Lunedì 19 Aprile 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 05/10/2007

Chiesto il rigetto del ricorso del padre di Eluana Englaro, la ragazza che da 15 anni è in un stato vegetativo a seguito di un incidente stradale

Il padre chiedeva di poter staccare il sondino che la alimenta

Una foto di Eulana Englaro prima dell’incidente del 1992 – foto dalla rete

(ASAPS) – Una tragedia causata da un incidente stradale, da quindici anni logora la vita di un padre. Uno schianto sull’asfalto, una ragazza in stato vegetativo dal 1992 e un padre che vorrebbe mettere fine allo strazio di vedere la propria “bambina” ogni giorno immobile in un letto, imprigionata in un corpo inerte e tenuta in vita da un sondino che la alimenta. Un destino assurdo ha segnato le vite di Eluana Englaro e di suo padre Beppino. Un destino che anche a 15 anni da quel tragico momento, continua ad essere doloroso. Il sostituto procuratore generale della Cassazione Giacomo Caliendo, infatti, ha sollecitato, davanti alla prima sezione civile della Suprema Corte, il rigetto del ricorso presentato dal padre della ragazza contro il decreto emesso dalla Corte d’appello di Milano il 16 dicembre dello scorso anno. Per Caliendo, infatti, le cure a cui è sottoposta Eluana “non rientrano nell’accanimento terapeutico” e la loro interruzione potrebbe avvenire solo se ci fosse un “consenso effettivo” della persona che nel caso non può avvenire. (ASAPS)

© asaps.it
Venerdì, 05 Ottobre 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK