Giovedì 25 Febbraio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Corte di Cassazione 27/01/2012

OMISSIONE DI SOCCORSO STRADALE
Il reato è punibile anche a titolo di “dolo eventuale”, quando l’utente si allontana nonostante la probabilità che vi siano feriti

Commento di Ugo Terracciano

Dopo aver mancato la precedenza e cagionato un incidente con feriti, se ne era andata senza nemmeno lasciare il nome o un recapito. La ragazza in motorino cui aveva tagliato la strada, alzatasi dopo esser caduta, aveva avvicinato l’automobilista. Lei – la signora alla guida - si era preoccupata di chiederle come stava e, nonostante l’altra avesse risposto che le faceva male una spalla, aveva minimizzato, dicendo che se stava in piedi la cosa non doveva essere poi così grave. Poi, sollecitato dalla cognata, si era allontanata senza dare aiuto e senza nemmeno fornire i propri dati.
Così, il Tribunale di Trieste, nel 2008, l’ aveva condannata per i reati previsti dall’art. 189, commi 6 e 7, del codice della strada: fuga dopo l’incidente ed omissione di soccorso. Nel 2010 la Corte d’Appello, ritenuta inconsistente l’accusa relativamente alla fuga, poiché non fornire le proprie generalità configura solo un illecito amministrativo e non un reato (art. 189, comma 4), l’aveva assolta dalla prima imputazione ferma restando la condanna per omissione di soccorso.
Infine, la parola definitiva l’ha pronunciata la Cassazione con un “verdetto” di condanna(sentenza 27 giugno 2011 n. 25668), perché l’omissione di soccorso, se pure non deliberatamente commessa, è stata frutto di una certa consapevolezza e volontarietà (quello che in termini tecnici si dice “dolo eventuale”).
Certo, il reato di cui al combinato disposto dell'art. 189 C.d.S., commi 1 e 7, che punisce la violazione dell'obbligo di fermarsi e di "prestare assistenza alle persone ferite" da parte dell'utente della strada coinvolto nel sinistro, è punibile a titolo di dolo. Per la punibilità è cioè necessario che ogni componente del fatto (l'evento dell'incidente, il danno alle persone e l'esservi persone ferite necessitanti di assistenza) sia conosciuto e voluto dall'agente.
Ma si può parlare di fuga, se l’utente è convinto che non ci sia stato alcun danno alla persona? Si può cioè dire che il mancato soccorso è stato volontario, sebbene l’automobilista non sia certo che vi siano feriti da assistere.
Anche “il dolo eventuale  - ha ricordato la Corte – che si configura normalmente in relazione all'elemento volitivo, ma che può attenere anche all'elemento intellettivo, quando l'agente consapevolmente rifiuti di accertare la sussistenza degli elementi in presenza dei quali il suo comportamento costituisce reato, accettandone per ciò stesso l'esistenza” fa luogo alla responsabilità penale. Ciò significa che “rispetto alla verificazione del danno alle persone eziologicamente collegato all'incidente, è sufficiente (ma pur sempre necessario) che, per le modalità di verificazione di questo e per le complessive circostanze della vicenda, per l'agente si rappresenti la probabilità - o anche la semplice possibilità - che dall'incidente sia derivato un "danno alle persone" e che queste "necessitino di assistenza" e, pur tuttavia, accettandone il rischio, ometta di fermarsi” (Cass. pen. Sez. 4, n. 34134, 13.7.2007, Rv. 237239).

 

CORTE DI CASSAZIONE SEZ.IV 27 GIUGNO 2011 N. 25668

 

FATTO

 

Con sentenza in data 1.10.2008 il Tribunale di Trieste, in composizione monocratica, affermava la penale responsabilità di Lo. Ca. in ordine al reato (capo a) di cui all'articolo 189 C.d.S., comma 6 (per non aver fornito le generalità prima di ripartire dopo aver cagionato un sinistro stradale che arrecava lesioni a De. Gr. Ma. ) e di quello (capo b) di cui all'articolo 189 C.d.S., comma 7 per non aver prestato assistenza alla suddetta p.l. , condannando la Lo. alla pena di giustizia. La Corte di Appello di Trieste, con sentenza in data 4.10.2010, in parziale riforma di quella predetta, assolveva la Lo. dal reato sub a) riqualificato in quello di cui al Decreto Legislativo n. 285 del 1992, articolo 189, comma 4, perchè il fatto non è previsto dalla legge come reato, riducendo la pena principale e la sanzione accessoria e confermando nel resto. Avverso tale sentenza della Corte triestina ricorre per cassazione. Il difensore di fiducia di Lo. Ca. , deducendo:
1. la violazione di legge ed il vizio motivazionale, in ordine alla mancata valutazione della deposizione della teste Pa. , presente sul posto;
2. il difetto o manifesta illogicità della motivazione in ordine all'elemento psicologico del reato (ritenuto come dolo eventuale, laddove poi si fa riferimento alla negligenza, sintomatica della colpa; era inoltre del tutto contraddittorio cercare di fondare la decisione sull'asserita circostanza che l'imputata non avrebbe fornito i propri dati personali alla parte lesa).

 

DIRITTO

 

Il ricorso è infondato e va respinto.
La prima censura non risulta essere stata formulata in grado di appello onde ne scaturisce la sua inammissibilita' ai sensi dell'articolo 603 c.p.p., comma 3, se riguardata sotto il profilo della violazione di legge, nonché per la limitazione della cognizione del giudice di appello al devolutum, per quel che concerne la prospettazione del vizio motivazionale: del resto, non è tuttora consentito alla Corte di Cassazione di procedere ad una rinnovata valutazione dei fatti ovvero ad una rivalutazione del contenuto delle prove acquisite, trattandosi di apprezzamenti riservati in via esclusiva al giudice del merito.
Quanto al secondo motivo di ricorso, si deve riconoscere la piena congruità e correttezza della motivazione addotta dalla Corte territoriale sul punto. Infatti, il reato di cui al combinato disposto dell'articolo 189 C.d.S., commi 1 e 7, che punisce la violazione dell'obbligo di fermarsi e di "prestare assistenza alle persone ferite" da parte dell'utente della strada, in caso di incidente con danno alle persone comunque ricollegabile al suo comportamento, è punibile a titolo di dolo. Per la punibilità è cioè necessario che ogni componente del fatto tipico (segnatamente, oltre l'evento dell'incidente, il danno alle persone e l'esservi persone ferite, necessitanti di assistenza) sia conosciuto e voluto dall'agente. A tal fine è però sufficiente anche il dolo eventuale che si configura normalmente in relazione all'elemento volitivo, ma che può attenere anche all'elemento intellettivo, quando l'agente consapevolmente rifiuti di accertare la sussistenza degli elementi in presenza dei quali il suo comportamento costituisce reato, accettandone per cio' stesso l'esistenza: ciò significa che rispetto alla verificazione del danno alle persone eziologicamente collegato all'incidente, è sufficiente (ma pur sempre necessario) che, per le modalità di verificazione di questo e per le complessive circostanze della vicenda, per l'agente si rappresenti la probabilità - o anche la semplice possibilità - che dall'incidente sia derivato un "danno alle persone" e che queste "necessitino di assistenza" e, pur tuttavia, accettandone il rischio, ometta di fermarsi (cfr. Cass. pen. Sez. 4, n. 34134, 13.7.2007, Rv. 237239). E correttamente e' stata ritenuta la sussistenza del dolo eventuale traendone elementi dal peculiare comportamento tenuto nell'occasione dalla Lo. che, secondo l'attendibile versione della persona offesa che dopo essersi alzata dopo esser caduta dal motorino a seguito del sinistro cagionato dalla Lo. per non aver dato la precedenza, aveva avvicinato la De. Gr. alla quale aveva chiesto come stava e, nonostante la ragazza le avesse risposto che le faceva male una spalla, aveva minimizzato, dicendo che se stava in piedi la cosa non doveva esser grave e, sollecitata dalla cognata, si era allontanata senza dare aiuto e senza nemmeno fornire i propri dati.
Né sono dirimenti talune improprietà tecnico - giuridiche (circa il richiamo al concetto di negligenza) in cui e' incorsa la Corte territoriale che ha adeguatamente spiegato la sussistenza del dolo eventuale da parte dell'imputata, evidenziato dal comportamento tenuto nell'occasione teso a minimizzare (che implica la piena consapevolezza della loro esistenza e della necessità dell'assistenza) le lesioni rappresentate dalla p.l., non attendendo i soccorsi e nemmeno fornendo le proprie generalita', prima di allontanarsi.
Consegue il rigetto del ricorso e, ai sensi dell'articolo 616 c.p.p., la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali.

 

Per Questi Motivi

 

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali.

 

 



 

Venerdì, 27 Gennaio 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK