Lunedì 14 Giugno 2021
area riservata
ASAPS.it su
Comunicati stampa 23/05/2011

Incidenti ai trattori agricoli - L’Osservatorio il Centauro-Asaps nei primi quattro mesi del 2011 ha monitorato 115 episodi che hanno causato 63 vittime e 55 feriti
Preoccupante il dato relativo agli anziani, coinvolti in 45 sinistri

Rispetto allo stesso periodo del 2010 aumentano gli incidenti e le vittime, ma diminuiscono i feriti

33107

 

 

(ASAPS) Nei primi quattro mesi del 2011 l’Osservatorio Asaps sugli incidenti con mezzi agricoli coinvolti ha registrato 115 episodi. Di questi, 68 (59,1%) si sono verificati al nord, 25 (21,7%) al centro e 22 (19,1%) al sud. La maggior parte dei sinistri è avvenuta fuori strada, in sostanza l’ambiente classico del lavoro degli agricoltori, dove si sono verificati 89 episodi (77,4%), mentre 26 hanno avuto come scenario la strada. Nei 115 casi hanno perso la vita 63 persone e 55 sono rimaste ferite. Delle 63 vittime, 54 erano i conducenti del mezzo agricolo, 1 il trasportato e 8 terzi coinvolti. Dei 55 feriti, invece, 40 erano i conducenti del trattore e 15 terzi coinvolti. La maggior parte degli incidenti si è verificata nelle ore diurne, 109 episodi che rappresentano il 94,8% del totale; solo 6 sono avvenuti di notte. In 45 casi erano coinvolti anziani over 65. Rispetto allo stesso periodo del 2010 si registra un aumento del numero complessivo degli incidenti e delle vittime. Diminuiscono, invece, i feriti. Nei primi 4 mesi dell’anno scorso, l’Osservatorio monitorò 85 episodi, che causarono 47 vittime e 62 feriti. Anche nel 2010 la maggior parte degli incidenti avvenne fuori strada, 62, e nelle ore diurne, 80 casi.  (ASAPS)

 

 

33107

33107

 

33107

QUADRO RIEPILOGATIVO DI SINTESI
Copyright © ASAPS 2001-2011 tutti i diritti riservati
Elaborazione il Centauro/ASAPS
Fonte: referenti Asaps e cronaca
*Il totale delle percentuali non è perfettamente pari a 100 a causa degli arrotondamenti.
 

 

 

Lunedì, 23 Maggio 2011
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK