Giovedì 28 Ottobre 2021
area riservata
ASAPS.it su

Massime di giurisprudenza - Assicurazione obbligatoria – Risarcimento danni – Modulo di constatazione amichevole – Efficacia probatoria – Piena prova – Nei confronti dei conducenti – Configurabilità – Nei confronti dell’assicuratore – Configurabilità – Esclusione – Libero apprezzamento da parte del giudice – Ammissibilità – Conseguenze

(Cass. Civ., Sez. III, 3 agosto 2005, n. 16223)

Il modulo di constatazione amichevole di un sinistro stradale sottoscritto dai conducenti coinvolti e completo in ogni sua parte (compresa la data), ha, nei confronti degli stessi valore di confessione stragiudiziale resa alla parte e, a norma dell’art. 2735 c.c., produce i medesimi effetti della confessione giudiziale, con esclusione della possibilità di provare il contrario; mentre, nei confronti dell’assicuratore è solo liberamente apprezzabile dal giudice, che può su di esso fondare, dandone adeguata motivazione, il proprio convincimento. (Nell’affermare il suindicato principio la S.C. ha ritenuto costituire sufficiente e logica motivazione il richiamo, contenuto nell’impugnata sentenza, sia alla mancata risposta – senza giustificato motivo – all’interrogatorio formale ex art. 232 c.p.c. sia alla mancanza i prova contraria da parte dei convenuti in ordine agli elementi desumibili dal verbale di constatazione amichevole). 

© asaps.it
Lunedì, 25 Giugno 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK