Venerdì 20 Settembre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 25/07/2007

Un autovelox ogni 500 metri per aumentare la sicurezza stradale

La proposta “provocatoria” arriva dal Ministro ai Trasporti Alessandro Bianchi


Foto Coraggio – archivio Asaps 

 
(ASAPS) – Il Ministro ai Trasporti Alessandro Bianchi lancia l’ennesima proposta per garantire la sicurezza sulle strade italiane. E lo fa attraverso un’intervista al mensile “Automobilismo” nella quale dichiara di voler aumentare il numero di autovelox in funzione. “Ne vorrei di più, dappertutto, quasi ogni 500 metri di strada. Ora, in Italia ci sono circa 467mila km di strada complessivi, due autovelox per ogni km fanno 935mila autovelox, disseminati sulle strade italiane a fotografare e multare ogni trasgressione”. Non sempre però il rilevatore di velocità viene usato esclusivamente a scopo preventivo. Bianchi, sempre nell’intervista, riconosce che “alcuni comuni fanno un uso distorto dell’autovelox per fare cassa. In effetti è vero che parti importanti delle entrate delle amministrazioni comunali derivano da queste apparecchiature fisse”. Nonostante queste eccezioni, però, il ministro è convinto che “servano più autovelox sulle strade. L’importante è che non siano a tradimento, dietro una curva ma che siano ben visibili e inducano così a rallentare”. A proposte simili Bianchi non è nuovo. Tempo fa, infatti, affermò di voler introdurre una “scatola nera” su ogni auto e limitatori automatici della velocità che impedissero al conducente di guidare oltre i limiti consentiti. Dalle parole riportate sul mensile si capisce che il Ministro con le automobili ha un rapporto abbastanza conflittuale. In un passaggio della “chiacchierata” infatti, Bianchi affronta anche il problema parcheggi. “Sono contrario ai parcheggi, attirano le auto, non le diminuiscono. Più parcheggi, più auto. Nei centri storici non si dovrebbe parcheggiare. I residenti? Farei speciali permessi solo per chi ha un box o il posto in garage”. (ASAPS)


© asaps.it
Mercoledì, 25 Luglio 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK