Sabato 15 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 12/01/2010

Milano - Auto «sale» sul marciapiede e uccide ragazza di 19 anni

«Nessun segno di frenata». La vittima scaraventata lontano. I vigili: conducente forse in preda all’alcol

MILANO - Era girata dall’altra parte, guardava in fondo alla via, in attesa dell’autobus. Probabilmente, a sentire i primi confusi racconti dei testimoni, non si è neppure accorta della macchina fuori controllo alle sue spalle, che attraversava la carreggiata contromano prima di schiantarsi sulla fermata dell’autobus. La ragazza era ferma sotto la pensilina dell’Atm, due borse nelle mani, la cuffia dell’ipod sulle orecchie. È stata investita, trascinata, scaraventata qualche metro più in là.

È morta sull’asfalto di via Benedetto Croce, vicino alla fermata del metrò Uruguay, tra il quartiere Bonola e il Qt8. Erano passate da poco le sette e mezza di ieri sera. E l’uomo che l’ha investita, secondo i primi esami, aveva bevuto troppo. La ragazza uccisa è una giovane filippina, P. M., ad agosto avrebbe compiuto vent’anni. Dall’analisi della scena, i vigili del Nucleo radiomobile stanno ricostruendo la dinamica dell’incidente. L’auto, una Peugeot 307 grigia, viaggiava verso la periferia, probabilmente a velocità piuttosto alta. Difficile capire perché l’uomo al volante abbia perso il controllo: forse un malore, forse un sorpasso o una manovra azzardata. Sull’asfalto non è rimasta nessuna traccia di frenata. La macchina ha travolto la ragazza, fracassato una parte della pensilina dell’Atm, spezzato il segnale con gli orari degli autobus e poi spaccato il tronco di un albero, andando avanti per oltre 30 metri sul marciapiedi. L’uomo alla guida, 42 anni, è stato ricoverato all’ospedale Fatebenefratelli, in condizioni non gravi.

Il vicesindaco Riccardo De Corato ha spiegato che «se l’ipotesi dell’ubriachezza verrà confermata, sarà necessario prendere opportuni provvedimenti perché non si ripetano casi simili». Quando l’auto è piombata sul marciapiedi, ad attendere l’autobus c’erano altre due persone. Un uomo, 51 anni, è stato portato all’ospedale San Carlo, aveva solo lievi ferite. Ha raccontato: «Eravamo fermi, è successo tutto in un istante, il rumore, i vetri che si rompevano. Non abbiamo avuto neppure il tempo di renderci conto di cosa stesse accadendo». Un altro ragazzo è stato coinvolto nell’incidente, ma non si è fatto medicare. Via Benedetto Croce è una strada ampia, a quattro carreggiate, gli abitanti della zona raccontano che spesso le auto corrono troppo. A meno di 50 metri dal punto dell’incidente c’è una telecamera che dovrebbe aver registrato la scena. In serata un giovane, che seguiva la macchina finita fuori strada e si è fermato per i soccorsi, ha confermato ai vigili: «Ho provato ad avvicinarmi al guidatore, cercava di dire qualche parola, sembrava che avesse bevuto molto».

 

Andrea Galli - Gianni Santucci
Da corriere.it
 

 

Martedì, 12 Gennaio 2010
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK