Giovedì 28 Ottobre 2021
area riservata
ASAPS.it su

Massime di giurisprudenza - Guida in stato di ebbrezza - Accertamento - Spazio percorso ridotto - Rilevanza ai fini dell’esistenza del reato. Guida in stato di ebbrezza - Accertamento - Alcooltest - Natura vincolante delle relative misurazioni - Esclusione - Libero apprezzamento del giudice - Sussistenza - Limiti.

(Tribunale Penale di Camerino, 23 dicembre 2008)

La pericolosità (e quindi l’esistenza del reato) della condotta di guida posta in essere da soggetto che versi in stato di ebbrezza non dipende necessariamente dalla distanza percorsa alla guida; infatti, anche una manovra breve, sia nel tempo che nello spazio, è idonea a procurare danni a terzi. (Nuovo c.s. art. 186).

In tema di valori — soglia previsti dal comma 2 dell’art. 186 c.s., se anche una sola delle due misurazioni superi uno di detti valori il giudice ben potrà ritenere integrato il reato (o comunque la fattispecie più grave); infatti, l’art 186 c.s. non prevede affatto che lo stato di ebbrezza debba insistere per cinque minuti nell’ambito dello stesso intervallo di valori; il giudice dovrà però dimostrare, con motivazione esauriente e logica. che la misurazione del tasso alcolemico più elevato (fra i due) sia idonea da sola, o in combinazione con altri elementi di riscontro emersi dal processo, a provare il superamento di una certa soglia.
Venerdì, 08 Ottobre 2010
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK