Giovedì 23 Maggio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 30/03/2011

Chiavari (Ge) - Morì in moto per colpa della velocità, assolto l’automobilista, lo ha stabilito il Giudice

Il tribunale si è pronunciato in merito all’incidente che nel 2009 costo la vita ad un centauro

Foto Blaco-archivio Asaps

(ASAPS), 30 marzo 2011- “Il fatto non costituisce reato”, lo schianto mortale fu causato ”dall’eccessiva velocità alla quale procedeva la moto della vittima”. Il giudice del tribunale di Chiavari, ha assolto con queste motivazioni un automobilista accusato di omicidio colposo in relazione all’incidente avvenuto a Rapallo nel marzo del 2009 costato la vita ad  un centauro di 21 anni. Secondo quanto ritenuto dai magistrati della Procura della Repubblica di Chiavari anche e soprattutto sulla base delle perizie effettuate nel corso delle indagini, l’uomo è stato assolto perché l’incidente fu causato dalla velocità della moto.
Decisiva in questo senso la consulenza fornita dall’ingegnere nominato dalla difesa. Il tecnico ha ricostruito nel dettaglio l’incidente, verificatosi di notte, alla periferia di Rapallo. Il consulente ha calcolato che prima della frenata, la moto della vittima viaggiava a una velocità di 120 chilometri orari in quel tratto di strada urbana dove la velocità prevista è pari a 50 chilometri all’ora. Se la motocicletta fosse transitata a un’andatura inferiore, ad esempio a 70 chilometri orari, lo schianto non si sarebbe verificato.
Inoltre, sia secondo l’accusa, sia per la difesa e il perito, il motociclista procedendo a quella velocità, sebbene con il faro anabbagliante acceso, non era chiaramente visibile da parte del conducente della vettura che impegnò l’incrocio quando il semaforo per la moto era “giallo” da circa due secondi. (ASAPS)
 
 

 

 

Mercoledì, 30 Marzo 2011
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK