Domenica 24 Ottobre 2021
area riservata
ASAPS.it su

Massime di giurisprudenza - Falsità in atti - In certificati o autorizzazioni amministrative - Contrassegno invalidi - Reato di uso di atto falso

(Cass. Pen., sez. V, 7 luglio 2009, n. 27915)
Integra il reato di uso di atto falso (art. 489 c.p.) la condotta di colui che esponga nel cruscotto dell’auto, posteggiata in zona contrassegnata dall’obbligo di pagamento della sosta, una riproduzione fotostatica di contrassegno con autorizzazione al parcheggio di autoveicoli di proprietà di invalidi, in quanto, in tal caso, sussiste un’attività di contraffazione, intesa come imitazione fraudolenta di un documento, nella specie autorizzativo, individuato da specifiche caratteristiche formali, in modo da fare apparire la riproduzione come originale del quale ripete le caratteristiche.
Sabato, 09 Ottobre 2010
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK