Sabato 07 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su

Scheda
"Consigli utili dell'Asaps sull'uso del casco"

(ASAPS) Cominciamo col dire che il casco è quell'oggetto di uso obbligatorio quando si viaggia su un matociclo o un ciclomotore, dentro il quale custodiamo il bene più prezioso che abbiamo: la nostra testa.

Ma per ottenere la massima protezione non potrà essere indossato con disinvoltura come un qualsiasi capo. Servono alcune perticolari attenzioni e cautele. Ecco alcuni suggerimenti:


- La scelta del casco al momento dell'acquisto.
Scegliete il vostro casco tenendo presente l'uso che ne farete e il grado di protezione che volete.
Il casco integrale, forse un po' più impegnativo, garantisce la protezione del mento e bocca e una maggior stabilita' in caso di urto.


Omologazione.
Controllate che il casco sia omologato ECE22.05, verificate l'etichetta cucita sul cinturino, i primi due numeri devono corrispondere all'emendamento, verificate che sia  05.
Sull'etichetta in un cerchio trovate una E con un numero che corrisponde alla nazione dove il casco è stato omologato (E1=Germania E2=Francia E3= Italia E4=Olanda).
Non acquistate caschi con omologazione DGM, non possono più essere commercializzati. Dal 12 ottobre 2010, poi, per effetto delle modifiche apportate all'articolo 171 dalla legge 120/2010, non è più possibile utilizzarli. Per cui, tutti i conducenti di ciclomotori e motocicli, debbono far uso di un casco omologato in conformità ai regolamenti emanati dall'Ufficio europeo per la Nazioni Unite - Commissione  economica per l'europa e con la normativa comunitaria.
Tuttavia ricordiamo che i vecchi caschi, cosiddetti a scodella, offrivano comunque  una protezione minore.
Non acquistate caschi di dubbia provenienza, assicuratevi che oltre alla etichetta
omologativa sia presente l'indicazione completa del costruttore con relativo indirizzo e telefono della fabbrica. Controllate dove è stato fabbricato il vostro casco, se non siete convinti e certi circa l'origine non acquistatelo: ne va della vostra vita.

 


- La misura del casco.
Non affidatevi alle taglie trascritte. La vera  misura del vostro casco la rilevate misurandovi la circonferenza della testa sopra le orecchie con un metro da sarto. Provate il casco della taglia corrispondente, non deve muoversi liberamente (rischierebbe di sfilarsi) e non deve comprimere la testa (non lo sopportereste per lunghi periodi).
Provate a sfilare il casco con la testa reclinata in avanti se il casco si sfila facilmente non è adatto alla vostra testa provate la taglia inferiore.
 
- Corrispondanza fra le taglie e le misure.
 

Taglia del casco

XXS

XS

S

M

L

XL

XXL

Circonferenza testa

51-52

53-54

55-56

57-58

59-60

61-62

63-64

 


- Uso del casco.
Il casco va portato sempre ben calzato ed allacciato in modo da non permettere che si muova liberamente.
Assicurarsi sempre che il cinturino sia ben allacciato e regolato in modo da tenere il casco
ben fermo durante la guida. Ricordiamo che non è sufficiente allacciare il casco col solo velcro.
 
- La manutenzione.
 In caso di incidente sostituire il casco. I danni causati da urti non sono sempre visibili, la calotta interna che ha lo scopo di assorbire l'urto si deforma in caso di compressione da urto e non assorbe ulteriori sollecitazioni.
La caduta da un'altezza di soli 2 metri, rischia di compromettere le qualità protettive del casco.
Pulire il casco solamente con acqua e sapone, non usare solventi o benzina non applicare adesivi e non verniciarlo. Anche il tessuto interno va pulito con acqua e sapone.
Il casco non va mai esposto a forti fonti di calore (fermi al sole per intere giornate estive, appoggiati ad una marmitta durante la marcia) che ne modifichrebbero le qualità protettive.

 


- La visiera.
Deve essere mantenuta pulita. La visierà è il vostro oblò verso il mondo esterno sul quale viaggiate.
Nel caso di danneggiamenti che riducono la visibilità sostituirla con una identica costruita per il vostro casco. Pulire la visiera con acqua e detersivo liquido per stoviglie non usare solventi, prodotti chimici o altri detergenti che potrebbero rovinarla.
 
- Le sanzioni.
Ricordiamo che il mancato uso del casco comporta una sanzione di 80,00 Euro, la sottrazione di 5 punti, (sanzioni applicabili anche se il casco è indossato in modo non corretto o non allacciato), e il fermo del veicolo per 30 giorni.
 
 
Buon viaggio col casco, dall'ASAPS

 

 

 

 

 

Giovedì, 27 Ottobre 2011
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK