Domenica 19 Settembre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Corte di Cassazione 18/05/2007

Giurisprudenza di legittimità - Depenalizzazione - Accertamento delle violazioni amministrative - Violazione del codice della strada commessa da soggetto minorenne - Previsione nel verbale dell’obbligo di presentarsi presso il comando di polizia...

(Cass. Civ. Sezione II, 18 settembre 2006, n. 20158)

 

 

Giurisprudenza di legittimità

Corte di Cassazione Civile

(Sezione II, 18 settembre 2006, n. 20158)

 
Depenalizzazione - Accertamento delle violazioni amministrative - Violazione del codice della strada commessa da soggetto minorenne - Previsione nel verbale dell’obbligo di presentarsi presso il comando di polizia - Notifica del verbale dopo il compimento del diciottesimo anno d’età - Soggetto gravato dell’obbligo di presentazione- Genitore - Esclusione - Fondamento - Fattispecie in tema di patente di guida.


In caso di violazione del codice della strada commessa dal minore di anni diciotto, qualora nel verbale sia riportato, insieme alla violazione (guida senza
il prescritto «patentino») l’obbligo di recarsi presso il più vicino comando di polizia municipale per esibire il patentino stesso, e il relativo verbale venga notificato quando il minore abbia già com­piuto la maggiore età, della mancata ottemperanza all’obbligo di presentazione non può essere chia­mato a rispondere il genitore, ex art. 196 del codice della strada, quale responsabile diretto per la vio­lazione commessa da persona capace di intendere e di volere ma soggetta all’altrui autorità, poiché del­la violazione risponde soltanto il soggetto divenuto maggiorenne, secondo l’ordinaria disciplina civili­stica della capacità di agire .


SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

- Con ricorso ex art. 22 legge 689/81 C. M. E. proponeva opposizione all’ordinanza-ingiunzione n. 19862-00 del Prefetto di Genova, emessa a seguito di ricorso avverso il verbale di accertamento n. 2020981, elevato a suo carico in data 9 novembre 1999 dalla Polizia Municipale di Genova per violazione dell’art. 180ottavo comma c.d.s. e notificatole in data 27 febbraio 2000, per non avere ottemperato all’invito a presentarsi ed esibire la patente di guida di motorino del figlio minore G. C..
Con sentenza n. 4587.02 il Giudice di pace di Genova rigettava il ricorso, osservando che era onere dell’opponente di presentarsi ai Vigili Urbani, entro il termine stabilito, ed esibire la patente di guida del mo­tociclo intestata al figlio minorenne.
Per la cassazione della decisione ricorre la C. esponendo quattro motivi. Nessuna difesa è stata
svolta dall’intimato.

 

MOTIVI DELLA DECISIONE


- Con il primo motivo di ricorso, deducendo violazione e falsa applicazione degli artt. 201 e 180, comma 8, c.d.s. e dell’art. 3 legge 689/81, nonché omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controver­sia, si censura la sentenza impugnata nella parte in cui ha ritenuto che «era nel potere-dovere della madre di presentarsi o far presentare il figlio (minorenne) presso il Comando di Polizia Municipale per esibire quanto richiesto (la patente di guida del motorino)».
Si sostiene, invece, che la madre non poteva essere legittima destinataria dell’invito a presentarsi con il documento, perché il relativo verbale del 19 novembre 1999 era stato notificato alla stessa solo in data 27 feb­braio 2000, quando cioè che il figlio G. C. era da circa tre mesi divenuto maggiorenne, per essere lo stesso nato il 27 novembre 1981, e che, co­munque, per lo stesso specifico motivo, si sarebbe do­vuto ritenere la buona fede della C. di non essere tenuta al relativo adempimento.
Il motivo è fondato e l’accoglimento del primo mo­tivo è esaustivo di ogni altra questione proposta con il presente ricorso.
Vale innanzitutto osservare che il precedente ri­corso al Prefetto ai sensi dell’ art. 203 c.d.s., non è pre­clusivo dei motivi esposti con l’opposizione ai sensi dell’art. 23 legge 689/81, trattandosi di due procedi­menti aventi natura e finalità diversi fra di loro, in quanto il primo, di natura amministrativa, mira ad ot­tenere la verifica delle condizioni di procedibi1ità, e il secondo, di natura giurisdizionale, è, invece, diretto ad ottenere il proscioglimento dalla contestata infrazione.
Orbene, non opera, nel caso di specie, il principio di solidarietà, stabilito dall’art. 196, comma 2, c.d.s. per la violazione commessa da persona capace di in­tendere e di volere, ma soggetta all’altrui autorità, vi­gilanza, bensì l’ordinaria disciplina civilistica della capacità di agire, che si acquista con la maggiore età, di tal che, in relazione alla data di notificazione del verbale del 19 novembre 1999, avvenuta in data 27 febbraio 2000, l’attuale ricorrente aveva ben ragione di ritenere di non essere tenuta a presentarsi, in luogo del figlio, per esibire la patente di guida dello stesso, in quanto il figlio era nel frattempo divenuto maggio­renne, essendo nato il 27 novembre 1981.

Ne consegue che la sentenza impugnata va cassata senza rinvio e, decidendo nel merito, va accolta l’opposizione proposta da C.M.E. avverso l’ordinanza-ingiunzione del Prefetto di Genova. Le spese dei due gradi di giudizio, attesa la materia del contendere e la decisione adottata, possono ritenersi compensate tra le parti. (Omissis)
© asaps.it
Venerdì, 18 Maggio 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK