Lunedì 28 Novembre 2022
area riservata
ASAPS.it su

Bruxelles - Multe, UE: si va verso un procedimento amministrativo uguale per tutti
All’ordine del giorno della commissione Trasporti del parlamento di Bruxelles, una direttiva comunitaria che unificherà gli archivi della Motorizzazione

Le resistenze della Terza Colonna



(ASAPS) BRUXELLES – Ormai ci siamo: i tempi per una verbalizzazione europea delle violazioni ai codici stradali dei vari stati membri, almeno nelle fattispecie di maggior rilevanza o gravità, sembrano maturi. È infatti assodato che in tutti i paesi dell’UE un numero estremamente rilevante di violazioni viene effettuato da conducenti stranieri. Ad oggi il campo è caratterizzato da una sostanziale impunità, ma nelle stanze di Bruxelles e di Strasburgo comincia a prendere forma il progetto di una direttiva europea che metterà i vari stati membri nelle condizioni di potersi liberamente scambiare le informazioni contenute negli schedari delle motorizzazioni nazionali. La notizia è del 9 dicembre scorso, quando si sono riuniti i ministri dei Trasporti dei 27 stati aderenti all’Unione Europea e quando una bozza della direttiva è stata preparata per essere esaminata in seno alla Commissione Trasporti del Parlamento Europeo, che l’ha messa all’ordine del giorno del prossimo 16 dicembre. Tuttavia, tra i ministri dei singoli paesi non c’è un accordo sostanziale e, anzi, sembra esserci una spaccatura sull’approccio giuridico della direttiva: un primo gruppo vorrebbe dare via libera ad un’iniziativa comunitaria per condurre ad un perfezionamento rapido e generalizzato del procedimento amministrativo necessario alla notifica transnazionale della contravvenzione, mentre una seconda fazione – chiamata Terza Colonna – vorrebbe sviluppare la norma nell’ambito della cooperazione di polizia e giustizia, mettendo in secondo piano il Parlamento e prevedendo un accordo tra gli stati membri, lasciando la possibilità a quelli “recalcitranti” di restare fuori. L’ETSC, ovviamente, propende per l’iniziativa parlamentare, che obbligherebbe tutti a rispettare le medesime regole, senza eccezioni. Noi dell’Asaps, ovviamente, parteggiamo per questa parte. (ASAPS)

Giovedì, 18 Dicembre 2008
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK