Mercoledì 24 Febbraio 2021
area riservata
ASAPS.it su

Massime di giurisprudenza - Depenalizzazione – Ordinanza - ingiunzione – Emissione – Ordinanza del prefetto

(Cass. Civ., Sez. I, 17 marzo 2005, n. 5813)

In tema di applicazione di sanzioni amministrative per violazioni al codice della strada, il rispetto del termine concesso all’Ufficio cui appartiene l’organo accertatore (giorni trenta, ex art. 203 c.s. nel testo vigente prima delle modifiche del 1999) e al prefetto per l’eventuale istruzione integrativa e l’emissione del provvedimento (giorni sessanta, ex art. 204 del testo originario, applicabile ratione temporis) costituisce requisito di legittimità del provvedimento medesimo, sia esso un’ordinanza-ingiunzione di pagamento della sanzione amministrativa o un’archiviazione, sicché la sua inosservanza configura una violazione di legge e comporta l’annullabilità del provvedimento sanzionatorio adottato.


© asaps.it
Giovedì, 24 Gennaio 2008
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK