Giovedì 23 Maggio 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 03/03/2008

Cassino (Frosinone) - Parte “Parcheggi Rosa”, dedicato alle neo mamme

Previsti stalli di sosta riservati nei pressi di uffici di interesse pubblico
L’iniziativa è però una realtà in molte altre città italiane

16993


I parcheggi rosa a Parma sono già una realtà (foto tratte da parcheggi.it)

CASSINO (FROSINONE), 3 marzo 2008 – Parte oggi a Cassino un’importante iniziativa “civica”: parliamo dei “Parcheggi Rosa”, stalli di sosta dedicati alle auto a bordo delle quali viaggino, anche in qualità di trasportate, le neo mamme. Non si tratta di una novità assoluta, visto che ormai da tempo analoghe iniziative sono una realtà in città come Aosta, jesolo, Cantù, Rovigo, Trani, Parma e Barletta. C’è dunque un filo di civiltà che unisce il nord ad sud del nostro paese, sempre più alle prese invece con maleducazione e scarso rispetto del prossimo. A Cassino, i Parcheggi Rosa sono stati accuratamente selezionati dagli agenti di Polizia Municipale nei pressi di farmacie e di altri luoghi, tutti accomunati dall’interesse pubblico. I dettagli sono stati illustrati venerdì scorso (29 febbraio) dall’assessore Vincenzo Tiseo, il quale ha trasformato in realtà la proposta di Anna Teresa Formisano, consigliere comunale, nella cerimonia di consegna del primo permesso, assegnato a Katia Cece, mamma dal 7 febbraio scorso, quando ha dato alla luce il suo Davide. “Il permesso di sosta riservata – ha detto Tiseo – consentirà alle donne incinta e alle mamme con bambini fino ad un anno di età, di avere una riserva di posti di sosta appositamente definiti, e contraddistinti da un cartello di colore rosa, nei pressi delle farmacie della città, e degli uffici ASL”. Si tratta di una fase sperimentale, ma una volta che il tiro potrà dirsi aggiustato, è possibile che il comune valuti l’opportunità di estendere l’iniziativa a tutte le strutture pubbliche. “L’iniziativa – ha concluso l’assessore – tende a facilitare le donne in gravidanza o mamme da poco, che per motivi evidenti hanno difficoltà negli spostamenti”. Le donne interessate potranno chiedere il rilascio del tesserino presso l’assessorato alla Polizia Municipale munite di idonea certificazione di gravidanza rilasciata da struttura pubblica o di stato di famiglia attestante l’esistenza di un bambino che non abbia ancora compiuto un anno di età.
Nel caso che l’area riservata risultasse già occupata le donne in possesso del tesserino potranno utilizzare anche uno spazio adiacente, gratuitamente se a pagamento. (ASAPS)

© asaps.it
Lunedì, 03 Marzo 2008
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK