accesso ed di esercizio della professione di trasportatore su strada: possesso dei prescritti requisiti, rilascio dell’autorizzazione all’esercizio della professione (AEP) da parte del competente Ufficio della Motorizzazione Civile (UMC) attestante l’iscrizione dell’impresa sia nell’Albo degli autotrasportatori che nel Registro elettronico nazionale (REN), forme di disponibilità dei veicoli ammesse, ecc.
La parte relativa alla «scheda di trasporto» (per l’accertamento contestuale delle eventuali responsabilità dei soggetti facenti parte della filiera del trasporto: vettore, committente, caricatore e proprietario delle merci) è stata opportunamente integrata alla luce del recente coinvolgimento nell’attività di verifica della Guardia di Finanza laddove risulti sussistere un «fattore di rischio» di violazione alla normativa fiscale, generato dall’accertamento di alcune particolari irregolarità previste dalla legge 6/6/1974, n. 298 (artt. 26, 46 e 46-bis), dal decreto legislativo 21/11/2005, n. 286 (artt. 7 e 7-bis) e dal Codice della Strada (artt. 61, 62, 164 e 167).


Ogni area tematica, prima dell’elencazione delle varie ipotesi sanzionatorie riscontrabili, è preceduta da una parte introduttiva che ne illustra i principali contenuti, dove si è avuto cura di richiamare anche tutte quelle casistiche più «spinose» in cui spesso si imbattono gli operatori addetti ai controlli (transito in Italia da parte di vettori comunitari nell’ambito di trasporti diretti verso paesi extracomunitari, trasporti di cabotaggio sul territorio italiano con veicoli noleggiati in Italia, trasporti nazionali con veicoli noleggiati in un altro Stato comunitario, trasporti comunitari utilizzando semirimorchi immatricolati in Paesi extracomunitari, ecc.), in ordine alle quali state riportate numerose note di approfondimento di ordine giuridico, dottrinario, operativo e giurisprudenziale.


Allo scopo di facilitare le verifiche stradali nel testo sono state riportate anche le immagini – con tanto di didascalia – dei principali documenti che devono (o possono) essere esibiti dai conducenti (scheda di trasporto, lettera di vettura internazionale «CMR», licenza comunitaria, attestato di conducente, autorizzazione CEMT, autorizzazioni bilaterali, fogli di viaggio, ecc.).
Completa il lavoro un’appendice generale comune dedicata ai tempi di guida e di riposo dei conducenti, all’orario di lavoro ed alla carta di qualificazione del conducente con numerose tabelle riepilogative sia delle relative disposizioni che del regime sanzionatorio applicabile in caso di loro inosservanza.

 

Per ordini e acquisti: codice 3008Z



 

Mercoledì, 14 Marzo 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK