Mercoledì 24 Febbraio 2021
area riservata
ASAPS.it su

Massime di giurisprudenza - Depenalizzazione – Ordinanza-ingiunzione – Opposizione – Competenza

(Cass. Civ., Sez. I, 18 marzo 2005, n. 05977)
Per quanto la previsione di limiti temporali nella guida di automezzi, contenuta negli artt. 6 e 7 Reg. CEE n. 3820/85, sia finalizzata a ragioni, oltre che di sicurezza dei trasporti su strada, anche di tutela dei lavoratori del settore, tuttavia il superamento di quei limiti è previsto e punito come illecito amministrativo dall’art. 174 del codice della strada approvato con D.L.vo 30 aprile 1992, n. 285, ossia da un testo normativo in materia di circolazione stradale; pertanto questa essendo la materia regolata dalla norma che prevede l’illecito, non può trovare applicazione la deroga in favore del tribunale – prevista dall’art. 22 bis, comma secondo, lett. a), legge n. 689 del 1981 (aggiunto dall’art. 98 D.L.vo 30 dicembre 1999, n. 507) «quando la sanzione è stata applicata per una violazione concernente disposizioni in materia (…) di tutela del lavoro (…) e di prevenzione degli infortuni sul lavoro» - alla generale competenza del giudice di pace in materia di opposizioni ai sensi dell’art. 22 della stessa legge.

© asaps.it
Mercoledì, 30 Gennaio 2008
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK