Lunedì 19 Aprile 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 05/10/2007

Europa - Al via un “libro verde” sulla sicurezza stradale

La mobilità urbana è la nuova cultura del Vecchio Continente: oggi, le città intasate pesano sui bilanci per 100 miliardi di euro
E un incidente mortale su 3 avviene proprio sui tracciati urbani

Il traffico di Roma: al solito, ogni giorno, si sta in coda (Foto Coraggio)

(ASAPS) BRUXELLES, 05 ottobre 2007 – La Commissione Europea sembra avere preso a cuore la questione della mobilità urbana: del resto, quasi ogni centro urbano del Vecchio Continente si deve ormai misurare con il problema dell’intasamento viario, con strade ereditate dalle mulattiere (o poco più) e con fiumi di veicoli che si riversano alle consuete ore di punta verso il centro storico o direzionale di una città, per confluire in una seconda ondata di piena verso la periferia. E allora, ecco che nelle stanze di Bruxelles e Strasburgo – le due sedi del parlamento europeo – i membri della Commissione sono sul punto di sottoscrivere un “libro verde” sull’argomento. Tecnicamente, ci siamo abituati, il libro dovrebbe dirsi “bianco” ma, vista l’attinenza con la necessità di un ambiente migliore, ecco spiegata l’attribuzione del colore simbolo dell’ecologia. Il lavoro non è un semplice elenco di propositi: si tratta, semmai, di una somma di studi, che forniscono la giusta chiave di lettura per considerare “buona” una mobilità urbana, la quale, purtroppo, sembra davvero lontana. Il caos al quale, confessiamolo, siamo ormai tutti assuefatti, costa alle casse dell’economia europea circa 100 miliardi di euro. Una cifra abnorme, che da sola rappresenta l’1% del prodotto interno lordo. A ciò si aggiunga che la mobilità urbana è anche pericolosa, tanto che – lo dicono i rapporti statistici – un incidente mortale su tre avviene in tracciati urbani, spesso sul tragitto casa-lavoro. Purtroppo, il problema è di difficilissima risoluzione, così tanto che la stessa Commissione, nell’introduzione al Libro Verde, parla di “sfida immensa” quando affronta il problema di sviluppare in maniera organica le reti viarie delle zone urbane. Tutti i cittadini europei, ed in particolar modo tutti gli enti locali, sono stati formalmente invitati a far pervenire, entro il 15 marzo 2008, pareri, proposte e soluzioni già applicate alla Commissione Europea. Intanto, per marzo 2008, si tenteranno i primi esperimenti. Di cosa si tratti, per il momento, non è dato saperlo. (ASAPS)


© asaps.it
Venerdì, 05 Ottobre 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK