Mercoledì 24 Febbraio 2021
area riservata
ASAPS.it su

Massime di giurisprudenza - Competenza penale - Competenza per materia Reato di guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti - Competenza - Tribunale

(Cass. Pen. Sez. IV, 18 maggio 2006, n. 17003)

Dopo la modifica introdotta dall’art. 6 D.L. 27 giugno 2003, n. 151, che ha attribuito al tribunale la competenza per materia in ordine al reato pre­visto dall’art. 186 del codice della strada (guida in stato di ebbrezza), anche il reato di cui all’art. 187 (guida in stato di alterazione per uso di sostanze stupefacenti) deve ritenersi di competenza del tri­bunale, in quanto il richiamo all’art. 186, contenu­to nel settimo comma del novellato art. 187, deve intendersi riferito sia al trattamento sanzionatorio che alla disciplina sulla competenza, al fine di evi­tare che interpretazioni differenziate sul regime processuale espongano la norma a censure di co­stituzionalità. (In motivazione, la Corte ha osser­vato che ragionare diversamente, e ritenere il reato ex art. 187 di competenza del giudice di pace, consentirebbe all’imputato di ottenere l’ammissione alla oblazione ex art. 162 bis C.p., stante la alternatività delle pene previste per tale contravvenzio­ne nel procedimento speciale, mentre la stessa eventualità resta esclusa per il reato di cui all’art. 186 che, nel rito ordinario dinanzi al tribunale, è punito con pena congiunta).


© asaps.it
Sabato, 19 Gennaio 2008
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK