Domenica 09 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su

Incidenti ai bambini sulle strade - Nei primi sei mesi del 2011 registrati 203 episodi con 31 vittime (+24%) e 228 feriti (+16%)
Fra le vittime 26 bimbi erano trasportati e 5 a piedi
Il maggior numero di sinistri nell’area urbana (69,4%)

La Lombardia è la regione con il maggior numero di incidenti (35)

33784

Tra i numerosi Osservatori il Centauro-Asaps, il più angoscioso è quello relativo agli incidenti con bambini coinvolti. I dati relativi ai primi sei mesi del 2011 evidenziano una situazione davvero preoccupante. Al 30 giugno l’Osservatorio ha monitorato 203 episodi significativi nei quali 31 bambini da 0 a 13 anni hanno perso la vita, di questi 6 erano bimbi stranieri. Duecentoventotto, invece, sono rimasti feriti. La maggior parte degli incidenti è avvenuta in area urbana con 141 eventi, pari al 69,4%. 41 gli incidenti avvenuti su statali e provinciali, 20,2% e 13 sulla rete autostradale, 6,4%.
Per 8 episodi non è stato possibile risalire alla tipologia della strada teatro del sinistro.
Delle 31 vittime, 26 erano bambini trasportati (128 feriti). 5 i bimbi investiti e uccisi mentre camminavano sulla strada (73 i feriti). 23 i bimbi feriti mentre erano in bicicletta e 4 i piccoli feriti mentre viaggiavano come passeggeri su moto o ciclomotori. La fascia d’età che paga il prezzo più alto è quella che va da 0 a 5 anni con 18 morti e 65 feriti.
Segue quella da 6 a 10 anni con 10 morti e 68 feriti, infine la fascia 11-13 anni con 3 morti e 39 feriti. In alcuni casi non è stato possibile accertare l’età esatta delle piccole vittime.
In 4 episodi il conducente investitore è risultato in stato di ebbrezza per alcol oppure sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. 14 gli eventi in cui i bimbi sono stati vittime di pirati della strada.
La regione che paga il costo più alto di incidenti stradali è la Lombardia con 35 eventi. Seguono l’Emilia-Romagna con 29 incidenti, la Campania e il Veneto con 16 e il Lazio e la Sardegna con 15. Confrontando i dati dei primi sei mesi del 2011, con quelli del medesimo periodo del 2010 si nota un aumento del numero complessivo degli incidenti, delle vittime e dei feriti. Le vittime nel 2010 furono 25, quest’anno 31 (+24%), e i feriti da 196 sono passati a 228 (+16%). Anche quest’anno come l’anno scorso le strade più pericolose per i nostri piccoli - potrà sembrare strano - sono state quelle urbane, proprio quelle dove si usano meno i seggiolini e si rispettano poco i pedoni negli attraversamenti.
Insomma quelle dove ci si fida di più... (ASAPS)

33784

33784

 

33784

 

Mercoledì, 03 Agosto 2011
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK