Martedì 24 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 23/07/2007

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus - Manifestazione Roma 26 luglio 2007, ore 9-13 piazza colonna, pal. Chigi


L’Italia sta seriamente rischiando di mancare l’obiettivo europeo del dimezzamento del numero delle vittime della strada entro il 2010.
L’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada invita tutti coloro che hanno a cuore la difesa della dignità umana, della vita e della salute oggi compromesse o distrutte sulla strada, a partecipare alla manifestazione del 26 luglio 2007 dalle ore 9 alle ore 13 dinanzi a Palazzo Chigi: lanciamo insieme un forte appello ai politici per raggiungere l’obiettivo europeo. Ed anzi, per superarlo!
L’Italia deve riscattarsi dall’immagine di ignominiosa superficialità che oggi offre di sé!Sulle strade italiane continua la scandalosa, ingiustificata ed incivile carneficina: ogni giorno in media 617 incidenti stradali, con morte di 15 persone e il ferimento di altre 860, di cui circa 40 invalidi gravi; Roma, capitale d’Italia, è oggi anche la capitale europea degli incidenti stradali!
L’ETSC ha dichiarato che l’Italia è lontana dal raggiungimento dell’obiettivo europeo del dimezza! mento degli incidenti entro il 2010.
L’AIFVS non ci sta e! ritiene che un paese civile debba mobilitare le proprie istituzioni per raggiungere tale obiettivo ed anzi per superarlo, senza anteporre al valore della persona gli interessi delle aziende.
Ritiene, inoltre, che la strage è frutto di comportamenti di trasgressione delle persone e delle istituzioni, che con le loro inerzie ed omissioni la mantengono.
A fronte di tali responsabilità, il Governo propone di incrementare le pene per i conducenti, ma non prevede alcuna sanzione per le istituzioni inadempienti.
L’AIFVS chiede che il Governo si attivi d’urgenza con un decreto legge per stabilire adeguate sanzioni anche per le amministrazioni locali che non ottengono entro i tempi indicati il risultato della diminuzione degli incidenti nel loro territorio, ponendo fine all’ingiustificato privilegio, e promuovendo comportamenti orientati a raggiungere obiettivi.
Aiutiamo l’Italia a diventare un paese civile!

© asaps.it
Lunedì, 23 Luglio 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK