Venerdì 19 Luglio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 13/03/2010

Roma, colpo grosso della Polizia al racket delle corse clandestine
Smantellato il “Gran Premio” dell’Anagnina: 120 agenti, con cinofili, medici del corpo e tecnici della Motorizzazione

Venti auto truccate confiscate, tre denunciati, decine di contravvenzioni


(ASAPS) ROMA – Di notte i grandi parcheggi delle metropoli si animano di piccoli motorshow fatti in casa. Alcune volte si tratta di semplici sfilate o raduni, per far sentire al rivale della supersportiva accanto il sound di una marmitta o la diffusione di uno stereo fantascientifico. Altre volte, invece, i parcheggi diventano pericolosi circuiti di velocità, dove auto super elaborate, capaci di superare i 300 cavalli, si danno battaglia a suon di scommesse illegali, quasi sempre in luoghi difficili da trovare, perché gli organizzatori si servono di un riservatissimo tamtam (spesso a mezzo di una catena di messaggini telefonici) che stabilisce all’ultimo momento il dove, il quando e, soprattutto, il chi. A Roma la Polizia Stradale e la Questura ne hanno scovato uno, di questi parcheggi, protetto da sentinelle in sella a velocissimi scooter in grado di avvertire tutti dell’imminente arrivo di eventuali scocciatori in divisa. È il parcheggio dell’Ikea all’Anagnina, luogo più volte indicato dai residenti come teatro di queste corse. Nei paraggi molti incidenti mortali, che hanno spinto i vertici romani della Polizia di Stato ad organizzare un’operazione in grande stile, sull’esempio di Fast & Furious. Nessun agente infiltrato tra i piloti ma in compenso ce n’erano tanti appostati sui tetti, muniti di telecamere, che hanno coordinato l’intervento di 55 pattuglie in divisa e in borghese, per un totale di oltre 120 poliziotti, entrati in azione contemporaneamente, bloccando ogni via di fuga. La trappola è stata fatale e solo un ragazzetto di 22 anni ha voluto provare l’ebbrezza di giocare a guardie e ladri, facendo scattare il potente motore della sua BMW elaborata, ma senza assicurazione, tentando a più riprese di speronare l’auto civetta che gli si era messa alle calcagna. Preso, dopo un lungo inseguimento, è finito nei guai. Una volta assunto il controllo della zona, i veicoli sono stati costretti a sfilare lentamente, uno dopo l’altro, ad un check-point dove erano nel frattempo arrivati tecnici della Motorizzazione Civile, specialisti del Servizio Cinofili ed i medici del Servizio Sanitario della Polizia di Stato: una ventina di auto truccate sono state sequestrate, mentre tre corridori sono stati denunciati a piede libero. Molte le contravvenzioni al codice della strada elevate per le modifiche apportate ai veicoli e per il superamento dei limiti di velocità. Ora gli investigatori cercheranno di smantellare l’organizzazione clandestina che gestirebbe il giro dei raduni e delle corse. Una storia nota, raccontata anche dal regista Massimo Vicari nel suo film “Velocità Massima”, interpretato da Valerio Mastrandrea. (ASAPS)


Sabato, 13 Marzo 2010
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK