Domenica 09 Maggio 2021
area riservata
ASAPS.it su

Telelaser: illegittimità della sanzione per mancata erogazione dello scontrino Giudice di Pace Borgomanero 01.03.2002

CASSETTO: Giuridico/Zappalà File: Web/0023


Telelaser: illegittimità della sanzione per mancata erogazione dello scontrino
Giudice di Pace Borgomanero 01.03.2002


REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IL GIUDICE DI PACE DI BORGOMANERO
 


 

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO


Il Giudice di Pace Avv. Bellini Carlo ha pronunciato la seguente


SENTENZA


nella causa civile iscritta al n. 152471 P del 21.01.2001

promossa da

A. E.
RICORRENTE con avv. Laura Turri e avv. Silvia Binotti

CONTRO

PREFETTURA DI NOVARA,
RESISTENTE con dott. A. Agresta

Avente per oggetto - ricorso avverso sanzione amministrativa

CONCLUSIONI per parte Ricorrente:
In accoglimento dell’opposizione: annullare il verbale di contestazione n. 152471 P del 21.01.2001 della Polizia Stradale di Romagnano.

CONCLUSIONI per parte resistente:
"Voglia il Giudice di Pace di Borgomanero:
Nel merito, ogni contraria - istanza disattesa respingere il ricorso presentato dal sig. A. E. perché infondato in fatto ed in diritto"


SVOLGIMENTO DEL PROCESSO


Con ricorso depositato 12.2.2001 A. E. conveniva dinanzi al Giudice di Pace di Borgomanero, la Prefettura di Novara opponendosi al verbale di contestazione n. 152471- P del 21.1.2001 della Polizia Stradale di Romagnano.

La Prefettura di Novara si costituiva in giudizio per contestare quanto chiesto da parte attrice in ricorso. Assegnata la causa al Giudice di Pace Avv. C. Bellini, la causa era chiamata all’udienza del 26.3.2001 successivamente rinviata al 28.1.2002 nella quale veniva svolta attività istruttoria ed infine rinviata all’udienza 1.3.2002 nella quale avveniva la discussione della causa.


MOTIVI DELLA DECISIONE


La domanda del ricorrente è fondata e pertanto va accolta.

A giudizio di questo giudicante non vi sono sufficienti ragioni per addirittura aderire alla tesi della assoluta inutilizzabilità dello strumento telelaser, anche se non ignora l’impostazione di un certo apprezzabile filone giurisprudenziale (peraltro non maggioritario!) che sostanzialmente fa capo alla sentenza 27.4.2000 del Tribunale di Padova.

Pur condividendo molte delle critiche sollevate al "sistema di accertamento con telelaser" che troppo affida alla precisione, abilità, attenzione e prontezza di riflessi degli accertatori ed auspicando l’introduzione di nuovi e più avanzati metodi di accertamento che eliminino anche a livello teorico le critiche e le perplessità da più parti segnalate non ritiene sia compito dell’autorità giudicante quella di disattendere di volta in volta l’omologa che alle apparecchiatura telelaser è stata conferita dagli organi a ciò preposti.

Tuttavia nel caso di specie va in particolare considerato che sostanzialmente, vi è un motivo di opposizione che non consiste nel contestare genericamente la attendibilità dei rilevamenti del telelaser utilizzato, perché sarebbe la stessa “metodologia di utilizzo a determinare la probabile fallibilità", ma si tratta di una lamentela relativa ad un malfunzionamento ben preciso che prende le mosse dalla mancata emissione del c.d. "scontrino" sul quale vengono meccanicamente annotate cioè "indelebilmente fissati" i dati dell’accertamento effettuato e che dovrebbe essere consegnato al trasgressore unitamente al verbale di contestazione.

Trattasi dunque non di una obiezione utilizzabile per tutti indistintamente i casi di contestazione di eccesso di velocità rilevati con telelaser bensì di una questione che riguarda questo singolo caso.

La mancata emissione dello scontrino non è stata minimamente giustificata dagli organi amministrativi cui competeva di farlo e ciò induce il giudicante a propendere per un malfunzionamento dell’apparecchiatura o quantomeno per un difetto della sua messa a punto, e pertanto considerato quanto sopra unicamente alle dichiarazioni della teste B. R. non può dirsi raggiunta la prova che l’opponente abbia commesso la violazione contestata. Cosi stando le cose, sussistono sufficienti motivi per compensare interamente le spese del giudizio


P.Q.M.


Il Giudice di Pace di Borgomanero Avv. Carlo Bellini

visto l’art. 23 della legge 24.11.1981 n. 689 cosi provvede:

Accoglie il ricorso ed annulla il verbale di contestazione n’ 152471-P del 21.1.2001 della Polizia Stradale di Romagnano. Spese compensare

Il presente dispositivo è letto all’udienza di discussione tenutasi in Borgomanero il 1.3.2002.

Il Giudice di Pace
Avv. Carlo Bellini

 

 

 

 

Venerdì, 22 Novembre 2002
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK