Giovedì 07 Luglio 2022
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 10/12/2007

Donna romena uccisa sul marciapiede da un italiano al volante in stato di ebbrezza ed a forte velocità

Ma la morte della ragazza, 37 anni, è passata quasi del tutto inosservata…


Un terribile incidente stradale. Foto d’archivio.

(ASAPS) Torino, 10 dicembre 2007 – Una donna 37enne di nazionalità rumena, che stava camminando sul marciapiede, è stata investita ed uccisa a Torino dall’auto di un italiano di 34 anni, in stato di ebbrezza, che aveva perso il controllo del veicolo condotto ad altissima velocità. La notizia, che racconta il tragico destino di una sola delle 15 vittime che si registrano ogni giorno nel nostro paese, è degna di approfondimento, per almeno tre motivi.
Il primo, perché l’investitore aveva un tasso alcolemico relativamente basso, pari a 0,54 grammi di alcol per litro di sangue. Non si tratta dunque di “conducente ubriaco”, come hanno titolato alcuni giornali, ma semplicemente di un uomo con lo stato di coscienza alterato dagli effetti di un’assunzione limitata di sostanze alcoliche. La Polizia Locale, intervenuta sul posto per i rilievi, lo ha denunciato anche per il rifiuto di sottoporsi ad accertamenti in merito all’assunzione di sostanze stupefacenti, incognita di non poco conto. L’uomo, colto da malore dopo l’incidente, è stato condotto in ospedale dove ha rifiutato di farsi prelevare liquidi biologici. Se non aveva nulla da temere, perché dire no?
La seconda questione è invece riferita alla velocità: l’auto, una potente Alfa GT, è piombata sul marciapiede falciando la povera ragazza. La velocità, anche in questo caso, è un fattore di primo piano nelle due fasi cruciali dell’incidente stradale. Parliamo di quella antecedente e di quella culminante: l’auto, per effetto della velocità eccessiva, non viene mantenuta lungo la sua traiettoria (complice anche lo stato di alterazione del conducente) e, sempre per colpa della velocità, impatta violentemente contro la vittima. Queste due prime considerazioni sono di carattere puramente tecnico e servono da monito a chi vuole “darci a bere” che un bicchiere in più non è in fondo un crimine (l’omicidio, seppur colposo, lo è) e che la velocità non è la causa principale della sinistrosità.
Ma c’è un terzo particolare su cui intendiamo soffermarci: stavolta un italiano ebbro (che alcuni quotidiani hanno definito “ubriaco”) uccide una donna romena che camminava sul marciapiede. La notizia ha occupato sì e no una breve nei fatti di cronaca locale e questo non è giusto. Per chi si occupa di violenza stradale, una morte come questa ha lo stesso valore di quella dei quattro ragazzi uccisi da Marco Ahmetovic. Ci dispiace constatare che per i media, non sia invece la stessa cosa. Significa che nella democratica Repubblica Italiana, la vita di uno straniero vale meno? Forse perché quando il carnefice è italiano, ci pensiamo su due volte prima di dargli dell’assassino. (ASAPS)

© asaps.it

Di Lorenzo Borselli

Torino
Lunedì, 10 Dicembre 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK