Domenica 20 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti
“STA cooperante” - Immatricolazione di veicoli nuovi ed usati oggetto di acquisto intracomunitario e rientranti nel regime di IVA a margine

(Circolare n. 19031 del 27 febbraio 2008)

Ad integrazione delle istruzioni operative già impartite con circolare prot. n. 108243 del 27 novembre 2007 e, da ultimo, con file avvisi prot. n. 3557 del 15 gennaio 2008, con la presente circolare si intendono fornire chiarimenti al fine di poter consentire l’immatricolazione di tutti quei veicoli il cui acquisto intracomunitario ricada nel regime dell’IVA a margine.

Si è verificato infatti, ed in tal senso sono pervenute segnalazioni a questa sede ed all’Agenzia delle Entrate, che numerosi veicoli provenienti da altri Stati membri della U.E., il cui acquisto rientri nel regime dell’IVA a margine, siano stati comunque censiti all’atto dell’ingresso in Italia, secondo le modalità previste dal decreto dirigenziale 30 ottobre 2007; tuttavia, proprio in ragione del particolare regime fiscale cui sono assoggettati i predetti acquisti, al sistema informativo della Motorizzazione non perviene, da parte dell’Agenzia delle Entrate, il dato relativo alla “validazione dell’IVA”, con la conseguenza di inibire l’immatricolazione dei veicoli in parola.

La questione è stata positivamente risolta dalla Agenzia delle Entrate con la circolare n. 14/E del 26 febbraio 2008, pubblicata sul sito www.agenziaentrate.it, la quale ha chiarito che nelle ipotesi in esame gli operatori nazionali interessati debbono preventivamente rivolgersi agli Uffici locali dell’Agenzia delle Entrate al fine del controllo della documentazione probante la sussistenza dei presupposti per l’applicazione del regime dell’IVA a margine.

A seguito dell’esito positivo del predetto controllo, l’Ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate provvede ad inviare al CED di questo Dipartimento, attraverso un apposito canale informatico dedicato, i dati identificativi del veicolo (ivi compreso il numero di telaio) al fine di consentirne l’immatricolazione.

In conclusione, quindi, l’immatricolazione dei veicoli il cui acquisto intracomunitario rientri nel regime dell’IVA a margine si rende possibile solo a condizione che nel sistema informativo della Motorizzazione risultino acquisiti i dati trasmessi dagli Uffici locali dell’Agenzia delle Entrate.

Si invitano gli Uffici in indirizzo ad assicurare la massima diffusione dei contenuti della presente circolare, il cui testo è consultabile sul sito internet www.trasporti.gov.it.

IL CAPO DIPARTIMENTO
(Dott. Ing. Amedeo Fumero)




Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Venerdì, 29 Febbraio 2008
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK