Venerdì 27 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Rassegna stampa 30/12/2004

Rassegna stampa del 29 Dicembre 2004

Rassegna stampa del 29 Dicembre 2004


Da "Il Gazzettino" del 29 dicembre 2004
Un giovane di Rivignano (Udine) è stato fermato dalla polizia stradale mentre stava uscendo con la sua Audi 100 dal centro commerciale Adriatico
In un controllo perde 45 punti dalla patente
Appena sceso ha cominciato ad inveire contro gli agenti.
È risultato positivo all’alcol-test e alterato da sostanze stupefacenti
Marco Corazza

 Portogruaro
Un giovane di Rivignano, paese della provincia di Udine è stato fermato e denunciato dalla Polizia stradale di Portogruaro. È accaduto l’altro giorno, quando il ventitreenne C.A., queste le sue iniziali, a bordo della sua Audi 100, mentre stava uscendo dal Centro commerciale Adriatico di Portogruaro, è stato fermato dalla pattuglia per un normale controllo, che tale però non è risultato. Il giovane infatti appena sceso dall’automobile ha iniziato ad inveire contro gli agenti, i quali hanno preferito sottoporlo ad accertamenti. Fermato e portato in caserma e dopo alcuni controlli è risultato positivo all’alcol test e alterato a causa di alcune sostanze stupefacenti.
Immediatamente sono scattate diverse denunce per guida in stato di ebbrezza e guida sotto l’effetto di droghe, violenza, minacce ed ingiurie, che lo stesso ha collezionato durante il controllo. Il friulano ha anche raggruppato molte contravvenzioni, che vanno dalla mancanza della cintura a quella dei documenti a molte altre, che hanno implicato la decurtazione di 45 punti dal documento di abilitazione alla guida e che potranno essere regolarizzate solo dopo il pagamento di almeno 500 euro e dopo aver rifatto gli esami per la patente, così come prevede il codice stradale.
Un Natale sicuramente "indimenticabile" per il giovane, il quale ha dovuto chiamare aiuto per poter rincasare essendo stato bloccato dai poliziotti anche il suo mezzo.

Da "La Provincia di Cremona" del 29 dicembre 2004
Il caso.
José Poiaghi e Maurizio Costi bloccati al Pergoletto dalla polstrada e dalla volante
Scippo, ma con arresto lampo
di Cristiano Mariani

Non hanno avuto neppure il tempo di controllare quanto avessero racimolato con lo scippo: José Poiaghi e Maurizio Costi sono stati arrestati prima di poter aprire la borsa, strappata a una cinquantenne cremasca pochi minuti prima. Questa mattina, i due protagonisti dell’episodio, ‘andato in scena’ a mezzogiorno e mezza di ieri in via IV Novembre, verranno processati con rito direttissimo. Per entrambi, l’ipotesi di reato è il "furto con destrezza". Il bottino mancato contemplava, oltre a una manciata di contanti, la carta di credito, la tessera bancomat e il telefono cellulare della malcapitata. Costi, cremasco di ventitré anni, è stato bloccato da alcuni passanti e quindi affidato a un equipaggio della squadra volante; mentre Poiaghi, che di anni ne ha ventiquattro e attualmente è domiciliato a Lodi, è stato rintracciato sulle rive del Serio da una pattuglia della polstrada di Crema. A tradire gli scippatori appiedati — visto che per la fuga confidavano solo nella forza delle gambe — sono state le urla della donna presa di mira. La cinquantenne stava rientrando a casa dopo aver fatto la spesa e i due giovani l’hanno affrontata alle spalle, senza darle il tempo di reagire. Ma le sue grida hanno attirato l’attenzione di alcuni dipendenti della pizzeria Luna, che hanno inseguito i fuggiaschi, riuscendo ad acciuffarne uno: Costi. Nel frattempo, la borsetta era già stata lanciata tra le auto in sosta in via Sinigaglia. Poiaghi è stato più rapido del compagno e si è infilato nel viottolo sterrato che porta alle sponde del fiume. Per tallonarlo, gli agenti del distaccamento di via Macallè sono stati costretti a lasciare l’auto di servizio. Sembra che il giovane abbia anche cercato un’improbabile salvezza lungo l’argine scivoloso dello scolmatore Cresmiero.

Da "Il Messaggero" del 29 dicembre 2004
Strage di patenti: in un anno la Polstrada ne ha ritirate 298

Un anno di attività del distaccamento della Polizia Stradale di Castiglione del Lago: sono state rilevate complessivamente 4.475 infrazioni. Particolarmente considerevole è il numero delle patenti ritirate: 298. Di queste, 231 sono state ritirate per eccesso di velocità, 36 per guida in stato di ebbrezza ed una per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Gli incidenti stradali avvenuti nel corso dell’anno sono 99 ed hanno causato 6 morti e 58 persone ferite. Controlli anche presso 42 officine con 14 infrazioni rilevate.
Da "Romagna Oggi" del 29 dicembre 2004
Polizia stradale, nel 2004 ritirate 690 patenti di guida

FORLI’
Un settore d’intervento indispensabile per l’intera collettività è quello coperto dalla Polizia Stradale, che ogni giorno compie un’opera di prevenzione e repressione degli interventi scorretti spesso invisibile ma assolutamente necessaria. Così nel corso del 2004 sono stati effettuati 5.207 servizi di pattugliamento, con il rilevamento di 1.558 incidenti di cui 12 mortali e 423 con feriti.
Il dato più eclatante riguarda il numero di infrazioni rilevate e le sanzioni comminate: nel 2004, la Polizia Stradale di Forlì ha contestato 15.594 infrazioni al codice della strada. Tra i provvedimenti disciplinari assunti, vanno segnalate le 690 patenti ritirate.
L’attività della Polizia Stradale di Forlì ha portato anche all’arresto di 16 persone ed alla denuncia a piede libero di altre 341. Nell’ultimo anno sono anche stati recuperati 60 autoveicoli rubati.
Legato al problema della sicurezza su strade e autostrade c’è anche il servizio di soccorso stradale svolto dalla Polizia di Forlì. A questo proposito, nel 2004 sono stati effettuati anche 9.203 interventi di soccorso.

Da "Il Corriere della sera" del 29 dicembre 2004
Armato di scimitarra aggredisce due agenti
S. Ca

LAINATE
Per fermarlo ci sono voluti quattordici agenti della polstrada di Busto Arsizio. Con una scimitarra, F.R., 41 anni, marocchino con regolare permesso di soggiorno e residente a Motta Visconti, intorno alle 2 di ieri notte ha tentato di decapitare un agente, danneggiato due auto della stradale e seminato il panico lungo l’autostrada A8. Arrivato all’altezza di Lainate, F.R. è stato fermato da una pattuglia della polizia perché procedeva a zig-zag. L’uomo, con un precedente per guida in stato d’ebbrezza nel 2001, ha rifiutato di sottoporsi all’alcoltest. Subito sono scattati il sequestro dell’auto e la cancellazione di 20 punti dalla sua patente. Il marocchino non ha retto alla vista della sua auto agganciata al carro attrezzi: ha aperto il portabagagli, e dopo aver impugnato la scimitarra si è lanciato contro i poliziotti. I primi a cadere sotto i suoi fendenti sono stati i lampeggianti blu e i fanali dell’auto della stradale. Poi F.R. si è avventato contro una seconda vettura della polizia mandando in frantumi il parabrezza e tentando di decapitare un agente con un colpo di scimitarra. Il poliziotto ha evitato il fendente per un soffio ma è stato ferito a una mano. Prima di essere arrestato F.R. ha picchiato un secondo agente e ha tentato la fuga scappando tra le auto costringendo la stradale a chiudere il tratto di autostrada per circa 30 minuti. Il marocchino dovrà rispondere tra l’altro di tentato omicidio.


Giovedì, 30 Dicembre 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK