Venerdì 20 Settembre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 28/07/2007

Trieste, smacco alla banda delle ruspe - Sgominata dalla Polizia Stradale un’associazione criminale specializzata nel furto e riciclaggio dei mezzi d’opera, operativa in tutto il nord Italia

8 arresti, numerose denunce e perquisizioni: i veicoli venivano destinati all’Est Europeo



(ASAPS), TRIESTE, 28 luglio 2007 – Otto arresti, svariate denunce a piede libero, 13 macchine operatrici rubate, pronte all’espatrio, sequestrate nel corso dell’operazione. È questo il bilancio di un’operazione della Polizia Stradale del compartimento Friuli Venezia Giulia, portata a termine all’alba di giovedì (26 luglio) in tutto il nord Italia. In manette sono finiti cittadini italiani ed stranieri, che avevano creato un’associazione specializzata in questo tipo di reati: alcuni membri dell’organizzazione avevano il compito di individuare cantieri dove rubare mezzi d’opera e macchine operatrici di altissimo valore commerciale (alcuni di questi veicoli si avvicinano al milione di euro), prevalentemente di marca Caterpillar, John Deere, Bobcat e Hitachi. I colpi sono stati messi a segno in tutto il Nord Italia, complicando le possibilità per gli inquirenti di comprendere l’esistenza di una strategia ben consolidata e coordinata, dietro tali reati. In questo si è dimostrata essenziale l’opera di coordinamento svolta dalla Terza Divisione del Servizio Polizia Stradale, che coordina, sul territorio, le indagini delle Squadre di PG compartimentali. Gli inquirenti triestini hanno messo insieme il puzzle e nel giro di alcune settimane, utilizzando sofisticati strumenti investigativi, sono riusciti ad individuare i personaggi chiave ed a localizzare i capannoni, all’interno dei quali i mezzi rubati venivano preparati per il riciclaggio: altri membri della banda, potevano discretamente cambiare i numeri di telaio, munire i veicoli di documenti falsi e prepararli per l’esportazione verso la Slovenia, la Croazia, la Bulgaria, la Slovacchia ed altri paesi dell’est europeo, tutti particolarmente voraci in questo tipo di mercato. Spesso, come è emerso dalle indagini, i vettori erano assolutamente inconsapevoli di trasportare merce rubata. L’operazione è stata diretta dalla Procura della Repubblica di Trieste. (ASAPS)


© asaps.it
Sabato, 28 Luglio 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK