Sabato 04 Luglio 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 11/07/2007

Dalla Cina arrivano le auto clonate

Tra i bersagli preferiti Mercedes, Toyota, Honda, Rolls-Royce, Smart e Bmw

Foto dalla rete


(ASAPS) – Dopo le carte di credito, i vestiti e le borse firmate ora tocca alle auto clonate. E stavolta la vicenda è tutta “Made in China”. Sono infatti diverse le vetture delle più importanti case automobilistiche mondiali ad essere state “scelte” dalla Repubblica Popolare per essere riprodotte, in tutto e per tutto, dalle industrie cinesi. Prendendo come riferimento la classe C della Mercedes, ad esempio, la cinese Geely Merrie di Shangai ha prodotto la sua “gemella”, la Geely Merrie 300, mentre la Chery Global, con sede nella città di Wuhu, ha puntato sulla copia della Chevrolet Matiz. Ci sono poi le imitazioni della Rolls-Royce Phantom proposte dalla Hongqi HQD e, ancora, la casa BYD che ha preso non troppo libera ispirazione dalla Bmw 7 per la sua F6. E se vale il detto in base al quale “il plagio è la forma più alta e sincera di adulazione” il fenomeno “auto clonate” sarà visto solo come un riconoscimento alla qualità e all’estetica delle produzioni delle case automobilistiche coinvolte. Ma non c’è da sperarci troppo. Probabilmente, alla forma praticamente perfetta delle carrozzerie non corrisponderà un contenuto altrettanto affidabile di motorizzazione. Ora i grandi nomi della produzione automobilistica dovranno stare in allerta e trovare una soluzione per difendersi da questo nuovo pericolo “Made in China”. (ASAPS)


© asaps.it
Mercoledì, 11 Luglio 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK