Lunedì 09 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su

Rassegna stampa Alcol e guida del 27 dicembre

A cura di Alessandro Sbarbada e Roberto Argenta

L’ECO DI BERGAMO


Gli incidenti Madre, padre e bimba uccisi. Gravissima la sorellina di 12 anni
Ubriaco alla guida di un Suv: famiglia sterminata a Bergamo (*)


Vittime sulle strade del Natale. «Spesso è colpa dell’alcol» Un altro incidente si è verificato a Sanremo: una coppia è rimasta ferita in modo grave

MILANO — Gli eccessi del Natale: acquisti, cibo e anche l’alcol. C’è un brindisi fin troppo abbondante dietro la tragedia che il pomeriggio del 25 dicembre ha distrutto una famiglia in provincia di Bergamo: l’utilitaria su cui viaggiava è stata centrata frontalmente da un Suv guidato da un artigiano con un tasso d’alcol nel sangue 5 volte superiore al consentito. Dei quattro componenti della famiglia Chizzoli residente a Montello, nella Bergamasca (padre, madre e due figlie di 10 e 12 anni) solo la maggiore delle ragazzine è sopravvissuta.

Ma secondo forze dell’ordine e ministero della Salute c’è l’alcol dietro molti dei 14 morti che si sono contati sulle strade italiane in questi giorni di Natale.

Inevitabili le polemiche che stanno già crescendo in queste ore, alimentate anche dal fatto che il responsabile della strage avvenuta vicino a Bergamo è «semplicemente » denunciato a piede libero. Marco Ravelli, 32 anni — questo il suo nome — martedì aveva appena lasciato la casa dei genitori a Grumello del Monte. Si è messo al volante di un Grand Cherokee intestato alla ditta di famiglia lungo la provinciale che costeggia la A4.

Ravelli aveva davanti a sé un’auto in procinto di svoltare a destra per entrare in un distributore di benzina. Il Suv non avrebbe atteso il termine della manovra ma avrebbe aggirato l’auto, invadendo la corsia opposta. In quell’istante arrivava una Fiat Punto con a bordo Antonio Chizzoli, 47 anni, carrozziere, la moglie Maria Teresa, 44 e le loro figlie Linda di 10 e Michela di 12: erano diretti a Sarnico, sul lago d’Iseo per concludere il Natale a casa di alcuni parenti. La sera della Vigilia le due sorelline avevano partecipato al Presepe vivente della loro parrocchia e anche il papà era tra i figuranti della rappresentazione.

Sostengono i carabinieri che la velocità dei mezzi non fosse superiore ai 70 orari, ma l’impatto frontale non ha lasciato scampo a chi viaggiava sulla Punto. Linda e i genitori sono morti sul colpo, Michela è stata strappata alla morte solo dopo un delicato intervento al volto e alle gambe nell’ospedale di Bergamo. Le sue condizioni restano gravi.

I motivi della strage sono venuti a galla quando i carabinieri hanno fatto il test dell’alcol a Ravelli: il guidatore del Cherokee aveva una concentrazione di 2,7, contro un limite consentito di 0,5. Gli è stata immediatamente ritirata la patente ed è stato denunciato per omicidio colposo plurimo.

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità ben 7 milioni di italiani consumano quantità di alcol considerate a rischio e più di metà degli incidenti stradali in Italia è causata da persone che si mettono al voltante in stato di ebbrezza. Sempre secondo l’Istituto, la media degli incidenti mortali durante festività e fine settimana è quattro volte superiore a quella degli altri periodi dell’anno.

L’alcol, ad esempio, è certamente all’origine di un altro incidente avvenuto il giorno di Natale sulle strade italiane: a Sanremo, lungo l’Aurelia, un giovane ha perso il controllo della sua macchina mandando a sbattere contro il guard rail una vettura sulla quale c’era una coppia, rimasta ferita in modo serio. Da stabilire invece la cause della tragedia costata la vita, sempre il pomeriggio del 25, a un bimbo di 8 anni che viaggiava con la famiglia su un camper sulla A1 in provincia di Parma: un’auto ha centrato il mezzo scaraventando il bimbo fuori dal camper.

Claudio Del Frate

(*) Nota: di fronte a tragedie come questa viene da chiedersi cosa si può fare di più. La drammaticità di questi eventi è resa ancora più acuta dalla consapevolezza che le morti causate dalla guida in stato di ebbrezza sono tutte evitabili. Apparentemente evitare di associare alcolici e guida è una precauzione alla portata di tutti, in realtà questa semplice misura di sicurezza è resa complessa, e spesso vanificata, dalla interazione con condizionamenti psicologici, sociali e culturali. Contro questa complessità si scontrano quasi tutte le proposte educative, di informazione e di offerte di modelli di comportamento. Qualsiasi proposta deve ricondursi all’unico concetto categorico: “se si beve non si guida se si guida non si beve”. Effettuare un test alcolimetrico ad ogni controllo eseguito ai guidatori è tecnicamente fattibile. Basterebbe aggiungere una riga al Codice della strada. La stragrande maggioranza delle persone consapevole delle tragiche conseguenze della guida in stato di ebbrezza, e accetterebbe con favore delle proposte concrete.

Secondo voi, unendo tutte e forze ed associazioni che hanno a cuore questo problema, sarebbe proponibile una raccolta di firme per una legge di iniziativa popolare finalizzata a rendere obbligatorio l’alcol test a tutti i guidatori controllati?


ASAPS

Guida in stato di ebbrezza

In Italia chi guida ubriaco, a velocità folle, sorpassa in curva, magari senza patente e distrugge una famiglia, purché si fermi e si metta a disposizione della polizia non è mai passibile di arresto. Migliorano però nettamente i dati degli incidenti del fine settimana dopo la legge 160 -9% i sinistri, -21% le vittime (-28% i morti di notte)

Forlì 27.12.2007 - Siamo veramente stupiti nel constatare che ci si “stupisca” del fatto che chi distrugge una famiglia perché ubriaco alla guida, non vada poi a finire in galera.

Come dicono molti addetti ai lavori in divisa, il nostro è un Paese nel quale sulla strada si può uccidere come si vuole e non si paga. Mai. Un esempio. Se un ubriaco alla guida con valore alcolemico anche altissimo (2/3 g/l), fa un sorpasso in curva, a velocità folle, magari anche senza patente, ammazza 3 o 4 persone e distrugge una famiglia, purché si fermi e si metta a disposizione della polizia giudiziaria, non è mai passibile di arresto immediato in quanto l’ipotesi di arresto facoltativo prevista dal 589 CP in questi casi non scatta per la specifica previsione esimente dell’art189/8° CdS (Comportamento in caso di incidente – Articolo sulla pirateria stradale).

Poiché è noto che per la violenza stradale da guida in stato di ebbrezza l’attuale assetto normativo fa sì che l’ipotesi di omicidio volontario non regga, serve una modifica legislativa che fissi in modo preciso e specifico le ipotesi di dolo eventuale.

Al momento la più forte azione attivabile è la leva dei controlli con l’etilometro. Con l’inasprimento delle sanzioni del CdS intervenuto dopo l’entrata in vigore della recente legge 160, la norma che vieta anche la somministrazione di alcolici dopo le due di notte si iniziano a vedere i primi risultati.

Secondo una analisi dell’Asaps, confrontando i dati degli incidenti stradali del fine settimana nei primi 9 mesi del 2007 rispetto allo stesso periodo del 2006 e confrontandoli con le 11 settimane del trimestre ottobre –dicembre 2007 (dopo l’entrata in vigore della legge 160 fino al 16 dicembre), si può constatare che gli incidenti sono passati da un -6% a -9%, i morti sono passati da -4,6% nei primi 9 mesi a -21,7% nelle settimane di ottobre-dicembre, i feriti da -4,4% a -11,5%. Rilevante il dato del miglioramento delle vittime fra i giovani sotto i 30 anni, passate da + 0,3% nei primi 9 mesi a -21,9% negli ultimi 3 mesi. Le vittime nelle notti del fine settimana sono passate da -6,4% a -28,4%, una diminuzione ben quattro volte superiore a quella dei primi 9 mesi.

Anche i 3 giorni natalizi 24-25-26 hanno dato risultati confortanti con 25 vittime rispetto alle 40 del 2006 e del 2005 (-37,5%).

Servono quindi più pattuglie attrezzate su strada per arrivare ad almeno 2/3 milioni di verifiche, con l’eliminazione della facoltà di rifiutare il controllo con l’etilometro e una specifica normativa sul dolo eventuale, insieme ad una informazione corretta e non viziata dalla tutela di interessi economici. Allora i risultati arriveranno.

Giordano Biserni Presidente Asaps


L’ECO DI BERGAMO

I processi Le stragi degli automobilisti ubriachi: 6 mesi, subito liberi

Quando per imporre il carcere il giudice citò il Vajont

MILANO — Ci ha provato più di un pubblico ministero. Davanti a qualcuno ucciso da una persona ubriaca al volante ha ipotizzato non l’omicidio colposo ma quello volontario. La formula giuridica è il «dolo eventuale». L’automobilista in questione, cioè, mettendosi alla guida dopo aver bevuto un bicchiere di troppo ha accettato il rischio di provocare uno schianto mortale.

Risultato? Tutto inutile. Non c’è un solo caso in cui l’accusa dell’omicidio volontario sia rimasta in piedi. Tutt’al più ha retto qualche giorno, fino all’udienza del Tribunale del riesame. Poi si è sempre tornati all’omicidio colposo: arresto fino a 6 mesi e quindi (tenuto conto dei benefici di legge), scarcerazione dell’automobilista di turno. «Un teorema che vale per tutti escluso il mio assistito» si arrabbia Felice Franchi, avvocato di Marco Ahmetovic il rom che, con un tasso alcolico nel sangue superiore di sei volte al consentito, travolse e uccise con il suo furgone quattro ragazzi ad Appignano del Tronto. Era aprile. «E Marco è ancora in carcere — se la prende l’avvocato —. È un caso unico nella storia della nostra Repubblica. Il giudice l’ha condannato a sei anni e sei mesi raddoppiando la richiesta dell’accusa e per giustificare il carcere nella sentenza non ha citato precedenti incidenti stradali ma il disastro del Vajont. Ha dovuto risalire fin lì per trovare un reato colposo davvero grave. Ma che c’entra con un incidente stradale? In 40 anni non s’è mai visto niente del genere». Oggi il tribunale di Ascoli Piceno dirà se Ahmetovic deve rimanere in carcere o tornare agli arresti domiciliari, dov’è rimasto fino al 20 dicembre quando è stato riportato in cella per un contatto telefonico avuto con un pregiudicato. Comunque finisca, il ragazzo rom (accusato di omicidio colposo, guida in stato di ebbrezza e resistenza a pubblico ufficiale) oggi non tornerà certo libero.

Sono invece indagati ma liberi tutti gli altri automobilisti-omicidi per colpa. Compreso Corrado Avaro, 30 anni. Con due precedenti per guida in stato di ebbrezza (nel 1999 e nel 2004), il 15 luglio scorso si mise al volante ubriaco e uccise Claudia Muro, 16 anni (di Pinerolo Torino). Rimase in carcere pochi giorni, poi fu affidato a una comunità.

Contestazioni a piede libero anche per Stefano Conte, 24 anni, di Casalnuovo (Napoli). Alla guida della sua Audi dopo un bicchiere di troppo, a luglio, lui causò uno scontro lungo l’autostrada Caserta-Salerno: morirono due fratellini di 11 e 10 anni e un loro cuginetto di 6. A Cremona, sempre a luglio, l’albanese Ashim Tola, guidando ubriaco si schiantò con la sua auto contro quella che arrivava dalla corsia opposta. Morirono quattro ragazzi. Il pubblico ministero non decise né il fermo né l’obbligo di firma o di dimora.

È successo anche a Napoli dove a pagare con la vita è stato un bimbetto di dieci mesi che viaggiava in auto con i suoi genitori. Contro quella macchina finì l’utilitaria di un ragazzo che aveva bevuto tre boccali di birra da mezzo litro. Anche lui, alla fine, fu solo denunciato per omicidio colposo.

Il limite oltre il quale il conducente è considerato in stato di ebbrezza è di 0,5 grammi per litro. Chi viene controllato e ritenuto «in stato di ebbrezza » quasi sempre supera quella soglia di almeno due volte. Abbastanza per diventare un Ahmetovic, un Tola, un Avaro... un omicida.

Giusi Fasano


IL MATTINO

Ubriachi al volante, una strage senza fine

VALENTINA RONCATI

Roma. Una famiglia distrutta nel Bergamasco, una donna e un bimbo morti sull’A1 Milano-Napoli, in direzione di Milano, tra i caselli di Fidenza e Fiorenzuola. Sono le vittime degli incidenti stradali più gravi di queste festività. Una vera e propria mattanza: 14 morti il giorno di Natale e 7 nella giornata del 24 dicembre. E, nella maggioranza dei casi, il killer è ancora una volta l’eccessivo uso di alcol. L’incidente più grave nel Bergamasco. Un’intera famiglia distrutta, Antonio Chizzoli di 47 anni, sua moglie, Maria Teresa Bertoli di 44, e la loro figlia di 10, Linda sono morti sul colpo in un incidente stradale avvenuto il 25 pomeriggio a Grumello del Monte (Bergamo) per lo scontro con un suv Cherokee, lungo la strada provinciale 91. Necessario l’intervento dei vigili del fuoco per estrarre i corpi dalle lamiere. Ferita nello schianto anche l’altra figlia di 11 anni, unica sopravvissuta e ora ricoverata in ospedale in condizioni gravi. La famiglia, originaria di Montello, viaggiava a bordo di una Fiat Punto quando si è scontrata con il fuoristrada; il trentaduenne alla guida, illeso, risultato positivo al test dell’alcol, è ora indagato a piede libero con l’accusa di omicidio colposo plurimo. Un altro ubriaco al volante, un giovane di Sanremo, ha perso il controllo della sua auto la sera di Natale sull’Aurelia, all’altezza di Pian di Poma, nel comune di Sanremo, finendo contro un altro veicolo a bordo del quale viaggiavano un uomo e una donna che si trovano ora ricoverati in prognosi riservata all’ospedale di Sanremo per le lesioni riportate. Vittime anche sull’A1 Milano-Napoli, tra Fidenza e Fiorenzuola: un bambino di otto anni e una donna di 34 sono morti e cinque persone sono rimaste ferite nell’incidente avvenuto la sera di Natale al chilometro 80. Il bimbo, assieme ad altre cinque persone, era a bordo di un camper che si è prima ribaltato e poi è stato travolto da una Opel Meriva. La conducente dell’auto è morta nell’impatto. E a Forte dei Marmi rischia di diventare tetraplegico Stefano Drago, il cicloamatore di 59 anni, travolto da un’auto mentre era in sella alla sua bicicletta da corsa con un gruppo di ciclisti. L’uomo è stato trasportato d’urgenza alla clinica universitaria di neurochirurgica del Santa Chiara di Pisa dove è stato operato. Decisive le prossime ore per capire la sua capacità di recupero. E una banale caduta dalla bicicletta è costata la vita ieri ad un imprenditore noto in Friuli, Bruno Degano, 50 anni, titolare di una birreria. In Umbria una donna di 40 anni è morta la notte di Natale, nei pressi di Sovicille (Siena), in seguito ad un incidente causato da un cinghiale che stava attraversando la strada. La donna viaggiava su un’auto guidata da un conoscente quando all’improvviso l’animale è comparso sulla carreggiata. Il mezzo ha travolto il cinghiale ed è andato fuori strada. A Rapallo, invece, un anziano di 71 anni è morto la notte di Natale, in un incidente stradale mentre viaggiava sull’autostrada A12 Genova-Livorno. L’uomo era diretto a Carrara, sua città di origine, per trascorrere le festività natalizie con i parenti quando, a causa di un malore o per una distrazione, ha perso il controllo del veicolo andando a sbattere contro una cuspide, all’altezza dell’uscita autostradale di Carrodano, e l’auto si è ribaltata.

L’INTERVISTA

«Il consiglio: prima di mettersi alla guida aspettare almeno due ore» (*)

DANIELA CIPOLLONI «Se dovete guidare, non bevete, lasciate le chiavi della vostra auto a un amico o prendete un taxi». È un appello alla prudenza quello lanciato da Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio nazionale alcol dell’Istituto superiore di sanità, dopo le ultime stragi al volante. Professor Scafato, ancora morti per guida in stato di ebbrezza. È un bollettino di guerra destinato a salire? «Purtroppo durante le festività natalizie, come nei weekend, il numero di incidenti sulle strade legati al consumo di alcol aumenta. Ci aspettiamo altre vittime nella notte di Capodanno. Si brinda e si festeggia, senza rendersi conto che anche moderate quantità di alcolici sono incompatibili con la guida». Come regolarsi, per non superare il limite di legge? «Il tasso alcolemico consentito in Italia è pari a 0,5 grammi per litro ma la tolleranza all’alcol dipende da molti fattori: cambia se si beve a digiuno o a stomaco pieno, se si è grassi o magri, uomini o donne, giovani o adulti. Per l’Organizzazione mondiale della sanità e il nostro Osservatorio, la sicurezza alla guida è garantita solo da un consumo pari a zero. L’alcol e la guida sono incompatibili, come l’alcol e la gravidanza, il lavoro o l’infanzia. Ma non bisogna essere intransigenti». In che senso? «Si può bere un bicchiere in compagnia, brindare all’anno nuovo e divertirsi. Basta poi non mettersi alla guida. Meglio chiedere a un amico sobrio di guidare per noi. In Italia il 30 per cento della popolazione è astemio, è probabile trovare qualcuno disposto ad accettare». Se a tavola si è bevuto, quanto tempo bisogna aspettare prima di mettersi al volante? «Per smaltire un bicchiere di vino, un boccale di birra o un superalcolico, che equivalgono a 12 grammi di alcol, il fegato impiega due ore. Dopo un brindisi con un paio di bicchieri di spumante, dunque, basta evitare il volante per almeno quattro ore». Secondo lei, sarebbe utile inasprire le sanzioni per chi guida ubriaco? «La legge da sola non può cambiare i comportamenti, ma certo sarebbero utili controlli severi e capillari. In Italia, chi guida ubriaco rischia un controllo ogni 170 anni. È chiaro che una probabilità così bassa di fare un etilo-test non funziona come deterrente, specialmente sui più giovani». 

(*) Nota: leggendo l’articolo risulta chiaro che il consiglio di aspettare due ore dall’assunzione di alcolici per poi guidare se l’è inventato il giornalista. Come sempre Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio nazionale alcol dell’Istituto superiore di sanità, ribadisce sostanzialmente lo slogan “o bevi o guidi”.


IL TEMPO

Il consiglio

«Chi guida eviti anche un semplice brindisi»

27.12.07 - Cenone, discoteca, brindisi, e poi ancora bevute per lunghe ore. Per milioni di italiani le feste trascorrono con un irrinunciabile aumento del tasso alcolico, una «libertà» che ci si concede magari solo due o tre volte l’anno, ma che può costare cara: decine di morti ogni anno per incidenti stradali dopo il veglione e durante le Feste, con una media quattro volte superiore rispetto al resto dell’anno. 

A lanciare l’invito alla moderazione è Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio Nazionale Alcol dell’Istituto Superiore di Sanità. «La gente deve divertirsi - precisa Scafato - ma stando al sicuro. Si può bere quanto si vuole, ma se poi si deve guidare bisogna assolutamente bere poco o niente». Bastano due bicchieri di vino, ricorda l’esperto, per sforare il limite dei 0,5 grammi di alcol per litro di sangue.


LA SICILIA

I dati della sanità 

Sette milioni di italiani alzano troppo il gomito 

Sono troppi e troppo giovani i consumatori di bevande alcoliche in Italia. Nel nostro Paese sono circa 7 milioni gli italiani che consumano quantità di alcol considerate a rischio e che eccedono le Linee guida per una sana alimentazione (1-2 bicchieri al giorno di una qualsiasi bevanda alcolica per le donne, 2-3 bicchieri per gli uomini). L’eccesso di alcol, secondo l’Istituto Superiore di Sanità, riguarda anche i giovani: i dati parlano di circa 800.000 adolescenti al di sotto dei 16 anni che consumano alcolici prediligendo birra, aperitivi alcolici e superalcolici. L’Italia ha in Europa anche il record dell’iniziazione all’uso di alcol: tra gli 11 ed i 12 anni, rispetto alla media europea che è di 14 anni. Ed è anche nella fasce più giovanili (14-17 anni e 18-24 anni) che si registrano gli unici incrementi nel numero di consumatori e consumatrici di bevande alcoliche fuori pasto. Preoccupazione e necessità di attenzione al fenomeno dell’accresciuto consumo di alcol tra i giovani è stata sottolineata da tempo da medici ed esperti. Secondo i più recenti dati a disposizione del ministero della Salute più della metà delle vittime degli incidenti stradali è causata proprio dall’alcol e in particolare ogni anno, nel nostro Paese, perdono la vita sulle strade circa 200 giovani, per guida in stato di ebbrezza. L’allarme riguarda anche il consumo incrociato di sostanze: dal 30 al 49% dei consumatori di fumo, cannabis, hashish, cocaina o eroina, fanno anche uso di alcol, spesso per attenuare o accentuare gli effetti introdotti dalle sostanze, ma aumentando il rischio per la salute. L’alcol viene, dunque, usato insieme ad altre sostanze per attenuare l’effetto di queste ultime, oppure per rinforzarlo. Per esempio, molti consumatori di cocaina lo usano contro gli effetti allucinogeni che la droga può causare, in sostanza lo usano come tranquillante.


L’ARENA

TESTIMONIANZE. Serata con il club Acat

Gli ex alcolisti: così siamo usciti fuori dal tunnel

Il dialogo come antidoto alla solitudine della bottiglia

Sconfiggere l’alcol si può. Parole toccanti e cariche di emozione hanno raccontato le battaglie per uscire dal tunnel della dipendenza. Una serata per raccontare i propri dolori e le proprie vittorie quella tenutasi tra gli ex alcolisti dei club Acat (Associazione Club Alcolisti in Trattamento) al centro d’incontro di via Brunelleschi allo Stadio. Persone diverse per età, sesso e professione accomunate dall’aver vissuto e sconfitto l’alcolismo. Un problema sommerso, secondo quanto dicono gli insegnanti-servitori Acat, ma sempre più diffuso, anche tra i giovani.

«Ero come dall’altra parte di un muro, in una parte oscura dove avevo cercato di nascondermi dai problemi», racconta Roberto, 50 anni. «Poi ho incontrato il club Acat, che mi ha preso per mano e mi ha aiutato a raggiungere la luce». «Avevo vergogna ad uscire di casa e andavo dove nessuno mi conosceva per fare la spesa», ricorda con un filo di voce Angela, 48 anni con quattro figli. «Poi, grazie al club, ho riconquistato la mia libertà. Libertà di alzarsi la mattina e di non dover bere un bicchierino. Libertà di avere la mano ferma senza alcol nelle vene».

Proprio «libertà» è stata la parola più usata nelle testimonianze degli ex alcolisti. «Si arriva ad un punto dove a scegliere non siamo più noi, ma la bottiglia. Ogni azione, ogni comportamento ed ogni stato d’animo sono condizionati dall’alcol che si ha in corpo». Profonda e toccante la testimonianza pronunciata a bassa voce da Alvaro, 36 anni, che ha rischiato di perdere tutto. «Il lavoro, gli amici, la famiglia. Tutto ti scivola di mano, senza potere fare nulla. Si beve sempre di più, senza rendersene conto, fino a quando il primo bicchiere è la mattina presto. Si arriva ad un punto di dover scegliere se stessi o la bottiglia».

«L’obiettivo dei Programmi alcolici territoriali è proprio quello di contribuire allo sviluppo di una comunità solidale, col coinvolgimento anche delle famiglie degli alcolisti», spiega Giampaolo Mazzi, presidente Acat Chievo. Alcuni ex alcolisti, conquistata l’astinenza, decidono di non abbandonare la vita del club, partecipando alle riunioni o diventando a loro volta servitori di chi è in difficoltà. La terza circoscrizione, fa sapere Alberto Carocci, si farà presto promotrice di incontri informativi nelle scuole medie dei quartieri.

Per informazioni, Acat Verona Chievo allo 045.57.63.95

A.P.


IL TIRRENO

LETTERA 

No all’alcol 

PIETRASANTA. Inaccettabile che un ente pubblico consenta lo svolgimento di una manifestazione basata sullo smercio di superalcolici come il ponce, vendita autorizzata addirittura fino alle 4 del mattino.

E’ il severo giudizio dell’ Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada, sede di Piombino. Il presidente Aldo Fabbri, indignato, ha scritto al sindaco Mallegni e per conoscenza al ministro della salute, al ministro delle Politiche giovanili, al Prefetto di Lucca, al Questore di Lucca, al Presidente della Regione Toscana, al Presidente della Provincia di Lucca, al Comandante Polizia Municipale Pietrasanta per protestare.


IL TIRRENO

Ponce, folla record in piazza Duomo 
Festa sotto stretta sorveglianza
Traffico intenso nella notte 

SIMONE PIEROTTI 

PIETRASANTA. Tutti in piazza Duomo a scambiarsi gli auguri sotto il grande albero, sorseggiando un ponce al mandarino: perché la tradizione impone così da anni. La serata del camel ponce a Pietrasanta, in occasione della notte di Natale, è ormai diventata un “must” negli appuntamenti versiliesi sotto le feste. Un evento tra sacro e profano che ogni anno richiama una nutrita schiera di pubblico da ogni angolo della Versilia. E che lascia una coda di consensi e di perplessità.

 Complice la serata mite, il centro storico della Piccola Atene si riempie in un batter d’occhio: non è ancora scoccata la mezzanotte eppure i posti macchina al sottopassaggio ferroviario, lungo la via Aurelia e alla Coop di viale Apua traboccano già di automobili (e non mancano, inevitabilmente, molti parcheggi di fortuna), mentre nei bar si formano le prime code degli amanti del ponce, per la gioia dei loro gestori. Una vera e propria invasione, insomma. Chi deve entrare (o tornare) a Pietrasanta per motivi diversi dalla festa, soffre disagi evidenti.

 In piazza Duomo il colpo d’occhio è eccezionale: un’enorme folla, nella quale risulta difficile districarsi, si riversa nelle principali vie del centro storico (Marzocco, Stagi, Mazzini) alla ricerca di qualche bicchiere di ponce da sorseggiare e con cui brindare all’arrivo della notte santa. Qualcuno azzarda pure il cappello o anche il vestito da Babbo Natale: in fondo le feste natalizie sono anche colore e - perché no? - folklore. Il clima ha un po’ il sapore di “Carramba che sorpresa”: la serata del camel ponce diventa infatti l’occasione propizia per fare gli auguri ad amici e conoscenti che non si incontrano da settimane o addirittura mesi.

 Proprio sulla somministrazione del ponce si è concentrata l’attenzione del sindaco Mallegni, deciso a regolamentare lo svolgimento della serata: niente gazebo e baldacchini per la produzione e la vendita di bevande di qualsiasi natura (divieto esteso anche ai vari bar rimasti aperti per tutta la serata), nessuna somministrazione di alcolici ai minorenni né vendita per asporto. In compenso, possibilità di distribuire il ponce fino alle 4 del mattino. Oltre, naturalmente, ad una pattuglia delle forze dell’ordine che vigilasse sul regolare svolgimento dell’evento. Un tentativo per cercare di arginare i problemi emersi lo scorso anno (sporcizia, inquinamento acustico, atti di vandalismo) e segnalati con veemenza da più di un residente nel centro storico.

 Ma la civiltà non è dote da tutti: così, quando la piazza ha iniziato a svuotarsi, i bicchieri vuoti lasciati cadere per terra hanno invaso l’asfalto deserto. Al mattino la città era tutta pulita. Inevitabile, poi, il rumore delle auto nel contro-esodo da Pietrasanta una volta finita la serata del camel ponce. Insomma, gli ormai annosi problemi che costituiscono il rovescio della medaglia di una festa che ogni anno attrae sempre più persone.


CORRIERE ADRIATICO

Successo del bus per la discoteca

ASCOLI - Divertirsi in maniera sicura prevenendo con comportamenti responsabili gli incidenti del sabato sera: è questo il messaggio forte di sensibilizzazione lanciato insieme da giovani, istituzioni ed esercenti con l’iniziativa “Il bus al posto dell’auto, per rientrare dalla discoteca” che si è svolta mercoledì al “BB Disco Dinner” in occasione della festa delle matricole della Facoltà di Architettura. L’Amministrazione provinciale, su sollecitazione degli studenti organizzatori dell’evento, ha infatti messo a disposizione un servizio gratuito di trasporto pubblico da Ascoli fino alla discoteca dove si è tenuta la festa mettendo in campo, nel contempo, attività di sensibilizzazione fuori e all’interno del locale sui temi della sicurezza stradale e della prevenzione di abuso di alcool e droghe. All’interno del locale sono stati organizzati dei gazebo dove, oltre ad alcuni studenti del comitato, erano anche impegnati operatori dell’unità di strada degli ambiti sociali di Ascoli e San Benedetto che hanno distribuito materiale informativo, proposto questionari e effettuato test alcolemici.


IL TIRRENO

Vigili in servizio fino a mezzanotte 

Controlli mirati in centro e nelle frazioni con polizia e carabinieri 

Il comandante Zucconi annuncia un giro di vite sugli ubriachi alla guida 

PESCIA. Pattuglie di polizia municipale in servizio fino alla mezzanotte: è l’ultima - in ordine di tempo - iniziativa del progetto comunale “Pescia città sicura”. A pochi giorni dall’annuncio dell’arrivo di nuove telecamere sul territorio, per sorvegliare i punti nevralgici della città e della viabilità, il comandante della polizia municipale di Pescia Daniele Zucconi presenta un nuovo intervento, che partirà con il nuovo anno. Stiamo parlando del terzo turno di servizio, quello serale-notturno dalle 18 alle 24. Si tratterà di un servizio mirato, con un calendario di interventi studiato in base alle esigenze di sicurezza. In particolare verrà garantita la presenza di agenti di polizia municipale nelle ore serali il sabato e nei prefestivi.

 In più altri turni di servizio serale e notturno saranno organizzati in occasione di manifestazioni particolari e, in ogni caso, saranno garantiti almeno 120 turni di pattuglie di pronto intervento nel corso dell’anno, sempre in orario serale e notturno, con la presenza in altri giorni della settimana. Di norma il servizio sarà organizzato con una pattuglia composta da tre agenti.

 «Questi servizi - spiega il comandante Zucconi - dovranno essere accentuati su alcune problematiche ben precise. Il controllo del centro cittadino, per accrescere e consolidare il senso di sicurezza dei residenti, di quanti vi lavorano o hanno qui imprese e attività, nella fascia oraria 19-21. La presenza, nella fascia oraria 18-21, nei centri storici e nelle frazioni, per l’accertamento di eventuali episodi di vandalismo e violazioni dei regolamenti comunali per il corretto uso dei beni pubblici e comuni, e per la verifica dei gradi di corretta integrazione di famiglie e gruppi non comunitari nel tessuto sociale del nostro Comune. Le attività mirate alla tutela dei diritti dei consumatori, con controlli preventivi sulle attività commerciali e nei pubblici esercizi, nella fascia oraria 18-22».

 Ma, anche a Pescia, uno dei problemi principali sul fronte della sicurezza è rappresentato dal crescente fenomeno (nonostante tutto) della guida in stato di ebbrezza, al centro anche di uno studio condotto dalla Società della salute. In questa direzione, spiega Zucconi, andranno i «servizi mirati al contrasto di quei fenomeni che possono sfociare in quelle vicende tristemente note come “stragi del sabato sera”. Durante i servizi di polizia stradale, da collocare, per questo scopo specifico, nella fascia oraria 22-24, dovrà essere utilizzata l’apparecchiatura per il controllo del tasso alcolemico nel sangue dei conducenti dei veicoli (il precursore elettronico ed etilometro, di recente acquistato dall’Amministrazione Comunale anche in seguito agli studi e alle iniziative programmate con la Società della salute). Saranno utilizzati l’apparato “telelaser” e lo strumento “inclinometro”, in dotazione a questo comando, per il controllo della velocità dei veicoli e del corretto posizionamento delle targhe».

 «Inoltre - conclude il comandante - nei turni serali, ma ciò continuerà a valere anche per gli altri turni di servizio ordinario, proseguiranno i controlli di polizia stradale e polizia amministrativa in collaborazione alternativamente con i carabinieri e la polizia di stato».


IL SECOLO XIX

Ubriaco al volante travolge giovane coppia marocchina

I due coniugi sono ricoverati in prognosi riservata. Grave anche una ragazza sanremese investita da uno scooter

Sanremo. Raffica di incidenti stradali il giorno di Natale e alla vigilia. Il più grave si è verificato nella tarda serata del 25, sull’Aurelia, all’altezza di Pian di Poma, con l’auto di due coniugi marocchini regolarmente residenti in Italia travolti da una Subaru Impreza che viaggiava a forte velocità e condotta da un giovane sanremese, Matteo M., risultato positivo al test dell’alcol. Ricoverati all’ospedale, i due nordafricani - di età compresa tra i 25 e i 28 anni - sono in prognosi riservata. L’incidente è avvenuto poco prima di mezzanotte, nelle immediate vicinanze del supermercato Standa. Lievemente ferito il ragazzo che era al volante della Subaru. Stando alla ricostruzione dell’indidente effettuata dai vigili urbani, la Subaru avrebbe invaso la corsia opposta per poi andare a urtare frontalmente l’utilitaria dei due coniugi marocchini. In seguito all’impatto, violentissimo, l’utilitaria è andata a sbattere prima contro una ringhiera e poi contro il parapetto della carreggiata. Scattato l’allarme, sul posto sono intervenuti, oltre alla polizia municipale, anche i vigili del fuoco. Per estrarre i feriti dalle lamiere i soccorritori hanno impiegato circa due ore, durante le quali i volontari di Sanremo Soccorso e l’equipe del 118 hanno prestato le prime cure ai due coniugi. La Subaru è stata posta sotto sequestro e il giovane automobilista è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza, con patente ritirata.

(…)

F.P.


IL TIRRENO

Picchiata dal padre a Natale 

La bimba era stata operata all’Opa alle vertebre 

MASSA. Si sono trasferiti dalla Bosnia a Massa, con regolare permesso di soggiorno, perché la loro bimba era affetta da una grave malformazione alla colonna dorsale. Malformazione che è stata rimossa - si spera - con un intervento chirurgico eseguito magistralmente dai medici dell’Opa qualche mese fa. La bimba, A.K. le iniziali, undici anni d’ètà, sta seguendo le cure per una convalescenza che si preannuncia lunga e tormentata. Anche perché suo padre, un quarantenne col vizio del bere, di tanto in tanto alza le mani contro di lei piccola e indifesa. L’ultima volta proprio nel giorno di Natale, quando gli altri bambini avevano scartato i regali.

 La ragazzina è finita all’ospedale, insieme alla madre, che ha tentato fino all’ultimo di fermare la furia del marito. Inutilmente: l’uomo ha picchiato mamma e figlia, infierendo sulle due poverine a calci e pugni, finché qualcuno è riuscito a dare l’allarme (probabilmente un vicino nauseato dagli urli che si sentivano in quella casa) e a far arrivare i carabinieri, che hanno denunciato il genitore dalle mani pesanti.

 A.K. e la mamma sono finite invece all’ospedale, dove i medici le hanno curate e le infermiere le hanno trattate con quell’amore che a casa loro proprio non c’è. Sette giorni di prognosi a testa. E la prognosi vuol dire che devono stare più lontane possibile da quel padre-marito che quando beve si trasforma in un essere abbietto. La coppia è stata ospitata da una famiglia di amici che li terranno con loro finché non verrà individuata una soluzione definitiva (forse la separazione con l’affidamento della piccola alla donna).

 L’ultima esplosione d’ira è stata la più cruda. Proprio nel giorno dedicato ai bambini: il 25 dicembre, Natale. Dopo il pranzo il papà è uscito per bere un bicchierino con gli amici. Ma probabilmente, anzi sicuramente, di bicchierini ne ha bevuti diversi. Troppi. Forse per dimenticare i dispiaceri, forse solo per il gusto di farlo. Così quando è rientrato a casa verso l’ora di cena, alla figlia che gli correva incontro per salutarlo mollava uno sberlone. Il pianto della bimba, le urla della donna e la lite che diventava sempre più dura. I calci, le altre sberle e tanta violenza per una bimba che dovrebbe essere soltanto circondata d’amore e che invece è costretta a fare i conti con un padre padrone.

L’altra sera l’hanno salvata i carabinieri. Senza il loro intervento probabilmente quei calci sul costato avrebbero rotto quelle piccole vertebre tenute ferme dai bulloni messi dai chirurghi dell’Opa.


IL SECOLO XIX

<>Sturla, è morto l’anziano picchiato dal nipote
Tre mesi fa l’uomo, 77 anni, era finito all’ospedale dopo essere stato violentemente percosso. Ora indaga la procura

È MORTO l’uomo di 77 anni, finito all’ospedale dopo essere stato picchiato a sangue dal nipote, nella sua casa di via Isonzo a Sturla. Dopo tre mesi di agonia, sfinito da una sofferenza evidentemente troppo grande, l’anziano è spirato la mattina di Natale, nel reparto di rianimazione del San Martino. Sul caso la procura ha aperto un’inchiesta per omicidio, affidata ai carabinieri della stazione di Quarto.

Un’inchiesta agli esordi, che potrebbe prendere le pieghe più diverse. E molto dipenderà dai risultati dell’autopsia sul corpo del settantenne e dall’individuazione di un eventuale nesso di causa ed effetto tra le lesioni riportate nel pestaggio e la morte dell’anziano. Nesso che potrebbe non esserci e il decesso essere avvenuto per le già precarie condizioni di salute dell’ultrasettantenne.

Ai risultati del lavoro del medico legale è legata anche la sorte giudiziaria del nipote dell’anziano, venticinque anni, qualche precedente penale e una vita divisa tra espedienti e alcol.

La ricostruzione dell’aggressione è stata eseguita dai carabinieri. Secondo la testimonianza resa dalla stessa vittima al momento del ricovero in ospedale, nel mese di ottobre, il nipote era da poco uscito dal carcere dove aveva scontato una pena per piccoli reati.

Proprio per festeggiare la ritrovata libertà avrebbe alzato il gomito nell’abitazione del nonno. I due, complice appunto qualche bicchiere di vino di troppo, avrebbero discusso animatamente. Ma la situazione era precipitata quando il più giovane dei due aveva cominciato a menare le mani.

L’anziano era caduto a terra sotto una raffica di calci e pugni. Un pestaggio violento e crudele.

Il settantasettenne era stato soccorso dai volontari di una pubblica assistenza del quartiere e dai sanitari, medico e infermiere, dell’automedica del 118. Era stato accompagnato al pronto soccorso del San Martino e giudicato guaribile in venti giorni. In realtà non sarebbe più uscito dall’ospedale.

Le sue condizioni non sono affatto migliorate con il passare del tempo. Tutt’altro. I carabinieri della stazione di Quarto intanto avevano cominciato a indagare sull’episodio, ricostruendo l’accaduto nei dettagli, pronti a una tragica eventualità.<

Venerdì, 28 Dicembre 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK