Giovedì 24 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Rassegna stampa Alcol e guida del 22 marzo 2007

A cura di Alessandro Sbarbada e Roberto Argenta

 

IL GIORNALE DI VICENZA

Stragi del sabato sera, la proposta del sindacato di polizia Coisp

«Buttafuori come steward»

«Gli addetti alla sicurezza dei locali, che impropriamente vengono chiamati buttafuori, siano utilizzati come gli steward dello stadio». È una delle proposte del sindacato di polizia Coisp per far fronte all’emergenza delle stragi del sabato sera, di cui di recente si è interessato il governo.

Il segretario regionale del Veneto, il vicentino Luca Prioli, ha avanzato l’idea che prevede un complesso progetto. «Gli addetti conoscono tutto dei locali dove lavorano ma oggi non hanno alcun potere se non quello di mandare via i rompiscatole. Invece, se venissero fatti seguire loro dei corsi professionalizzanti nei settori del primo soccorso, della sicurezza e della prevenzione, come è avvenuto per gli steward in servizio negli stadi italiani, potrebbero essere validissime spalle alle forze dell’ordine».
Il Coisp nazionale infatti aveva plaudito all’iniziativa del governo di inasprire le pene per chi si mette alla guida ubriaco o provoca incidenti, ma aveva sottolineato col segretario Franco Maccari come fosse necessario prevedere l’utilizzo di molte più pattuglie delle forze dell’ordine per consentire i controlli.
«Oltre a questo si possono coinvolgere i locali e i loro gestori - continua Prioli -, perché i giovani bevono soprattutto in bar e discoteche, non certo in casa propria. Per questo un ruolo importante potrebbero avercelo i buttafuori (oltre un migliaio solo in Veneto), che potrebbero essere autorizzati a fermare le persone ubriache quando escono dai locali e a impedire loro di mettersi al volante». (*)
(*) Nota: il problema della guida in stato di ebbrezza ha una sua specificità, come pure l’accertamento dell’alcolemia. La maggior parte dei comuni per meglio controllare i parcheggi a pagamento si è attivata con gli ausiliari del traffico. Prevedere degli ausiliari dell’etilometro sarebbe più complicato ma non impossibile. Del resto il timore più grande di fronte alle nuove proposte di legge è proprio quello che non vengano attivate le risorse necessarie per applicarle.


IL MATTINO

Il «Treno azzurro» anti-sballo notturno

Torni il «Treno azzurro» contro le stragi del sabato sera dovute in gran parte alla stanchezza o all’assunzione di alcool o droga. La proposta è dei Verdi di Bologna che sollecita di riavviare l’esperienza promossa negli anni scorsi in Romagna nel periodo estivo in coincidenza con le «blue lines», gli autobus colorati che collegani i locali più frequentati dal «popolo della notte». 


 

L’ARENA

Il preside Dino Poli: «Il nostro obiettivo è far passare il messaggio che il bere fa comunque male»

Alcol, i giovani parlano ai giovani
In classe i ragazzi dell’«Anonima alcolisti» La prevenzione in classe L’iniziativa all’istituto Ferraris 

Giovani e alcol, un binomio che spesso va a braccetto con altre sostanze illecite e che torna periodicamente in primo piano ad ogni strage del sabato sera.
Ma se riguardo alla droga il messaggio che le istituzioni e la società lanciano è di condanna, sull’alcol c’è ancora una cultura che tende a minimizzare la «sbronza» considerandola una semplice bravata. C’è però anche chi lavora in senso opposto: all’istituto tecnico Galileo Ferraris si cerca di educare attraverso le dirette testimonianze. Giovani che parlano ai giovani raccontando i loro problemi di dipendenza da alcol, la loro difficile lotta contro la bottiglia e infine la rinascita ad una nuova e più consapevole vita. Sono i ragazzi dell’Anonima alcolsti che, espressamente invitati dal preside Dino Poli, si incontrano con le classi terze periodicamente, già da alcuni anni.
«Normalmente arrivano in due e raccontano agli studenti cos’è l’Anonima alcolisti e come funziona, spiegano la differenza tra l’alcolista “umido”, quello che beve, e l’alcolista “secco” quello cioè che permette di bere», spiega il preside Poli, «poi parlano di esperienze personali o di altri alcolisti usciti dal tunnel. Chi finisce nel problema dell’alcol si rovina, perde il lavoro, distrugge la famiglia e perde completamente il contatto con la realtà; è un messaggio forte che arriva diretto, senza filtri, ai ragazzi e per questo forse più efficace di mille slogan».
Nel Veneto, aggiunge il preside, c’è una cultura del vino importante, «un bicchiere di vino, per certi versi, fa meno male di uno di Coca Cola», aggiunge Poli, «ma bisogna capire che fermarsi lì non è facile, soprattutto quando si è giovani. Per questo l’Alcolisti anonimi lancia il messaggio che non bisogna assolutamente bere, certo è un po’ “terroristico”, ma visti i tempi che corrono è efficace».
Non si tratta però di fare proibizionismo, chiarisce il preside, ma «di comprendere che è come il gioco d’azzardo, non si sa se si riuscirà ad uscirne». E prosegue: «Non ci facciamo illusioni, è un’età in cui ci si mette alla prova, si vuole sperimentare. Ma ci auguriamo che chi già beve ci rifletta e chi invece non ha ancora provato, si decida a non farlo», prosegue Poli. «Sono d’accordo con le dichiarazioni di Vittorino Andreoli, ultimamente il messaggio che esce è "bevete pure ma non guidate ubriachi", invece bisognerebbe dire di non bere affatto perché i rischi sono tanti».
Il preside torna poi sul ruolo degli insegnanti, sollevato alcuni giorni fa con la proposta del ministro dell’Interno Giuliano Amato di introdurre i test antidroga all’interno delle scuole: «Come per gli stupefacenti, gli insegnanti si rendono subito conto se in un ragazzo c’è qualche problema di dipendenza», spiega Poli, «invece di introdurre misure coercitive, lo Stato dovrebbe pensare agli organici scolastici, se gli insegnanti mancano, i supplenti non possono avere l’occhio "clinico" e allenato per individuare anche i minimi cambiamenti nel comportamento o nell’atteggiamento degli studenti».
Giorgia Cozzolino



IL GAZZETTINO (Treviso)

L’ASSESSORE ROMANO ASTOLFO ILLUSTRA LE INIZIATIVE 

Alcol e droga, i progetti per combattere il disagio dei giovani

Motta di Livenza

(G.R.) In relazione alle polemiche degli ultimi giorni sulle problematiche legate al consumo di alcolici e di sostanze stupefacenti da parte dei giovani, interviene l’assessore mottense al sociale Romano Astolfo. «L’impegno delle istituzioni in questo senso è massimo. Ricordo che i comuni del distretto, d’intesa con i servizi dell’Usl competenti in materia di disagio giovanile, hanno attivato diversi tentativi di risposta in maniera condivisa sulle problematiche del mondo giovanile. Ricordo il consultorio adolescenti, con l’apertura di uno spazio neutro rivolto agli adolescenti per un pomeriggio a settimana; i progetti di promozione del benessere e del protagonismo giovanile, iniziative che promuovono l’inclusione giovanile e ne valorizzano l’espressività, facendo emergere le potenzialità e le risorse dei nostri ragazzi. Da ricordare anche il laboratorio "Scuola e volontariato", in collaborazione con le associazioni di volontariato locale, per avvicinare e sensibilizzare i giovani alle tematiche della solidarietà, della cittadinanza attiva e dell’impegno sociale; iniziativa già avviata negli istituti Isiss di Motta, Sansovino di Oderzo e ai nastri di partenza anche alla Lepido Rocco di Motta. Soprattutto, in materia di prevenzione delle dipendenze, ricordo il progetto dello "Spazio di ascolto", che rientra nel piano triennale di intervento 2006/08 dell’Ulss 9. Il progetto vede il comune di Motta capofila per il territorio opitergino-mottense e ha come obiettivi, interventi di prevenzione con gruppi di persone a rischio, aumentandone i livelli di conoscenza e consapevolezza dei rischi connessi all’uso di droga e all’abuso di alcool. Le istituzioni - ha concluso Astolfo - dunque sono molto attive per dare risposte concrete ai giovani».


IL GAZZETTINO (Venezia)

Un pacchetto di iniziative messo a punto dai titolari di alcune discoteche di Lugugnana e Fossalta 

Test anti alcol contro le stragi del sabato 

Dai bus navetta ai premi per chi risulta negativo all’etilometro. Alberghi a prezzi speciali per i ragazzi un po’ alticci

Portogruaro

Troppi morti sulle strade, troppi ragazzi che perdono tragicamente la vita dopo aver passato un’allegra serata in una discoteca. Una strage quella del sabato sera alla quale va posto fine. Ed è per questo che anche le discoteche del Portogruarese si stanno attrezzando con una serie di iniziative finalizzate a rompere questa tragica catena di morte. L’ultima di queste in ordine di tempo si chiama "Music for live" e viene promossa dalla discoteca Tnt di Lugugnana di Portogruaro. Un’iniziativa che vuole lanciare un messaggio forte ed educativo ai giovani e che, stando ai piani dei promotori, richiede la collaborazione della Regione Veneto e delle forze di Polizia. In parte, il progetto è già avviato con almeno 8 bus navetta che raccolgono i ragazzi da più parti del Veneto e del Friuli Venezia Giulia ogni domenica pomeriggio per poi riportarli a casa. Secondo una stima della direzione sono più di 400 ragazzi che, in questo modo, vengono "tolti" dal pericolo delle strade, con ulteriori 180 vetture di giovani "discotecari" che non circolano. Un successo raggiunto ancora il 31 ottobre scorso per la festa di Halloween. In quella circostanza si trattava però di un servizio notturno, con caratteristiche ben diverse dalla domenica pomeriggio.
"Music for life" sarà attivo già sabato 24 marzo con tre bus che arriveranno a Caorle, Concordia Sagittaria e Portogruaro, città dove è prevista la sosta anche nei pressi della stazione ferroviaria. Il progetto si pone anche l’obiettivo di mettere a disposizione di tutti gli automobilisti che escono dalla discoteca un servizio di controllo sul loro stato psicofisico. Qualora il risultato dell’etilotest risultasse negativo i gestori del Tnt offriranno al guidatore e a tutte le persone che si trovano in auto con lui, e negative al controllo, un invito omaggio per una delle serate successive. Questa iniziativa potrebbe venire illustrata ai clienti da hostess o steward, che consegneranno anche gli omaggi dopo l’avvenuto controllo. Nell’eventualità che le forze dell’ordine non siano disponibili per i controlli all’esterno del locale per varie motivazioni, i gestori si dicono disponibili ad acquistare dei semplici etilometri "usa e getta" o un etilometro fisso da posizionare all’uscita del locale per effettuare autonomamente i controlli".

Per "Music for life" sono già disponibili anche otto alberghi della zona dove potrebbero pernottare, a prezzo agevolato, gli automobilisti risultati positivi al test alcolico.Per attuare queste iniziative è stata attivata un’apposita richiesta di fondi alla Regione che, nell’ambito del progetto "Iniziative per il controllo del territorio contro la diffusione dell’alcolismo ed a favore della sicurezza stradale", ha permesso l’acquisto di 12 etilometri fissi da installare all’interno dei maggiori locali pubblici di Jesolo.
Le prime date di "Music for life" sono state fissate per il 24 e il 31 marzo e per il 14 e 21 aprile. Apposite pubblicazioni sono state predisposte per dare dettagliate informazioni alla clientela. Un analogo progetto è già pronto per essere presentato anche da Paolo Tomaselli titolare di due locali a Fossalta di Portogruaro.

Marco Corazza


L’ARENA

L’intervento

«I controlli non sono sufficienti La prevenzione inizia a casa»

Ma non è solo un problema dei giovani, la fascia più a rischio è quella della seconda età L’obiettivo. La cultura della sicurezza deve diventare patrimonio di ogni cittadino

Le statistiche dei primi 80 giorni del 2007 relativi al numero di sinistri stradali nella nostra provincia sono allarmanti, con quasi 40 morti. Il Prefetto già da alcuni mesi aveva convocato un Osservatorio con tutti i protagonisti attivi, dalla scuola alle forze di polizia, dall’Aci ai sindacati delle discoteche e sale da ballo, dai mass media alle associazioni dei familiari delle vittime sulla strada.
Ma siamo convinti che gli sforzi fatti finora siano abbastanza? Penso che gli sforzi vadano nella giusta direzione ma debbano essere accompagnati da una cultura della sicurezza stradale che non si compra al mercato e che ogni cittadino deve avere nel proprio dna.
È il «Mese della Sicurezza Stradale» e in queste settimane ho girato con i miei collaboratori per le circoscrizioni e i centri di aggregazione. Durante gli incontri serali sono stati pochissimi coloro tra i 30 e 50 anni venuti ad ascoltare un dirigente di polizia locale che parlava di morte sulle vie e piazze veronesi, anche mostrando immagini forti. Perché? È forse un problema solo dei giovani? I dati non dicono questo, anzi la fascia più a rischio è quella della seconda età.
I tre fattori che contribuiscono ad un incidente stradale - utente, veicolo, strada - vengono esaminati quotidianamente dai tecnici, ma spesso è proprio il primo quello relativo a chi conduce un veicolo quello più dirompente. I nostri giovani hanno dichiarato di ubriacarsi prima di andare in discoteca, magari con miscele di alcool (tanto) e succhi di frutta (poco). Dicono che bere nelle osterie costa poco e negli open-bar ancora meno, anzi meglio comprare tutto al supermercato. Non vanno criminalizzati i commercianti ma l’attenzione sul bere e sui minori va posta con forza. Ma non c’è solo l’alcool, c’è la droga che ha un costo per chi la compra (e qualcuno i soldi ai figli glieli dà) e che porta a un incidente certo. Le forze dell’ordine combattono in maniera instancabile questi due fenomeni con nuovi strumenti (precursori) e (purtroppo) leggi vecchie, che devono essere modificate subito, perché il contatore numerico va avanti.
Tutti devono vigilare, ma i primi attori sono i genitori, gli insegnanti, le istituzioni. E servono i controlli, con mezzi innovativi e tutori dell’ordine motivati, a cui dare obiettivi selezionati, sulle strade in generale, perché non esistono i black-point, esiste un grande punto nero sulla nostra provincia. Dobbiamo tutti impegnarci perché l’obiettivo 2010 (riduzione del 50 per cento dei morti e degli incidenti sulle nostre strade) si allontana ogni giorno di più, in Italia e in ogni provincia.
E poi serve il rispetto delle regole, anche quelle del Codice della Strada. Non si deve parlare di sicurezza stradale solo perché ci sono i morti. La speranza viene però dagli incontri nelle scuole, dove in questi giorni abbiamo incontrato con il Nucleo di Educazione Stradale oltre duemila studenti e scolari. Alcuni giovani sono rimasti turbati da foto e video. Sono loro la speranza, perché quel turbamento può salvare vite umane.
Non è più pensabile che genitori piangano i propri figli, che altri figli piangano i genitori, che aumentino le croci sulle nostre strade. Per meglio comprendere il fenomeno sicurezza stradale ogni anno in provincia di Verona è come se sparisse un intero condominio, composto da 80-90 persone, uomini, donne e bambini, non lo dimenticate cari veronesi.
Luigi Altamura (Comandante della polizia municipale)


L’ARENA

BICCHIERI DI TROPPO

Etilometro, c’è il modello da viaggio. Ed è gratis 

Etilisti palesi, amanti della ciucca del sabato sera, osti onesti, cultori di amari e digestivi: non avete più scuse. Sull’auto con le dotazioni di bordo, le cinture, la torcia elettrica ed il giubbetto catarifrangente, ora si può mettere anche un accessorio assai utile: l’etilometro, prèt a porter.
Vari modelli di alcolimetri fai-da-te sono in vendita nei negozi di accessori a prezzi modici o alti. Oppure, addirittura, vengono regalati. Un dono prezioso in eleganti confezioni grandi come mezzo pacchetto di sigarette.
L’alcol test personalizzato comprende un tubicino trasparente contenente una sostanza gialla cristallizzata ed è chiuso da due tappi, uno bianco ed uno rosso, più un sacchetto di resina chiuso da una valvola. Si tolgono i tappini, si fa uscire la polvere - la gialla rimane all’interno - si soffia nel sacchetto floscio riempendolo con il proprio alito, lo si avvita al tubicino dal lato del tappo bianco (con freccia) e si schiaccia il sacchetto trasparente.
Ed ecco la sentenza: se la polverina rimane gialla va tutto bene, se diventa verde ci siamo: una tacca dirà di quanto si supera il limite previsto dalla legge. E’ del 5 per mille, in pratica una quantità che si aggira sui due bicchieri di vino (anche meno).
Sarà il caso di non guidare se si ha memoria di quanto è accaduto ad amici e parenti per via della patente ritirata o, peggio, dell’albero che (come gli sciagurati sostenevano subito dopo il sinistro) «aveva attraversato loro la strada».
A Verona l’etilometro non incontra molto ma tutti i rivenditori ne sono forniti. Li hanno finiti da Poli elettrodomestici in via Centro 6, un esemplare monouso 6 euro ( i poliuso ne costavano 30), li stanno ordinando. Come da Tuttauto, in via Tombetta 78, dov’era anche in vetrina, e costava 90 euro. Gliene sono rimasti solo cinque all’Elettroricambio di via Adigetto, costo 18 euro, modello costruito dalla ditta Lampa di Viadana di Mantova ma, addirittura li regalavano ai clienti alla Nuovages di via Francia 9.
«Li donavamo a chi faceva acquisti per 20-25 euro, ne abbiano distribuiti gratis almeno un migliaio, come promozione, ma pure per dare un contributo a questo controllo dei sinistri ed salvaguardia delle patenti», dice Denis Sandrini mostrando la confezione ed il funzionamento. E spiega il suo collega Maurizio Pizzato: «Ne davamo due per persona, precisando che il limite è molto basso ma è meglio non correre rischi in ogni caso. Se ne sono già viste troppe di disgrazie e di gente azzerata dal ritiro della patente: Adesso ne aspettiamo un’altra partita, ne sono rimasti solo 12, e continueremo a donarli».
Bartolo Fracaroli


TELERADIOERRE

FOGGIA, giovedì 22 marzo 2007

Dipendenze da alcol, incontri a Baobab

L’assessorato provinciale ai Servizi sociali, il centro interculturale “Baobab-sotto la stessa ombra”, l’Asl di Capitanata, l’assessorato all’immigrazione del Comune di Foggia, hanno organizzato una serie di incontri formativi sul tema delle dipendenze da alcol per operatori impegnati nel settore migratorio. Gli incontri si terranno presso la sede del centro interculturale di Foggia (via Candelaro, 90). La partecipazione è gratuita. Primo incontro oggi alle ore 16.00 sul tema “Problemi medici di abuso di alcol e comportamenti da avere con i soggetti con dipendenze da alcol”. “Il problema dell’abuso di alcol - ha affermato l’assessore provinciale alle politiche sociali Benvenuto Grisorio - accomuna cittadini italiani e stranieri. Abbiamo, perciò, dato vita a questi incontri nella convinzione che occorre fornire agli operatori di settore gli strumenti necessari per agire in una logica di rete e realizzare le azioni idonee per prevenire e contrastare il fenomeno”.

Daniela Zazzara


IL GAZZETTINO (Pordenone)

Il responsabile dei locali pubblici dell’Associazione convocherà i colleghi per discutere l’ordinanza già in vigore 

Norme antialcol, modifiche Ascom 
«Non siamo contrari in linea di principio al provvedimento, ma il Comune poteva consultarci»

La categoria dei gestori di locali pubblici che fa riferimento all’Ascom potrebbe chiedere al Comune alcune modifiche all’ordinanza (già in vigore) che ha vietato la vendita di alcolici per asporto all’interno della città dopo le 20. A prendere posizione è il responsabile della categoria, Luca Garbo. «In linea di principio non siamo contrari al provvedimento assunto dal Comune, quello che ci ha sorpreso, proprio per i buoni rapporti che intercorrono con il sindaco è che l’ordinanza sia stata firmata senza prima consultare la categoria. Molto probabilmente avremmo potuto dare qualche consiglio utile e magari evitare problemi in futuro».
Ma non è tutto. «A questo punto - va avanti Luca Grabo - penso che insieme ai colleghi che operano in città e in particolare nelle zone interessate dal provvedimento leggeremo attentamente l’ordinanza e dopo una consultazione valuteremo se sarà necessario chiedere al Comune alcune modifiche». Non nasconde il rappresentante dell’Associazione che all’interno dei gestori dei bar qualche divisione esiste. «Posso capire - va avanti - che chi chiude le serrande prima dell’orario indicato dal provvedimento firmato dal sindaco sia poco interessato, ma ci sono altri operatori che invece lavorano anche dopo quell’ora. Per quanto mi riguarda penso anche che chi va in una pizzeria a prendere una pizza per asporto possa anche pensare di acquistare due birre da portare a casa. Invece con questo provvedimento non è più possibile, pena sanzioni molto salate. Penso anche a chi per cena vuole comperare una bottiglia di vino da degustare in tranquillità a casa con gli amici. Anche questo non sarà più possibile. A fronte di queste cose ritengo utile prima di tutto un confronto tra noi operatori e se del caso anche qualche richiesta di modifica al Comune. Anche perchè - conclude Luca Garbo - se sommiamo a questo divieto pure quello di fare musica nei bar, corriamo veramente il rischio di avere una città che alle otto di sera è completamente chiusa e deserta». (*)
C’è da aggiungere che l’ordinanza firmata dal primo cittadino ha carattere sperimentale. Questo significa che è intesa tra le possibilità prima di tutto quella di verificare gli effetti che porta, poi, se necessario, anche modifiche in senso migliorativo. Resta il fatto che l’amministrazione ha agito con tempestività - si legge nel provvedimento - proprio per garantire la sicurezza di tutta la cittadinanza.

Loris Del Frate

(*) Nota: i provvedimenti che vietano la vendita di alcolici in verte fasce orarie o nei contenitori di vetro nascono sempre come reazione al degrado che l’uso di alcolici e provoca. Lo stesso comune di Pordenone ha così motivato il provvedimento: “L’ordinanza nasce dal fatto che nel centro cittadino si registra l’eccessivo consumo di bevande alcoliche da parte di persone che stazionano nei luoghi pubblici che poi porta a schiamazzi soprattutto nelle ore notturne. È poi segnalato il fatto che le bevande vengono consumate all’esterno dei locali e i contenitori vengono abbandonati causando sporcizia e rischi”.


CORRIERE DELLA SERA – FORUM ITALIANS

L’unica cosa che può frenare un ventenne è la punizione

Caro Beppe,
nell’esprimerti tutto il mio apprezzamento per il tuo impegno nel portare l’attenzione sulle tragedie annunciate del sabato sera, volevo portarti la mia testimonianza di trentenne che ha da poco smesso di passare il sabato sera a ballare girovagando da un locale all’altro e che quindi ha ben chiaro il ricordo di quelle notti. Ho passato circa una decina di anni a fare da "autista" delle lunghissime ed estenuanti serate perché, in fondo, quando si trattava di riprendere la macchina per tornare a casa, mi sono sempre fidata più di me stessa che di chiunque altro e questo perché ne vedevo eccome di ragazzi decisamente alticci che, pervasi da un delirio di onnipotenza, saltavano in macchina e via verso casa. Il fatto è che a vent’anni non percepisci il pericolo, non conosci la morte e soprattutto non ti sfiora neanche il pensiero che potrebbe succedere a te di essere raccolto tra le lamiere contorte. L’unica cosa che a vent’anni ti frena veramente è la punizione, la patente sospesa, la macchina ritirata, o come finalmente pare che sarà, il carcere e la conseguente reazione della famiglia. E’ però indispensabile che la sanzione sia percepita come reale e altamente probabile e perché sia così devono esserci i controlli, tanti controlli, quasi una certezza. Non deve essere più possibile, come è stato per me, che in tutti gli anni passati in giro a divertirmi non mi è MAI capitato di essere fermata per un controllo con l’etilometro. Quindi Beppe non abbassare la guardia su questo argomento e se avremo il risultato di vedere diminuito il numero dei giovani che all’alba di domenica non fanno rientro a casa sarà una gioia enorme.

Giorgia Bernacca, giobernh@hotmail.com

Grazie Giorgia: Giusi Fasano ed io ti arruoliamo come consulente per il prossimo reportage! Ci vieni? Hai ragione quando parli di "delirio di onnipotenza"; ne abbiamo avuti tutti, a vent’anni: l’importante è che non diventino letali. Ed è vero che solo la sanzione (certa) costituisce un deterrente: ho la sensazione che, da questo punto di vista, il ministro Melandri s’illuda (vorrei aver torto, ovviamente). Oltretutto, molte assicurazioni non rispondono, nel caso il consulente sia bevuto o drogato. Molti genitori non si rendono conto che l’appartamento di famiglia è appeso a un filo, se il figlio provoca un incidente.


IL GAZZETTINO

LETTERE

(…)

Non si paragonano le Frecce al Tocai

Leggo l’articolo uscito sulle Frecce Tricolori e rimango attonita ed amareggiata per le dichiarazioni della senatrice di Rifondazione Comunista, Linda Menapace. "Le Frecce Tricolori sono inutili e dannose. Contano minimamente per la difesa del Paese. Prendono in considerazione aspetti coreografici, un rituale che io non amo" ed ancora "Potrebbero essere finanziate dai privati" e poi " preferisco lottare per altre cause come quella in favore della salvaguardia del vino Tocai". Ora per nulla togliere alle nostre colline, ricche di vini pregiati e sicuramente importanti per l’economia della nostra regione, un paragone del genere lo trovo personalmente fuori luogo. Tutti i giorni si parla di sicurezza stradale, di giovani che purtroppo sempre più spesso alzano "il gomito" e di continui incidenti dove i morti ogni fine settimana raddoppiano e di genitori che piangono sopra le tombe dei loro figli. Basti fare un giro per le nostre strade e molto spesso troviamo fiori in ricordo di qualcuno che lì è morto Non è un controsenso? Tutto questo per dire che mi sta bene la propaganda commerciale a difesa del Tocai, però aspettavo anche una dichiarazione della Senatrice sui danni e sui morti provocati dall’alcool.
Un attacco alla Frecce, nostro fiore all’occhiello, non solo per la Regione ma per tutta la nazione, che con la loro forza di libertà difende gli onori della Patria e porta alto il nome dell’Italia nel mondo, si ritrova ad essere, talaltro, paragonata al vino Tocai.
Un offesa gratuita, a mio avviso, per questi ragazzi che con grande impegno, onore e professionalità ad ogni loro acrobazia sono un’icona indiscutibile di Pace. Non riuscendo a trovare una motivazione valida dalle parole della senatrice, mi chiedo ancora una volta quale sia l’astio verso la Nostra pattuglia acrobatica.
Vorrei ricordare, che questi piloti, non sono solo "acrobati", ma fanno parte integrante della pattuglia dei caccia della nostra Aeronautica Militare e quindi fulcro di difesa e prevenzione della nostra Nazione. Togliere fondi in maniera del tutto ingiustificata a chi ci protegge a mio avviso è un atto alquanto azzardato.
Mi auguro che la senatrice pensi a lungo a quanto dichiarato. Aggiungo e concluso con un grazie alla nostra Pattuglia ed un augurio forte che continuino a darci le emozioni che fino ad ora ci hanno regalato mettendo a repentaglio anche la loro vita, pur di dare un forte segno di Pace.
Cristina Palanga Forza Italia - Cordenons

(…)


GOMARCHE

Ubriaco, minaccia di buttare la figlia dal balcone

ANCONA – Giovedì 22 Marzo 2007. Ieri pomeriggio ad Ancona, nel quartiere Brecce Bianche, Gianluca Carpineti, commerciante di 44 anni, in seguito ad una violenta lite con la moglie, ha minacciato di gettare dal balcone della propria abitazione, la figlia di un mese e mezzo.
Per fortuna l’uomo, ubriaco, è stato fermato in tempo dalla Polizia e dai carabinieri, chiamati dalla madre della bimba e da una testimone. Arrestato per tentato omicidio , l’uomo ora si trova nel carecere di Montacuto.
La neonata, trasportata all’ospedale Salesi di Ancona per alcuni accertamenti, è in buone condizioni di salute e sembra non aver subito traumi.


IL MATTINO

Interrogati i due fratelli che picchiarono il vigile

PIAZZA D’ARMI Interrogati i due fratelli che picchiarono il vigile Sono comparsi davanti al gip Cassano i due fratelli arrestati per aver picchiato a sangue il vigile urbano di Avellino all’interno del bar «Albachiara» di piazza d’Armi. Difesi dagli avvocati Danna e Romano, i due hanno affermato di essere completamente ubriachi al momento dell’aggressione. i due restano nel carcere di Bellizzi Irpino. (…)



LA GAZZETTA DI PARMA

Calci e pugni ai carabinieri: un albanese finisce in cella

PREVENZIONE I MILITARI AGGREDITI SONO STATI MEDICATI AL PRONTO SOCCORSO

Calci e pugni ai carabinieri: un albanese finisce in cella Il giovane, fermato durante un controllo, era in preda ai fumi dell’alcol. Si è concluso con l’arresto di un venticinquenne di origine albanese e residente a Salsomaggiore, un controllo alla circolazione stradale effettuato dai carabinieri nelle vie del centro cittadino. Al fine di contrastare in maniera efficace le vittime delle stragi del sabato sera, e quindi prevenire e reprimere il reato di guida in stato di ebbrezza, i carabinieri di Salso, al comando del capitano Vincenzo Di Stefano, hanno effettuato controlli a tappeto, anche mediante l’utilizzo dell’etilometro. 


 
AGI

SONDRIO, ARRESTATO MAROCCHINO PER AGGRESSIONE A MOGLIE E VICINI

Milano, 22 mar. - I Carabinieri di Tirano (Sondrio) hanno arrestato un cittadino marocchino che dopo aver aggredito la moglie e alcuni vicini accorsi in difesa si era scagliato contro le stesse forze dell’ordine. I Carabinieri sono intervenuti nella tarda serata di ieri, in seguito a una segnalazione, dopo che Gamra Jamal, di 42 anni, in evidente stato di ubriachezza aveva aggredito la moglie e altre persone; all’arrivo dei militari il marocchino aggrediva anche loro, venendo infine arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale.


IL GAZZETTINO

CORTINA 

Minacce con coltello al ristorante, denunciato ubriaco

(si.p.) Notte movimentata in centro storico per colpa di un cittadino tedesco ubriaco.

L’uomo, Christian H.U., 49 anni, l’altra sera intorno alle 23 ha iniziato a minacciare con un coltellaccio camerieri, clienti e gestori di un locale del centro storico, il ristorante Zanvor di via Cesare Battisti.
Pare che, ancora una volta, sia proprio l’abuso di alcol alla base del comportamento dello straniero.
Subito molti cittadini che si trovavano a passare dalla zona ed alcuni avventori del locale pubblico cominciano a tempestare di telefonate il 112, allertando la centrale operativa della compagnia dei carabinieri di Cortina.
Sul posto si precipitano due pattuglie del nucleo radiomobile in quel momento in servizio di pronto intervento.
Al loro arrivo l’uomo si mostra tranquillo e non ha niente né in mano, né in tasca. I carabinieri lo bloccano e lo perquisiscono. Il coltello, ritrovato poco distante gettato in un vaso per i fiori, viene recuperato e sequestrato.
L’uomo, accompagnato in caserma per essere fotosegnalato è stato denunciato per minaccia aggravata e porto abusivo di armi bianche.
Rimesso in libertà a notte fonda, l’uomo è stato proposto alla Questura per l’irrogazione della misura del foglio di via obbligatorio da Cortina per i prossimi tre anni.


MERATEONLINE

Merate: extracee ``ebbro`` si accascia lungo la sp342

Si è reso necessario l’intervento degli uomini del 118 e della polizia locale nella mattinata di giovedì 22 marzo sulla Statale nei pressi del Bar bocciofila Nodari. Un extracomunitario residente a Cornate d’Adda, molto probabilmente sotto l’effetto di alcool si è accasciato a terra mentre stava attraversando la trafficatissima strada. Già noto nella zona per altri episodi analoghi, l’uomo è stato riconosciuto da un camionista che stava sopraggiungendo in quel momento lungo la strada e che, intuita la situazione, ha dato l’allarme.
Subito intervenuti gli uomini del 118, hanno provveduto a trasportare l’uomo all’ospedale dove ha potuto smaltire in un posto più sicuro la quantità di alcool ingurgitata, mentre gli uomini della polizia locale hanno provveduto a regolarizzare il traffico, rimasto bloccato per il tempo del soccorso.


L’ARENA

Avevano mandato fuori strada un altro veicolo

Fuggono dopo l’incidente Scoperti e denunciati in tre
Gli immigrati, due dei quali clandestini, erano tutti ubriachi

Minerbe. Provocano un frontale, facendo finire nel fossato un imprenditore del paese e poi fuggono a piedi. Nel giro di due ore, però, i tre, tutti immigrati di cui due clandestini, sono stati rintracciati ed identificati: a quel punto sono stati anche denunciati per omissione di soccorso e fuga dopo l’incidente.
Lo scontro è avvenuto l’altra sera, dopo le 19 sulla provinciale 500 che da Legnago va a Minerbe. I tre uomini erano a bordo di una Golf Volkswagen vecchio modello e si stavano dirigendo proprio verso Legnago. Purtroppo l’eccissiva quantità di alcool che avevano in corpo ha tradito la loro lucidità e, ad un certo punto, hanno perso il controllo della Golf e sono finiti contro una Ford Galaxy che proveniva dalla corsia opposta. Il frontale è stato piuttosto violento e la Ford è stata sbalzata dentro al fossato che corre a lato della strada. Fortuna vuole che il conducente, F.V., di Minerbe, non sia rimasto ferito in modo serio ed è riuscito ad uscire dal veicolo. Anche i tre immigrati della Golf non si sono fatti male e visto che hanno capito benissimo le conseguenze alle quali sarebbero andati incontro - considerato anche lo stato di ubriachezza - se la sono data a gambe levate.
In quel momento, però, arrivava la polizia municipale di Minerbe, allertata dell’incidente ed ha visto tre individui allontanarsi. Sono scattate subito le ricerche e due di questi, i clandestini, sono stati trovati all’interno di un locale, al circolo Girasole, di Minerbe. Interrogati, questi hanno alla fine svelato il nome del terzo amico che, per altro, era il conducente della Golf. A quel punto la polizia municipale ha avvisato anche i carabinieri di Minerbe che si sono occupati dell’identificazione dei clandestini. Quindi i militari dell’Arma sono andati a casa del terzo, R.G., 32 anni, un immigrato regolare residente a Legnago. Tutti e tre sono stati denunciati a piede libero. (d.a.)


IL GAZZETTINO (Rovigo)
PROCURA 

Valium nella birra per rapinarlo Per il pm fu tentato omicidio

Per la rapina consumata il 27 settembre 2006 ai danni di un operaio 54enne di Giacciano con Baruchella, invitato a cena e poi sedato con una massiccia dose di tranquillanti versati nella sua birra, per rubargli la pensione, la procura di Rovigo ha ufficialmente chiuso le indagini. L’episodio aveva portato all’arresto di Lauro Romanato, 30 anni, e l’ex infermiera Lorena Cestaro, 44, entrambi di Badia. La vittima della rapina, cui erano stati sottratti solo 100 euro, era finita in coma e aveva rischiato la vita. Circostanza confermata anche dalla perizia medica disposta dal pm Silvia Ferrari. Secondo i periti effettivamente l’operaio, dopo aver ingerito Valium e Laroxyl, avrebbe potuto morire, se non fosse stato portato in ospedale. Quindi per Romanato si profila la richiesta di rinvio a giudizio per tentato omicidio.


ASAPS

Stati Uniti

Partito il progetto “Safe Drive”, dedicato agi studenti ubriachi L’alcol? Una vera e propria epidemia, soprattutto nelle università

WASHINGTON, 22 marzo 2007 – Gli specialisti l’hanno dichiarata una vera e propria epidemia, da paragonare alla più terribile delle malattie: è l’etilismo acuto (con seri rischi di cronicizzazione) che torna puntuale ogni fine settimana, soprattutto in licei ed università, all’interno delle quali vengono organizzati giganteschi party nei quali i superalcolici la fanno da padrone. I campus universitari, che non riescono più a contrastare (nemmeno con le temutissime vigilanze interne) questa folle passione per lo sballo – alla quale deve essere aggiunta la patologica connessione con le sostanze stupefacenti – hanno dunque dato vita ad un programma detto “Safe Drive”. Un numero verde, attivo durante i weekend, consentirà allo studente ubriaco di poter disporre ovunque si trovi di un passaggio. Qualcuno, insomma, che andrà a prenderlo per riportarlo indietro, sperando ovviamente che con questa idea i ragazzi non si mettano alla guida e non si facciano male, non ne facciano ad altri ed evitino di finire in prigione. I conducenti dei veicoli di recupero, vere e proprie Safety Car, saranno selezionati dalle direzioni universitarie e saranno proprio gli uffici amministrativi degli atenei a sobbarcarsi ogni tipo di spesa. Gli istituti più facoltosi hanno messo insieme piccole compagnie di bus, in servizio fino a tarda notte, che anche durante la settimana fanno il giro dei bar e dei locali, da quelli preferiti per l’aperitivo a quelli “della staffa”. Ci sovviene una domanda… ma se questi sono sempre in giro, avranno tempo (e voglia) di studiare? Forse, se qualcuno in Italia pensa ad una vacanza studio per i propri figli, meglio l’Australia o la Nuova Zelanda.


VIRGILIO NOTIZIE

MLB/ SBRONZA E SONNO AL SEMAFORO, ARRESTATO MANAGER CARDINALS

La Russa dormiva in macchina con tasso alcolemico fuori legge

Jupiter,Florida(Usa), 22 mar. (Ap-Apcom) - L’inizio della regular season della Major League Baseball è alle porte ma ai vincitori delle World Series, i St. Louis Cardinals, la primavera concilia il sonno. Un sonno oltre i limiti di legge. Tony La Russa, manager e timoniere dei campioni del mondo del 2006, è stato arrestato oggi a Jupiter, in Florida, per guida in stato di ebbrezza. O meglio, visti i fatti, per immobilità alcolica.
Il 62enne La Russa è stato infatti trovato addormentato nella sua auto sportiva mentre, poco dopo la mezzanotte, era fermo ad un semaforo nonostante la luce verde fosse scattata già un paio di volte. Insospettiti, agenti in borghese hanno avvicinato il veicolo trovando il capo allenatore dei Cardinals addormentato con motore acceso, marcia inserita e piede pigiato sul freno. Una volta svegliato, La Russa - al quale è stato riscontrato un tasso alcolemico leggermente più alto rispetto alla soglia massima - è stato arrestato e trasferito presso la prigione della contea di Palm Beach, lasciata alle 8.30 di stamani dietro il pagamento di una cauzione di 500 dollari.
La Russa, eletto quattro volte manager dell’anno nella Mlb, è il terzo capo allenatore di tutti i tempi per partite vinte (2.297 in 28 stagioni) e oltre al titolo dello scorso anno con St. Louis vanta un trionfo nelle World Series anche con gli Oakland Athletics (1989).


REDATTORE SOCIALE
’’Con un bicchiere in meno’’: campagna di prevenzione della Provincia di Lecce

LA REPUBBLICA
bullismo in crescita tra fumo e alcool

L’ADIGE
Molesto e brillo, denunciato
Dall’arte alla festa senza alcol


© asaps.it
Venerdì, 23 Marzo 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK