Lunedì 19 Aprile 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 31/01/2012

Ancora un investimento di un agente della Polizia Locale, ancora a Milano
La pattuglia reagisce e spara alle gomme
Un altro episodio che deve fare riflettere

L'auto civetta della polizia locale speronata dai banditi in fuga (Fotogramma)

(ASAPS) Dopo il tragico investimento dell'agente della Polizia Locale Nicolò Savarino, si ripete una scena di violenza criminale - stradale ancora a Milano.
Questa volta le cose sono andate un po' meglio. La pattuglia della Polizia Locale milanese ha fatto fuoco contro le gomme di un'auto che in fuga, dopo un furto in un negozio, li aveva ancora una volta puntati e un agente è stato colpito riportando lesioni da codice giallo.
Questa volta sembra che l'allarme scattato al 113 sia arrivato anche sulle onde radio dei di vigili che operavano in zona con una macchina di copertura.
Insomma puntuale come una cambiale è arrivata la conferma che a Milano il clima (non solo atmosferico) sta cambiando e sta cambiando di molto il ruolo eserictato dalla Polizia Locale nel controllo del territorio. Ci soo i fatti a dimostrarlo per quelli che hanno idee diverse.
La cronaca dell'episodio la leggete qui sotto. Noi come ASAPS puntiamo dritto su due cose che ci stanno a cuore: innanzi tutto auguri di pronta guarigione all'agente ferito e un appello a chi ha le responsabilità della gestione della sicurezza pubblica a Milano e a livello nazionale, non si trascuri questa situazione, si intervenga con idonee misure, fra queste anche la necessaria dotazione paritaria di strumenti operativi della Polizia Locale con le altre forze di polizia dello Stato. (ASAPS)

 




Recuperata la refurtiva: corni di rinoceronte sottratti in un negozio di antiquariato

Inseguimento dopo furto sui Navigli
Investito un vigile: «Tentato omicidio»

I banditi sono fuggiti dopo aver speronato l'auto civetta della polizia locale e travolto i due agen
ti

MILANO - Ancora un vigile investito a Milano, da banditi in fuga che non hanno esitato a travolgerlo. Per fortuna, diversamente dal collega coetaneo Nicolò Savarino, l'agente 42enne della polizia locale se l'è cavata con una serie di traumi e contusioni. Poteva andargli molto peggio: il comandante della polizia locale Tullio Mastrangelo non ha esitato a parlare di «tentato omicidio». Alla fine i banditi sono riusciti a fuggire, dopo aver speronato l'auto civetta, e il vigile è stato ricoverato in ospedale.

E' accaduto intorno alle 10.45 di martedì mattina in zona Navigli a Milano. I tre banditi avevano appena assaltato il negozio di antiquariato «Il Borghetto» in via San Maurilio, in pieno centro città, sottraendo tra l'altro due pregiati corni di rinoceronte, ed erano in fuga a bordo di una Mégane bianca con targa francese verso la periferia. Il proprietario del negozio ha subito dato l'allarme al 113.

In corso di Porta Romana due vigili in borghese su un'auto civetta, impegnati in un servizio anti contraffazione, hanno visto la Mégane bianca che, allontanandosi dal centro a forte velocità, ha rischiato di investire un pedone sulle strisce. A quel punto hanno iniziato l'inseguimento, collocando il lampeggiante blu sulla loro auto civetta. Mentre già erano in corsa hanno sentito, via radio, la descrizione dell'auto, segnalata dalla centrale per il furto in centro. In viale Gorizia, in zona Ticinese, i banditi hanno posto fine all'inseguimento speronando con la Mégane la vettura dei vigili. A quel punto i due agenti sono scesi per chiedere i documenti: il malvivente al volante però ha schiacciato l'acceleratore investendone uno, mentre l'altro cercava di fermare l'auto sparando tre colpi alle gomme.

La vettura ha proseguito la fuga ed è stata poi ritrovata in un parcheggio sopraelevato di un grande magazzino Oviesse, in via Gentilino. L’auto aveva le quattro frecce ancora accese, la fiancata sinistra e il posteriore danneggiati, la ruota anteriore sinistra e la posteriore destra bucata. A bordo sono stati trovati i due corni di rinoceronte rubati dai tre fuggitivi nel negozio di via San Maurilio. Sull'auto, la cui targa riporta il logo della «Region Aquitaine», hanno fatto i rilievi fino alle 13.45 i vigili del Nucleo investigazioni scientifiche (Nis) del Comando di Milano.

Il vigile investito presta servizio al Nucleo operativo della zona Duomo. Secondo le prime informazioni, ha riportato numerose contusioni. E' stato trasportato in codice giallo all'ospedale Policlinico, dove è stato sottoposto ad accertamenti per verificare che non abbia riportato fratture. Il collega coinvolto nello speronamento è stato a sua volta investito, ma ha riportato contusioni meno evidenti.

Questa mattina «c'è stato un tentato omicidio», ha affermato il comandante dei Vigili urbani di Milano Tullio Mastrangelo. «Dopo un lungo inseguimento i nostri agenti hanno ripetutamente cercato di fermare l'auto con a bordo i tre ladri che più volte ha cercato di speronarli e tamponarli», ha raccontato Mastrangelo, sottolineando che dopo l'ennesimo speronamento l'auto dei malviventi è rimasta bloccata per qualche secondo e quando i due agenti si sono avvicinati per identificare le persone a bordo, il conducente «ha sbalzato uno dei nostri e poi ha tentato di investire il suo collega che ha sparato ai pneumatici».

 


Sara Regina
da Corriere.it

 

 

 



 

Martedì, 31 Gennaio 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK