Martedì 28 Settembre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Sbirri Pikkiati 26/07/2011

Roma - Taxista nervoso colpisce con una testata un poliziotto sul GRA

Aveva in auto una mazza con anima in metallo

Foto Coraggio - archivio Asaps

 

(ASAPS) 26 luglio 2011- Forse se ne serviva per difendersi dai clienti potenzialmente pericolosi o forse, la utilizzava come “argomento” per convincere quelli che non volevano pagare la corsa. L’interrogativo rimane irrisolto visto che, invece di dare spiegazioni su quella mazza con anima in ferro rinvenuta nella sua auto, ha deciso di reagire assurdamente colpendo con violenza un agente della Polstrada che l’aveva fermato per un controllo. Protagonista, in negativo, dell’episodio un conducente di taxi che domenica notte ha aggredito con una testata un poliziotto della Sottosezione Polizia Stradale di Roma Settebagni, impegnato nell’attività di controllo sul Grande Raccordo Anulare.
L’uomo alla guida del mezzo di servizio era stato fermato dalla pattuglia di Stradalini che, a seguito dell’ispezione del veicolo, aveva rinvenuto il pericoloso bastone custodito nel bagagliaio. Neanche il tempo necessario per chiedere spiegazioni che il tassista si è avventato sull’agente e lo ha steso con una sonora e improvvisa “capocciata” procurandogli lesioni guaribili in 7 giorni.
A questo punto ci domandiamo: ma un taxista che reagisce in questo modo può veramente continuare a fare il taxista? La violenza che raccogliamo nell’osservatorio Sbirri Pikkiati ce ne presenta di tutti i colori, ma dal colore bianco di un taxi non ce l’aspettavamo. (ASAPS)

 

 

Martedì, 26 Luglio 2011
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK