Venerdì 13 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su

Dainese presenta “D-air racing”, l’air bag per moto

Oggi il sistema di protezione è dedicato esclusivamente all’utilizzo in pista, ma tra un anno arriverà anche la versione da strada

Foto da Repubblica.it/motori

(ASAPS) – Dainese presenta l’air bag per moto. Si tratta di un rivoluzionario sistema di protezione che, in caso di caduta, si attiva in 40 millisecondi, si chiama “D-air racing” ed è già utilizzato da alcuni piloti del motomondiale. Per la commercializzazione, anche per le moto da strada, bisognerà aspettare almeno un anno. Il progetto di questo rivoluzionario e sofisticato air bag per la pista è durato ben dieci anni e prosegue parallelamente a quello della versione “stradale” per tutti i giorni, ed è frutto del lavoro del centro studi e sperimentazioni D-Tec, Dainese Technology Center. La realizzazione di questo innovativo dispositivo di protezione è stata una sfida. Nella versione “civile”, infatti, tutto l’armamentario può essere inserito in un gilet mentre per quella da pista le cose sono un po’ più complesse. Problema che i progettisti della Dainese hanno superato montando l’intero congegno all’interno della “gobba” della tuta dei piloti salvaguardando le zone che abitualmente le normali protezioni non riescono a coprire: le spalle, la clavicola e il collo. L’efficacia del D-air Racing, oltre a essere stata dimostrata dal vivo nel corso della caduta dei piloti, è stata approfonditamente testata nei laboratori D-Tec rivelando una capacità di assorbimento degli urti che è decisamente superiore a quella delle tradizionali protezioni composite che comunque agiscono in sinergia con il dispositivo.
Il bello del sistema D-air Racing viene poi dal suo funzionamento che avviene senza alcun tipo di collegamento con la moto. Inoltre la sua attivazione è velocissima: solo 40 millesecondi.

La Dainese lavora a questo progetto dal 1996 e la messa a punto dei sistemi hardware e software che generano gli impulsi ha richiesto tre anni di duro lavoro per raccogliere tutti i dati sulla dinamica delle moto da competizione sia in assetto normale sia nel corso delle cadute.
Fondamentale per lo sviluppo del sistema è stata la stretta collaborazione di 2D e del Dipartimento di Ingegneria Meccanica dell’Università di Padova, con la consulenza di FiatQualità, Trw e Ktm Racing Team. Oggi il modello D-air Racing è dedicato esclusivamente all’utilizzo in pista e probabilmente sarà in vendita tra circa un anno, seguito a breve dalla versione D-air Strada. (ASAPS)  


© asaps.it
Mercoledì, 14 Novembre 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK