Venerdì 30 Luglio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 29/08/2007

Roma - Una marcia per dire basta alle stragi sulle strade

Iniziativa dell’Associazione Europea Familiari Vittime della Strada in programma il 13 settembre sulla Pontina



(ASAPS) – Una marcia contro le stragi che ogni fine settimana insanguinano le strade italiane. E’ quella organizzata dall’Associazione Europea Familiari e Vittime della Strada e in programma il 13 settembre prossimo. Il corteo sfilerà per la via Pontina, scelta come luogo simbolo degli incidenti stradali, non a caso recentemente indicata tra le dieci strade italiane più pericolose, e proseguirà sino alla sede della Regione Lazio. La partenza è prevista alle 9.30 da Borgo Piave. L’iniziativa nasce a fronte dei gravi fatti di cronaca, nell’ultimo fine settimana di agosto, quello del grande controesodo estivo, sono state 31 le vittime causate da incidenti stradali, di cui 12 avevano meno di 30 anni. E di fronte a una situazione che sembra non trovare una soluzione, l’Associazione ha deciso di “scendere in strada” per denunciare uno stato di cose inaccettabile e inquietante, non tollerabile in un paese civile e per chiedere ai legislatori di intensificare gli sforzi affinché si riesca a normare in maniera definitiva la materia “incidenti stradali”, che ogni fine settimana tinge di rosso la cronaca nera dei quotidiani. Uno degli ultimi drammatici episodi è stata l’uccisione di un ragazzo di soli 15 anni travolto da un ubriaco al volante su cui pendeva già un decreto di espulsione dal nostro paese. Ordine inspiegabilmente mai eseguito. Nel corso della manifestazione, che verrà svolta al di fuori della sede viabile, senza intralciare il traffico e senza comprometterne la sicurezza, il corteo esibirà manifesti e striscioni che evocheranno misure urgenti per mettere in sicurezza le strade e sanzioni ancora più severe per i contravventori del Codice della Strada. (ASAPS)  

© asaps.it
Mercoledì, 29 Agosto 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK