Giovedì 26 Gennaio 2023
area riservata
ASAPS.it su

Stati Uniti, fermate d’autobus con aroma di biscotti: fallisce quella che era stata definita la campagna pubblicitaria del secolo



(ASAPS) SAN FRANCISCO (California, USA) – L’avevano annunciata come la campagna pubblicitaria del secolo, scomodando perfino il celebre filosofo Proust, ma a differenza dell’opera del celebre saggista francese, che firmò Alla ricerca del tempo perduto, si è rivelata un fiasco. L’idea, firmata dal gruppo lattiero Molly Ireland, era quella di sfruttare la sosta dei pendolari alle fermate dei bus riempiendole di soavi aromi di latte, caffé e biscotti, ma invece che corteggiare le nari per spingere ad un maggior consumo di prodotti da prima colazione mediterranea, ha ottenuto l’esatto contrario: nausea più totale. Così, i giganteschi e innovatiti pannelli pubblicitari sono stati subito rimossi da tutte le bus stop di San Francisco, sancendo con la disfatta uno dei più impegnativi e costosi battage pubblicitari del 2006: troppo forti e fastidiosi, per il naso dei californiani, gli effluvi sprigionati dalle capsule nascoste nei cartelloni. Niente da fare, dunque, e copiare l’idea delle emozioni infantili narrate da Proust nella sua opera principale non è servito. L’autobus, del resto, è un mezzo troppo importante per la mobilità e la sicurezza stradale della metropoli americana per essere messo in discussione da una campagna pubblicitaria. Meglio forse una modella desnuda, o – più semplicemente – una bella fotografia di latte e biscotti sul piatto di una tavola, in cucina. (ASAPS)

© asaps.it
Venerdì, 29 Dicembre 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK