Martedì 28 Settembre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 14/10/2011

SBIRRI PIKKIATI”

Le Polizie Locali investono nella formazione

A Forlì e a Ravenna corsi di Tecniche Operative di Polizia e Krav Maga per tutti gli operatori

(ASAPS) Noi dell’ASAPS è da diverso tempo che teniamo monitorati certi fenomeni che accadono ai danni di tanti operatori di polizia stradale impegnati nei loro servizi di istituto e, per cercare di dare una giusta collocazione a questi fenomeni, abbiamo creato ad hoc uno dei nostri osservatori chiamandolo appunto “Sbirri Pikkiati”. A fine luglio abbiamo diffuso il report dei primi sei mesi del 2011 dove sono stati registrati ben 1.050 episodi di violenza fisica (refertata) compiuti a danno di appartenenti alle forze di polizia e di pubblici ufficiali durante i controlli sulle strade. Come dire sei al giorno e uno ogni quattro ore. A scatenare l’aggressività dei conducenti o trasportati sottoposti a controllo: l’incapacità di frenare i propri istinti aggressivi, un diffuso rancore nei confronti di chi si impegna per far rispettare i codici della legalità, ma anche il non trascurabile effetto dell’alcol che come sempre gioca un ruolo da protagonista. Il Report ha appunto evidenziato la stretta, strettissima, relazione con l’uso di alcol e di armi proprie o improprie, rilevando che il 30,2% della violenza è legata alle ebbrezze: ben 317 aggressioni su 1.050. Si conferma importante tra le ebbrezze, la fattispecie legata all’uso di stupefacenti, 104 episodi sui 317, pari al 32,8% delle ebbrezze totali. Il 23,3% degli attacchi (245) è stato invece sferrato mediante l’uso di un’arma propria o impropria, considerando tale ogni mezzo capace di amplificare la forza fisica, compresa la stessa vettura.

In questo scenario abbiamo però visto crescere, in forme e modi diversi, la volontà di correre ai ripari da parte delle varie forze di polizia e degli stessi operatori. Sono infatti numerose le segnalazioni che ci sono giunte da varie parti di Italia di Comandi di Polizia Locale che hanno deciso di organizzare corsi di difesa personale e di tecniche operative per i loro agenti. Attualmente nel territorio romagnolo si sta affermando una vincente sinergia tra una associazione sportiva, l’A.S.D. Krav Maga Romagna e i Comandi di Polizia Municipale di Forlì e Ravenna, per la formazione degli agenti di Polizia Municipale con corsi di Tecniche Operative di Polizia e di Krav Maga. Noi dell’ASAPS abbiamo avuto modo di seguire da vicino e con attenzione questo tipo di attività, tanto da decidere, in collaborazione con la SAPIGNOLI, di sostenere queste iniziative divenendone sponsor ufficiali.

 

Un gruppo della Polizia Municipale di Ravenna

 

La cosa che abbiamo immediatamente notato è che l’A.S.D. Krav Maga Romagna è un’associazione sportiva fondata da sette ragazzi, sei dei quali operatori di Polizia Municipale in servizio presso i Comandi di Russi, Faenza e Imola, tutti Istruttori di Krav Maga certificati dalla Federazione Italiana Krav Maga, a seguito di appositi corsi di formazione. Questa particolarità ci ha fatto capire che la necessità di una congrua preparazione per gli operatori di polizia risulta essere oggi più che mai un’esigenza, tanto che alcune persone hanno deciso da anni di seguire privatamente un percorso di formazione personale al fine di cercare di essere il più possibile adeguati alle difficoltà operative della loro professione. Non solo, hanno anche deciso di condividere con altri colleghi le loro esperienze, conseguite in diversi anni con molti istruttori, alcuni dei quali in servizio presso la Gendarmeria Francese.
Per fare questo hanno deciso di costituire una associazione sportiva, così da poter dialogare anche con enti ed istituzioni, come i Comandi di P.M. di Forlì e Ravenna.
 

Elena Fiore, Comandante della Polizia Municipale di Forlì

 

La Dott.ssa Elena Fiore, Comandante della Polizia Municipale di Forlì, in una recente intervista rilasciata alla stampa locale ha infatti dichiarato che: “Nel vasto mondo delle Arti Marziali, la più appropriata delle discipline, anche se non esattamente classificata come tale, mi è sembrata il Krav Maga in quanto più vicino alle tecniche operative di polizia e quindi più confacente alle esigente dei nostri compiti istituzionali. Infatti, nei corsi ai quali hanno partecipato tutti gli agenti in servizio presso il Comando, non sono state insegnate tecniche di combattimento vere e proprie, ma più che altro sono state simulate situazioni operative. Questo tipo di approccio, a mio parere, è funzionale all’apprendimento di efficaci comportamenti i cui risultati finali sono fondamentalmente la difesa personale e l’eliminazione della situazione di pericolo.”
Il “Krav Maga” nasce agli inizi degli anni cinquanta parallelamente alla nascita dello stato di Israele e si è sempre più affermato con il tempo come una “tecnica di combattimento” semplice e pratica utilizzabile in diversi contesti operativi. Infatti, una delle caratteristiche principale del “Krav Maga” è quella di essere appreso in breve tempo, grazie al fatto che si basa su movimenti semplici e naturali e non richiede particolari doti fisiche.
I corsi tenuti dagli Istruttori l’A.S.D. Krav Maga Romagna sono stati appositamente studiati per gli operatori di Polizia Municipale, al fine di sviluppare, in maniera specifica e approfondita, il tema attuale, delicato e grave, delle aggressioni alle divise, così da fornire dei validi strumenti di prevenzione e di contrasto di questi fenomeni. All’interno dei corsi, ogni aspetto viene preso in seria considerazione, non limitandosi solo all'insegnamento di tecniche fisiche, ma anche alla simulazione teorica e pratica di situazioni di rischio e stress dove, grazie all’impiego di opportuni accorgimenti operativi, è possibile fornire agli operatori dei validi strumenti per affrontare al meglio le situazioni ad alto rischio. Gli argomenti trattati spaziano dalle tecniche di immobilizzazione a quelle di ammanettamento e di perquisizione, al contenimento    e controllo di soggetti alterati o sottoposti a ASO-TSO, fino a simulazioni di fermo e controllo dei veicoli.

 

Stefano Rossi, Comandante della Polizia Municipale di Ravenna

A tale proposito il Dott. Stefano Rossi, Comandante della Polizia Municipale di Ravenna ha dichiarato: “Quando, nell’agosto del 2008, ho accettato l’incarico di Comandante della Polizia Municipale di Ravenna ho immediatamente preso coscienza delle innumerevoli attività delle quali, giornalmente, si occupa un agente di Polizia Locale.
Dal controllo del territorio ai servizi di polizia stradale, dai controlli commerciali e di edilizia alle verifiche effettuate per il rilascio delle residenze, alle occupazioni abusive di immobili, al contrasto dell’abusivismo commerciale, all’esecuzione dei trattamenti ed accertamenti sanitari obbligatori, ecc..
Tutte queste attività possono costituire un’ipotetica situazione di pericolo, sia per l’operatore di polizia che per i cittadini. Ho, quindi, avviato una procedura informativa su ciò che, al momento, esisteva sul territorio in materia di difesa personale, al fine di programmare corsi di formazione per gli operatori. L’incontro con gli istruttori dell’Associazione Krav Maga è stato “fortuito” ma non proprio; molti di loro, infatti, sono colleghi delle Municipali in servizio presso alcuni Comuni della provincia di Ravenna. Svolgere lo stesso lavoro ha, sicuramente, facilitato i momenti di incontro e di confronto, rendendo più semplice esplicitare le necessità del Corpo.
Altri due elementi hanno, però, contribuito a far ricadere la scelta sull’Associazione Krav Maga Romagna, più precisamente: la tecnica utilizzata che, non richiedendo particolari metodi e/o doti fisiche, consente a tutti gli appartenenti al Corpo di frequentare il corso e, non da ultimo, lo spirito che anima gli istruttori dell’Associazione. Forte è, infatti, la passione che il Presidente e i suoi amici esprimono, nello svolgimento delle lezioni.
Al termine dei primi due corsi, ho avuto la possibilità di tracciarne un bilancio estremamente positivo tanto che, entro la fine del 2012, tutto il personale del Corpo frequenterà i corsi programmati.”
(ASAPS)

 

Corsi alle forze di Polizia ma non solo!

L’esperienza dell’associazione Krav Maga Romagna e di Linea Rosa Ravenna

 

Alessandra Bagnara, vice Comandante della Polizia Municipale di Ravenna

 

(ASAPS) L’A.S.D. Krav Maga Romagna si trova attualmente impegnata su diversi fronti per  la realizzazione di corsi di difesa per donne, di autoprotezione per il personale sanitario e di Tecniche Operative di Polizia e Krav Maga per operatori delle forze dell’ordine.
Fondamentale è stato l’incontro con Alessandra Bagnara, Presidente dell’associazione Linea Rosa, nonché Vice Comandante della Polizia Municipale di Ravenna, “Lavorare in collaborazione con il Krav Maga Romagna è stata un’esperienza unica e significativa che ci ha permesso di realizzare progetti comuni finalizzati alla realizzazione di corsi di difesa personale per donne e per determinate categorie di persone spesso vittime di violenza. Ho avuto modo di conoscere personalmente gli istruttori, tanto che ho percepito il fatto che loro svolgono quest’attività con passione, dedizione e spirito volontaristico, lo stesso spirito che contraddistingue anche le attività di Linea Rosa. “Violenza sulle donne in ambito sociale e lavorativo sanitario: prevenzione, presa in carico e continuità e monitoraggio” è il titolo dell’importante progetto che Linea Rosa sta seguendo con l’AUSL di Ravenna e che prevede anche la realizzazione di corsi di autoprotezione per medici ed infermieri, tenuti appunto dagli Istruttori del Krav Maga Romagna. Abbiamo inoltre in programma un corso di autodifesa gratuito, indirizzato alle donne, in collaborazione con il Comune di Cervia e lo Sportello Donna che prevede una parte teorica e una pratica per affrontare, in modo completo, il tema della sicurezza e acquisire le tecniche di autodifesa con il Krav Maga”.
Maggiori informazioni sugli argomenti trattati nei corsi possono essere reperite nel sito www.kravmagaromagna.it






 

Venerdì, 14 Ottobre 2011
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK