Lunedì 19 Aprile 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 05/10/2007

Trasporti - La ripartizione degli impegni di spesa della Finanziaria

Potenziamento delle Autostrade del Mare e rinnovo dei parchi ferroviari e stradali
Ma non tutti sono soddisfatti

(ASAPS) ROMA, 5 ottobre 2007 – Ci sono novità in arrivo, nella Legge Finanziaria, per il settore dei Trasporti: le risorse aggiuntive previste ammontano a 2,49 miliardi di euro, di cui 100 milioni già disponibili, in quanto stanziati per il 2007. Alessandro Bianchi, ministro dei Trasporti, ha parlato di risultato superiore “alle migliori aspettative”, e visto che il risanamento “…è stato già ampiamente ottenuto, pur non
abbassando la guardia, quest’anno è stata accentuata la componente dell’equità”. Ma come saranno spesi tutti questi soldi? La linea d’indirizzo è quella di dotare il paese di un sistema di trasporti che sia al tempo stesso efficiente, sicuro e sostenibile: in sostanza, il raggiungimento di questi tre obiettivi significa rivoluzionare radicalmente l’attuale rete logistica, nota in Europa per la sua inefficienza (e quindi inaffidabilità), insicurezza ed insostenibilità, visto che la concentrazione della quasi totalità del trasporto è stabilmente affidata alla gomma. Dei 2,49 miliardi di euro previsti da Padoa-Schioppa, 717,6 milioni sono stati destinati ad un piano triennale di sviluppo e sicurezza della navigazione e del trasporto marittimo, andando così ad accontentare coloro che da tempo si battono per la promozione delle cosiddette autostrade del mare. Proprio in questo senso, 591 milioni di euro serviranno a rinforzare logistica ed intermodalità, con 77 milioni da qui al 2010 per gli Ecobonus, finora scarsamente fruiti per l’elevata complessità delle modalità burocratiche di accesso all’erogazione, le quali saranno invece semplificate. Sullo stesso fronte, 97,5 milioni sono stati stanziati per migliorare la sicurezza ed il controllo del mare, nelle aree portuali e sulle
coste. 665 milioni andranno invece allo sviluppo della mobilità locale, di cui 150 milioni previsti per l’acquisto di nuovi vagoni ferroviari, locomotori ed autobus. Al sistema viario andranno invece svariate fette di investimento: 238,3 milioni di euro saranno spesi per la gestione della sicurezza e della mobilità stradale, con 149 milioni per l’A3 Salerno-Reggio Calabria e per migliorare la qualità e la sicurezza del trasporto nello Stretto di Messina. La ricerca di settore potrà contare invece su 32 milioni di euro. Ma non tutti sono d’accordo sulla positività del progetto. Marcello Panettoni, presidente di ASSTRA (Associazione delle aziende di trasporto pubblico), pur accettando con favore gli stanziamenti di settore, ritiene che si tratti di una manovra spot, “scollegata quindi dal riassetto organico e sistematico dei trasporti pubblici locali, urbani e regionali […] con le risorse della Finanziaria 2008 si
potrà tappare qualche buco il prossimo anno ma sarà impossibile dare stabilità al settore”. Nel mirino delle critiche dell’Asstra, la mancanza di un piano organico di struttura e la persistenza di un sistema interessato da finanziamenti solo in occasione delle vertenze sindacali per il rinnovo del contratto. “È indispensabile – ha aggiunto – intervenire in modo strutturale dando certezze economiche e regole chiare. Per questo ci aspettavamo, come hanno chiesto le Regioni, che la Finanziaria contenesse le risorse e le norme strutturali che aspettiamo da tanto, troppo tempo per uscire dall’emergenza”. (ASAPS)

© asaps.it
Venerdì, 05 Ottobre 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK