Domenica 21 Luglio 2024
area riservata
ASAPS.it su

Inghilterra - Pugno di ferro contro la guida in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di stupefacenti

Drug test – foto dalla rete 

 

(ASAPS) – Pugno di ferro in Gran Bretagna contro la guida in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Durante l’estate la polizia del Regno Unito condurrà controlli a tappeto per provare ad arginare un’abitudine, quella di mettersi al volante dopo un bicchiere di troppo o dopo aver assunto farmaci che abbassano il livello di attenzione, che sta prendendo sempre più piede nel paese di Sua Maestà. Oltre al consueto test del palloncino, i controlli includeranno un esame delle pupille e prove classiche come stare in piedi su una gamba sola e camminare senza sbandare. Per chi si rifiuterà di sottoporsi ai test è previsto l’arresto. Il Paese non vuole tollerare questo tipo di reati e vuole punirli severamente con queste disposizioni. Ormai si sa: “Prevenire è meglio che curare”. La guida in stato di ebbrezza nel Regno Unito viene punita con pene senza sconti: a chi viene sorpreso al volante con in corpo più di 80 milligrammi di alcol per 100 millilitri di sangue viene automaticamente proibito di guidare per un anno. In aggiunta, a seconda della gravità dell’infrazione commessa, l’automobilista può essere costretto a pagare una multa di circa 7.500 euro e/o a scontare sei mesi di prigione. Per chi viene trovato ubriaco al volante per una seconda volta nei 10 anni successivi è prevista poi una squalifica di tre anni o il ritiro permanente della patente. Le regole ferree e l’alta frequenza dei controlli hanno fatto sì che tra il 1986 ed il 1997 il numero dei decessi per guida in stato di ebbrezza sia quasi dimezzato: da 990 a 540, nonostante una leggera crescita sia stata registrata negli ultimi anni (nel 2006 a morire in incidenti causati dall’alcol sono state 580 persone). A influenzare profondamente l’atteggiamento della gente sono state anche una serie di campagne di informazione e pubblicità shock, dove incidenti e vittime vengono mostrati nei dettagli. I soggetti più a rischio sono soprattutto i giovani: a fallire il test del palloncino nel 2004 è stato il 6,3% dei ragazzi tra i 17 ed i 24 anni, contro il 4,4% della media. I giovani maschi, secondo le statistiche, sono quattro volte più a rischio di andare a sbattere con l’auto perché ubriachi rispetto alle altre fasce di età o alle loro coetanee donne. E come in Italia il fine settimana è il periodo in cui si concentra la maggior parte degli incidenti, il 56% tra la mezzanotte di giovedì e la mezzanotte di domenica. (ASAPS)

© asaps.it
Giovedì, 02 Agosto 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK