Sabato 16 Gennaio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Rassegna stampa 06/09/2004

Rassegna stampa del 5 Settembre 2004


Rassegna stampa del 5 Settembre 2004

Da "Il Messaggero" del 5 settembre 2004
DOPO LA DISCOTECA
Troppo veloci, ritirate 23 patenti
Al.Ce

La notte dei controlli on the road ha visto ancora una volta un servizio a largo raggio delle pattuglie della polizia stradale di Latina.
Sono state 23 le patenti ritirate nella nottata tra ieri e venerdì lungo la litoranea, sulla Flacca e sulla 148 Pontina. In massima parte è stato il telelaser a fermare le vetture lanciate a velocità inaudite, ben oltre il massimo consentito.
La Polstrada pontina, coordinata dal vicequestore Bruno Agnifili, ha messo in campo ben venticinque pattuglie grazia ai rinforzi inviati dal Ministero dell’Interno che vuol nei week-end controlli e severità nei confronti dei giovani che vanno o tornano dalle discoteche. La scorsa notte sono stati 152 i veicoli controllati e ben 130 le infrazioni contestate.
In molti casi sono stati effettuati anche test sul tasso alcolico nel sangue. E chi è risultato in regola e con le cinture di sicurezza ben allacciate è stato anche premiato in base alla normativa prevista dal ministero: ingresso gratis con tagliandino timbrato Polstrada nelle discoteche della provincia. "Ne abbiamo regalati ben 112 spiegano dalla Polstrada di Latina e non è una media da sottovalutare". Complessivamente nella notte tra ieri e venerdì sono state 316 le auto fermate e controllate.
E stanotte il servizio di prevenzione verrà ripetuto. Nel nome della sicurezza di chi guida e del rispetto del Codice della strada.

Da "Corriere Romagna" del 5 settembre 2004
Fugge dalla polstrada e investe 2 motociclisti
c.d.

RAVENNA
E’ stato arrestato dalla Polstrada di Lugo dopo un inseguimento a folle velocità sulla statale Adriatica. Una fuga all’apparenza inspiegabile, durante la quale ha travolto due motociclisti e costretto gli agenti a una corsa ad alto rischio tra Lido di Savio e Fosso Ghiaia. Protagonista dell’episodio Fall Abdulaye: senegalese di 44 anni residente a Ravenna. Era da poco passata la mezzanotte, quando una pattuglia della polizia stradale del distaccamento di Lugo, incrocia una Lancia Dedra durante una normale operazione di controllo del territorio. L’auto, guidata dal senegalese, ingaggia subito un’improvvisa fuga in direzione nord. Alla polizia non resta che inseguire la Dedra che sfreccia ad altissima velocità tra le altre auto in fila. Il senegalese ignora anche un semaforo rosso all’incrocio tra la statale e viale Lombardi. Poche centinaia di metri più avanti, invece, si sfiora il dramma. La Lancia Dedra investe in pieno una moto con due persone a bordo. Entrambi i centauri vengono sbalzati. Fortunatamente nessuno di loro resta gravemente ferito. L’uomo alla guida, un 46enne di Ravenna, riporta lesioni guaribili in 10 giorni. La ragazza che lo accompagna se la caverà con una prognosi di due settimane. La pazza corsa del muratore senegalese finisce a Fosso Ghiaia. Qui la polizia stradale riesce a bloccarlo. L’uomo viene arrestato con l’accusa di omissione di soccorso, fuga e lesioni. L’arresto è stato convalidato ieri dal pm Maria Vulpio. Abdulaye Fall è stato processato subito dopo l’udienza di convalida con rito direttissimo. Difeso dall’avvocato Pellegrino ha patteggiato una pena a quattro mesi di reclusione poi convertita in 4.500 euro di multa. La sua auto è stata posta sotto sequestro, mentre la patente gli è stata ritirata per tre mesi. Alla domanda “Perché l’hai fatto?” Il muratore ha risposto: “Avevo la patente scaduta”.

Da "Corriere Romagna" del 5 settembre 2004
Ubriachi al volante, strage di patenti

RIMINI
Sono stati appena 18 su 213 persone controllate, gli occupanti delle 148 auto fermate nella notte tra venerdì e sabato sulle strade di Rimini e provincia, ad essere ripartite con in tasca il biglietto gratis d’ingresso al locale notturno appena lasciato, “omaggio” della Polizia stradale per quanti vengono trovati sobri durante i controlli nell’ambito del servizio “Guido sicuro”, ripreso dopo la pausa d’agosto e che per tre weekend di settembre vedrà impegnate in Riviera decine di pattuglie. Spaventosa la media delle persone private della patente e denunciate alla procura per guida in stato di ebbrezza: delle 56 sottoposte alla prova del percussore alcolimetrico ben 38 sono risultate positive. Una, invece, è stata trovata al volante sotto l’effetto di stupefacenti. Tre le carte di circolazione che sono state ritirate e una vettura è stata sequestrata. Le 65 infrazioni accertate al Codice della strada hanno portato alla decurtazione di 410 punti sulle patenti.

Da "L’Unione Sarda" del 5 settembre 2004
Giovane ubriaco minaccia i poliziotti

Poetto
È finita nella sede della Polizia stradale, per il test alcolemico, la serata di un giovane cagliaritano che, in evidente stato di ubriachezza, aveva minacciato gli avventori di un baretto sul lungomare del Poetto. Il 27enne M. D. è stato denunciato dagli agenti della Squadra volante, in stato di libertà, con l’accusa di minacce a pubblico ufficiale, porto abusivo di armi e possesso ingiustificato di strumenti atti a offendere.
L’allarme è scattato alle due e mezza del mattino di ieri, quando gli equipaggi di due volanti sono intervenuti in un chiosco dove il giovane stava infastidendo i clienti. Il 27enne, sceso dalla propria auto in evidente stato di ebbrezza, avrebbe subito minacciato uno dei poliziotti, prospettandogli mali futuri e precisando di avere in auto gli strumenti per poterlo aggredire. Ovviamente, è subito scattata la perquisizione della sua vettura. Nel portabagagli, gli agenti della Squadra volante hanno trovato un coltello a serramanico di genere proibito e un bastone di legno. L’arma e il bastone sono stati immediatamente posti sotto sequestro e per il giovane ubriaco è scattato il provvedimento di denuncia. Subito dopo M. D. è stato portato nella sede della Polizia stradale per il test sul tasso di alcol nel sangue.

Da "Corriere della Sera" del 5 settembre 2004
GLI ORARI Discoteche
Chi scrive ha perso l’unico figlio ...

Loris Mancini

Chi scrive ha perso l’unico figlio ventenne morto per incidente stradale all’uscita di un discoteca alle 5 del mattino. La mia delusione è stata grande quando la legge sulla chiusura anticipata dei locali notturni è stata bloccata in Parlamento da una maggioranza trasversale. Lo Stato dovrebbe invece aiutare le famiglie: il casco obbligatorio, per esempio, ha fatto crollare la mortalità. Poiché ho appreso che in autunno la legge sulle discoteche sarà ripresentata, mi auguro che finalmente venga approvata la legge sulla chiusura anticipata delle discoteche.
Lunedì, 06 Settembre 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK