Sabato 22 Gennaio 2022
area riservata
ASAPS.it su

Falsità in atti – In atti pubblici – Verbali di accertamento di violazione al codice della strada – Alterazione di dati archiviati in computer senza manipolare il corrispondente supporto cartaceo – Reato di cui agli artt. 476 e 491 bis c.p. – Configurabilità

(Cass. Pen., sez. V, 14 dicembre 2005, n. 45313)

Integra il reato di cui agli artt. 476, comma primo e 491 bis c.p. (falso materiale in atto pubblico) la condotta del pubblico ufficiale che, in qualità di addetto al servizio di inserimento dati nel sistema di verbalizzazione informatica, alteri documenti informatici pubblici relativi ala predisposizione di verbali di accertamento di violazioni delle norme del codice della strada; né, a tal fine, rileva la circostanza che il sistema informatico coesista con quello cartaceo di supporto, in quanto l’art. 491 bis c.p. – che sanziona sia la falsità concernente direttamente i dati o le informazioni dotati, già in sé, di rilevanza probatoria sia quella relativa a programmi specificamente distinti ad elaborarli – riguarda tanto l’ipotesi in cui il sistema informatico sia supportato da riscontro cartaceo quanto quella in cui il sistema informatico sia del tutto sostitutivo di quello cartaceo.

Martedì, 03 Gennaio 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK