Giovedì 28 Maggio 2020
area riservata
ASAPS.it su

Rassegna stampa Alcol e guida del 6 novembre 2006

A cura di Alessandro Sbarbada e Roberto Argenta

VITA NON PROFIT ONLINE

Chi beve vino campa cent’anni?

di Redazione (redazione@vita.it)

I dubbi di un medico dopo alcuni servizi "scientifici" sui nostri tiggì 

«Molte agenzie di stampa hanno riportano nei giorni scorsi la notizia di una ricerca americana che ha studiato gli effetti del resveratrolo sui topi, con il titolo "Vino rosso riduce rischi obesità" La stessa notizia è stata ripresa da numerose testate nazionali e locali.

Il TG1 delle 20 del 2 novembre ha ripreso la notizia di questa ricerca, riportando tra i titoli: "Chi beve vino campa cento anni". Il servizio, di Manuela Lucchini, cominciava con la frase: "Vino rosso sempre più prezioso per la nostra salute".

Si tratta evidentemente di una colossale stupidaggine, completamente infondata dal punto di vista scientifico. Meglio ancora, si tratta di una grossolana manipolazione della scienza, presumibilmente per fini commerciali. Alla faccia dell’informazione e soprattutto alla faccia della salute delle persone.

In realtà la notizia corretta, dal punto di vista scientifico, era molto diversa: una cosa tipo "studiati negli Stati Uniti alcuni effetti positivi del resveratrolo sui topi". La ricerca, pubblicata su "Nature", da nessuna parte parla di vino, quello l’hanno aggiunto in Italia. Il resveratrolo è presente in 74 diversi vegetali, tra cui arachidi, olive, mirtilli, pomodori...uva. Come mai il TG1 non titolava "chi mangia arachidi campa cento anni"?

Ai topini non è stato somministrato vino (con la sua importante componente di alcol), ma resveratrolo.

Nel vino rosso, per ogni parte di resveratrolo ce ne sono centinaia di migliaia di alcol, sostanza tossica per tutti gli organi e gli apparati del corpo umano, dai dimostrati effetti cancerogeni. Per assumere una dose significativa di resveratrolo bisognerebbe bere tanto vino da uccidere il povero paziente già il primo giorno di "cura". Ci sono ricerche che dimostrano come il resveratrolo, quando assunto attraverso il vino, non viene nemmeno assorbito dall’organismo umano.

Il messaggio forte, il titolo "Chi beve vino campa cento anni", oltre ad essere una stupidaggine assoluta, è un insulto a tutte quelle famiglie, in Italia sono milioni, che devono proprio al vino il motivo della loro sofferenza. E non mi si venga a dire che ci si riferiva al "bere moderato": se uno beve poco vino, di fatto non assume resveratrolo, e tutto il ragionamento cade. Per assumere dosi di resveratrolo equivalenti a quelle somministrate ai topi di questa ricerca un uomo dovrebbe bere mille litri di vino al giorno.

Venendo al discorso obesità, l’alcol è calorico, ingrassa. Fare una cura antiobesità bevendo il vino rosso, perchè contiene resveratrolo, è un’indicazione evidentemente illogica, come lo sarebbe suggerire, per combattere questo problema, di mangiare torte alla crema farcite di frutti di bosco (anch’essi contenenti il resveratrolo). Il minimo che ci si aspetta ora dal Direttore del TG1, e dai responsabili dei giornali che hanno riportato questa sciocchezza, dagli effetti estremamente pericolosi, è che chiedano scusa per la colossale bufala presentata dalle loro testate. Si rischia per il dilettantismo, o per la malafede di qualcuno, di distruggere anni di lavoro certosino trascorsi a cercare di informare i cittadini in maniera seria e scientificamente corretta sui rischi legati al consumo delle bevande alcoliche. L’alcol è uno dei principali fattori di morbilità e mortalità nel nostro paese, e si stima che il vino sia responsabile di circa il sessanta per cento dei problemi alcolcorrelati.

La promozione del vino come fattore di salute, su presupposti privi di fondamento, è comportamento di estrema gravità, che va denunciato con forza da quanti hanno a cuore il benessere dei cittadini».

Prof. Pier Paolo Vescovi

Direttore del Dipartimento Medico

Azienda Ospedaliera"Carlo Poma", Mantova, Regione Lombardia


 

HELP CONSUMATORI

SICUREZZA STRADALE.

Piemonte, prosegue la campagna “Guido sobrio”

Partita il 20 ottobre scorso, prosegue la campagna regionale "Guido Sobrio" in collaborazione con i comandi di Polizia Municipale e con la Polizia Stradale. L’iniziativa comprende momenti di informazione sul bere e guidare, con lo scopo di aumentare la consapevolezza dei rischi che si corrono al volante dopo avere bevuto alcolici e con l’obiettivo di prevenire gli incidenti stradali che ne sono la conseguenza. Questi momenti sono seguiti da azioni di verifica e sanzione dei conducenti di cui si constata l’ebbrezza.

La particolarità della campagna è la simultaneità ed il coordinamento di queste azioni, svolte su più Comuni piemontesi negli stessi giorni e negli stessi orari da pattuglie provenienti da Comandi diversi della Polizia Municipale e, da quest’anno, anche della Polizia Stradale.

La Regione per l’attività di informazione e prevenzione ha elaborato alcuni materiali specifici: un depliant con le informazioni di dettaglio, un volantino con gli elementi essenziali della campagna, gli etilotests per autovalutare, prima di mettersi alla guida, se si ha un tasso alcolemico superiore ai valori consentiti dal Codice della Strada, un disco orario che calcola anche i valori indicativi di alcol nel sangue dopo ogni bevuta e ne indica l’abbassamento con il trascorrere delle ore.

Questi materiali verranno distribuiti in zone di grande affluenza (mercati, davanti alle scuole, nelle strade pedonali di maggiore passaggio...) dagli agenti di Polizia Municipale dei Comuni aderenti alla campagna, accompagnando la distribuzione con spiegazioni ed informazioni a voce sulla guida in stato di ebbrezza.

Le amministrazioni locali che hanno aderito alla campagna regionale e la Polizia Stradale metteranno a disposizione le pattuglie per effettuare i controlli serali previsti dall’iniziativa: per 2 serate dalle 23 alle 4, nelle stesse date (10 novembre, 2 dicembre 2006 ) verranno fermate tutte le auto che passeranno davanti a queste pattuglie per misurare il tasso alcolemico del conducente.

Con questo tipo di intervento lo scorso anno si è verificato che in media oltre tre guidatori su cento (3,2%), in quelle fasce orarie, superava i limiti di alcool consentiti. I controlli non saranno a campione, ma sistematici, le pattuglie in quelle date e in quegli orari si dedicheranno in modo esclusivo alle verifiche della guida in stato di ebbrezza.

"L’iniziativa- sottolinea l’Assessore regionale alla Polizia Locale Giovanni Caracciolo- si inserisce nel quadro più generale di azioni della Regione per la sicurezza stradale: il piano regionale per la sicurezza stradale curato dall’assessorato ai trasporti, il piano per la prevenzione degli incidenti stradali curato dall’assessorato alla sanità, il programma per la formazione della Polizia Locale, al cui interno è prevista una formazione specifica per la sicurezza stradale. L’elemento comune di questi documenti programmatici è il tentativo di dare una risposta al problema della sicurezza stradale che in Italia rimane ancora lontano dall’obiettivo europeo di riduzione del 50% degli incidenti entro il 2010".

"La campagna "Guido Sobrio"- prosegue Caracciolo- è legata al fenomeno dell’abbassamento dell’età a partire dalla quale si bevono alcolici, oggi scesa all’età adolescenziale ed in particolare all’aumento delle ragazze e donne che bevono alcolici. La campagna mira soprattutto a portare chiarezza su due concetti spesso confusi, l’ebbrezza e l’ubriachezza. Se sono relativamente pochi gli automobilisti che si mettono alla guida ubriachi, sono molti quelli che si mettono alla guida dopo i classici 2/3 bicchieri di vino, con cui hanno pasteggiato. Una situazione che, pur con tutte le distinzioni di sesso, peso, età, grado alcolico che vanno fatte, porta in molti casi ad euforia, riduzione dei tempi di reazione a stimoli, difficoltà di visione."

Il messaggio di fondo della campagna non è quello di far smettere di bere, bensì di imparare a gestire quello che si beve, prendendo coscienza della quantità di alcol che ciascuno può tollerare per stare sotto lo 0,5 grammi/litro nel sangue, previsto dal Codice della Strada.

Le amministrazioni locali aderenti sono i Comuni di: Alessandria, Beinasco, Biella, Bruino, Cameri, Chivasso, Cuneo, Dormelletto, Galliate, Mondovì, Nichelino, None, Novara, Novi Ligure, Omegna, Pinerolo, Rivalta di Torino, Rivarolo Canavese, Rivoli, Saluzzo, Settimo Torinese, Torino, Valenza, Vercelli, Vigliano Biellese, Volvera e le Comunità collinare aree pregiate del nebbiolo e del porcino, Comunità montana alta Val Lemme alto Ovadese, Comunità delle colline tra Langa e Monferrato. A questi si aggiunge l’impegno della Polizia Stradale - Compartimento Piemonte e Valle d’Aosta - che parteciperà alla campagna con 5 pattuglie nel territorio di: Alba, Bosco Marengo, Castelletto Ticino, Gravellona Toce e Sandigliano.


 

VARESENEWS

Laveno Mombello - Il primo cittadino di Laveno ne discuterà oggi, 6 novembre, con la giunta. «Gli ultimi episodi sono solo l’ultimo atto di una serie di danneggiamenti, così mandiamo via i turisti»

Grande Fratello e stop agli alcolici di notte, il sindaco vuole fermare i vandali

Atti di vadalismo sempre più frequenti a Laveno Mombello durante la notte. Questa volta ad essere presi di mira sono stati i bar del lungolago che tra sabato e domenica hanno trovato gli esterni sfoltiti di sedie e tavolini ritrovati, poi, in fondo al lago. Tali episodi, di diversa entità ma comunque preoccupanti, hanno messo in allarme i baristi del centro facendo sollevare i primi malumori tra i gestori. Qualcuno sta già pensando di non servire più alcolici dopo una certa ora. Ad avallare questa ipotesi è il sindaco di Laveno Mombello Ercole Ielmini che proprio oggi, lunedì 6 novembre, ne discuterà in giunta con la propria amministrazione: «Sono decisamente preoccupato da questa ondata di vandalismi - spiega il sindaco - e in giunta cominceremo a prendere i primi provvedimenti. Siamo una città turistica che fa del bello e della tranquillità la sua arma per attirare i turisti, con questi atti li allontaniamo dunque non possiamo permetterci che avvengano episodi di questo tipo».

Quali sono allora i provvedimenti che metterete sul piatto? «In primis siamo d’accordo con quei baristi che non serviranno più bevande alcoliche dopo una certa ora - spiega Ielmini - sappiamo che un provvedimento del genere possa scatenare le ire di qualcuno ma quando si passa il segno bisogna fermarsi a riflettere». Basterà smettere di servire alcolici a scoraggiare atti di questo tipo? «Quando abbiamo deciso di mettere i parcometri abbiamo anche detto che avremo acquistato delle telecamere - continua Ielmini - credo che sia venuto il momento di seguire la scia di molte altre città con l’introduzione della videosorveglianza nei punti critici che noi già conosciamo bene». Pugno duro contro i vandali e i disturbatori notturni, dunque, anche a Laveno. Molte città l’hanno già fatto e il Grande Fratello si è rivelato decisivo per alcune situazioni difficili che siano atti di vandalismo, furti, rapine e quant’altro. L’annosa questione del «tutti spiati» sembra ormai aver ceduto il passo all’esigenza di risparmiare, sia alla comunità che ai singoli cittadini, alcune migliaia di euro di danni subiti dai soliti ignoti.


 

L’ADIGE

Ubriaco con l’auto contro la gente

Ha danneggiato due veicoli Poi ha rischiato il pestaggio

Dopo avere bevuto decisamente troppe birre è salito sulla sua automobile e, con la vista annebbiata dall’alcol, ha cerato di uscire dal parcheggio. Nella partenza, però, ha quasi investito una persona, urtandola ad una gamba. Non pago, dopo un po’, è tornato indietro e si è lanciato verso un capannello di persone, che per fortuna si sono scansate in tempo, prima di tamponare un’automobile parcheggiata, spingendola contro un terzo veicolo. Al termine della folle manovra un gruppo di una ventina di persone si è quindi avvicinato al conducente per bloccarlo. Ne è nato un parapiglia ed alla volta del guidatore alticcio sarebbero volati schiaffi e spintoni. L’arrivo delle forze dell’ordine, chiamate dai presenti, ha quindi evitato che la situazione degenerasse e che il responsabile della carambola venisse picchiato. Il movimentato episodio si è verificato verso mezzanotte e trenta nel parcheggio del Top center. Protagonista un marocchino di 33 anni, alla guida di una Seat Ibiza. L’uomo, allontanato da un locale pubblico poco prima perché visibilmente ubriaco - i gestori si erano rifiutati di servirgli altre bevande - prima ha iniziato a discutere con alcuni clienti che stavano fumando all’esterno del bar, poi si è deciso ad imboccare la strada di casa. Ma quando è salito sulla Seat, evidentemente incapace di infilare la strada, ha quasi investito un uomo, che grazie alla sua prontezza di riflessi è stato colpito solo ad una gamba. Forse non rendendosi neanche conto di aver urtato una persona lo straniero ha imboccato lo scivolo che permette di raggiungere il parcheggio superiore del centro commerciale. Ma da qui, poco dopo, sarebbe sceso a velocità folle. «Si è lanciato con la macchina contro il gruppo di persone che stava chiacchierando e fumando - racconta un testimone - Per fortuna si sono scansati tutti in tempo». La corsa del giovane si è conclusa contro le auto parcheggiate: la Seat ha tamponato un veicolo che, per l’urto, è finito contro un altro mezzo. Il capannello di persone - una ventina -che un istante prima si è visto piombare addosso l’auto fuori controllo, a quel punto si è avvicinata al marocchino, forse per evitare che si allontanasse. Ma alcuni erano decisamente fin troppo animosi. La paura provata nella folle manovra ha fatto da miccia alla rabbia. E così sarebbero volati una serie di schiaffi e spintoni alla volta dell’uomo, rimasto nella sua automobile. Qualcuno, nel frattempo, ha allertato le forze dell’ordine, proprio per evitare che la situazione degenerasse: «Venite, altrimenti lo linciano». Sul posto sono arrivati sia i carabinieri che la polizia. Il marocchino, accompagnato al pronto soccorso, è risultato positivo all’alcoltest: la sua patente è stata ritirata e lui denunciato dai militari per guida in stato di ebbrezza. F. P.


 

BRESCIA OGGI

Sabato notte movimentato nel parcheggio dell’area di servizio Monte Alto a Desenzano. La polizia ha arrestato (a fatica) tre polacchi ubriachi

Rissa in «A4», camionista sprangato

Notte movimentata all’area di servizio Monte Alto nord, lungo l’autostrada Serenissima, in territorio di Desenzano.

Attorno alle 21 tra sabato e domenica tre camionisti polacchi, visibilmente alterati per il bere, armati di spranghe in ferro e acciaio hanno colpito alcuni camion fermi nel piazzale, danneggiandone la carrozzeria, mentre i conducenti riposavano.

Si sono avuti momenti di paura e di tensione quando alcuni camionisti sono scesi dalle cabine, alcuni impugnando bastoni per difendersi e per evitare danni ai loro mezzi, cercando di allontanare i polacchi che continuavano a menar fendenti.

Un camionista straniero è rimasto seriamente ferito, altri solo contusi.

Scattato l’allarme al 113, dopo alcuni minuti è giunta all’area di servizio Monte Alto una pattuglia della polizia stradale di Verona sud competente sino a Brescia lungo l’autostrada «A4», dopo che la centrale aveva segnalato ai colleghi una possibile rissa tra camionisti a Desenzano.

All’arrivo della polizia qualcuno si è allontanato in fretta, aiutato dall’oscurità.

I poliziotti, non senza fatica, hanno evitato che la rissa proseguisse e dopo un po’, grazie anche ai rinforzi, hanno bloccato, disarmato e arrestato i tre polacchi, che hanno 32, 27 e 23 anni. I tre si erano barricati nella cabina di un camion, forse cercavano di scappare.

La polizia ha fatto intervenire una seconda pattuglia per bloccare i facinorosi, finiti in cella con l’accusa di lesioni e danneggiamento.

Nel piazzale dell’area di servizio Monte Alto, lungo la corsia per Brescia, sono giunte anche le ambulanze inviate dal 118, dato che un camionista della Repubblica Ceca era rimasto ferito gravemente: colpito con una spranga, giaceva riverso sull’asfalto. Dopo un primo ricovero all’ospedale di Desenzano, il trasferimento nella notte all’ospedale di Cremona, dove è stato ricoverato con la riserva della prognosi.

I tre polacchi sono rinchiusi a Canton Mombello. La loro posizione potrebbe peggiorare, con l’accusa che da lesioni potrebbe trasformarsi in tentato omicidio.

La polizia non ha ancora concluso le indagini: da stabilire ancora con certezza il motivo scatenante della violenza.

f.mo.


 

IL MATTINO (CASERTA)

CASAGIOVE. HA ANCHE FERITO UN VIGILE URBANO

Ubriaco semina il panico in un market, preso

MICHELE CROCCO Casagiove. Scene da panico, grida e intervento finale dei vigili urbani e carabinieri. E successo la scorsa sera nel supermercato Politico di via Roma dove un extracomunitario, Aufiq Bouchid di 54 anni, che normalmente staziona all’ingresso dell’esercizio commerciale chiedendo soldi o roba da mangiare, ha incominciato a insultare i clienti del supermercato che si rifiutavano di lasciargli qualcosa. Richiamato dalle proteste è intervenuto il titolare del supermercato che in un primo momento ha cercato di allontanare il molestatore, il quale, in evidente stato di ebbrezza, al contrario è entrato nel negozio pretendendo soldi, minacciando i presenti e provocando danni alla merce esposta. Sono intervenuti sul posto i vigili urbani che in quel momento stazionavano poco lontano. Purtroppo la presenza delle forze dell’ordine ha provocato una forte reazione da parte del marocchino che ha ferito il vigile urbano Michele Latessa e danneggiato la macchina di servizio. Solo l’arrivo dei carabinieri della locale stazione, guidati dal maresciallo Nicola Di Stefano, ha permesso l’arresto dell’extracomunitario, che si è scoperto privo di permesso di soggiorno, con l’accusa di estorsione, minacce, lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento, e ha permesso di ristabilire l’ordine.


 

IL MESSAGGERO (MARCHE)

PERUGIA

Alcol e droga: nei guai un maceratese 

PERUGIA Guidava l’ auto a zig-zag sul raccordo Perugia-Bettolle sotto l’ effetto di alcol e droga, ed anche i suoi tre di compagni di viaggio avevano fatto uso di stupefacenti: così l’ autista è stato denunciato dai carabinieri, e gli altri segnalati alla prefettura come assuntori di droghe.

È successo nella tarda serata dell’altro ieri, quando una pattuglia del nucleo radiomobile ha incrociato, all’ altezza dello svincolo di Madonna Alta, una Fiat Punto, che procedeva zigzagando. Poco dopo la vettura è stata fermata e controllata: quattro le persone a bordo, due uomini e due donne, poco più che trentenni e tutte della provincia di Macerata.


 

IL MESSAGGERO (UMBRIA)

Bella russa guidava contromano e ubriaca: tolti 40 punti di patente 

di SIMONE SANTI

SAN GIUSTINO - Ha perso 40 punti della patente in una sola volta, per aver guidato in stato di ubriachezza e contromano, creando terrore fra gli automobilisti che incrociava. Al volante di una Renault 19 c’era una bella straniera, G. M., russa di 35 anni, residente a Monterchi. La donna stava percorrendo il tratto comunale della statale 3 bis, tra Selci Lama e San Giustino, quando una pattuglia del commissariato di Città di Castello l’ha vista procedere a zig zag all’altezza della località Altomare di San Giustino. Fortunatamente dalla corsia opposta non arrivavano auto in quel momento. Solo dopo alcuni chilometri di inseguimento gli agenti riuscivano a bloccare, all’interno dell’abitato di San Giustino, l’auto, rilevando l’evidente stato di ebbrezza della conducente. Accanto alla donna è stata trovata anche una bottiglia semivuota di liquore. La donna ha colelzionato una raffica di sanzioni per violazione del codice stradale per 40 punti di patente. L’auto è stata affidata ad un conoscente.


 

IL MESSAGGERO (MARCHE)

L’altra notte i carabinieri di Recanati, in ... 

RECANATI L’altra notte i carabinieri di Recanati, in servizio di pattugliamento, sono intervenuti in viale Corridoni perché allertati da una auto finita contro un muretto a lato della strada. Fortunatamente il giovane alla guida il recanatese A.S. di 30 anni, in evidente stato confusionale, non ha subito importanti lesioni contrariamente alla sua auto. E’ stato subito trasportato al pronto soccorso dell’ospedale cittadino per la cura delle ferite superficiali riportate e per essere sottoposto all’esame con l’etilometro per valutare il suo tasso alcolemico sanguigno al quale è risultato positivo. Il trentenne è stato così denunciato per guida in stato di ebbrezza con conseguente ritiro della patente.


 

IL MESSAGGERO (FROSINONE)

Alatri/Denunciato 

Fuori strada con l’auto: guidava sull’orlo del coma etilico 

Ancora un incidente dovuto ad abuso di alcool nel territorio di Alatri. Se sabato una ragazza di 22 anni è finita contro un albero al "Giglio" di Veroli dopo essersi riempita di cocaina e alcool, nello stesso giorno ma in serata è toccato ad un uomo di 30 anni, finito in un fossato dopo aver esagerato con l’alcol. Ha guidato per chilometri sull’orlo del coma etilico ma è riuscito a risalire in strada quasi illeso.

L’incidente è avvenuto alle 21,30 ad Alatri, zona Castagneto. L’uomo, un operaio di 30 anni, sulla strada che da Castagneto porta al lago di Canterno è sbandato, si è ribaltato ed è finito in un fossato. L’auto, una Opel Astra, è andata distrutta nell’impatto, ma l’operaio, miracolosamente, se l’è cavata con qualche contusione e lacerazione. È stato lui stesso a chiamare il 118 dal bordo della strada, in un momento di lucidità. L’ambulanza lo ha trasportato all’ospedale di Alatri e i sanitari, dopo averlo medicato, hanno avvertito i carabinieri del nucleo radiomobile. Quando gli uomini del maresciallo Maurizio Tucciarelli hanno interrogato l’operaio, hanno avuto il sospetto che fosse ubriaco e hanno ordinato le analisi per la rilevazione del tasso alcolico. Il risultato è stato sorprendente: l’uomo ha guidato a lungo in condizione di quasi coma etilico. In seguito all’esame, è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e gli è stata ritirata la patente.

Ma. Ce.


 

IL MESSAGGERO (ABRUZZO)

Viene spinto e sbatte la testa: è grave 

di MARCELLO IANNI

Finisce in tragedia quella che doveva essere una serata da passare in allegria con gli amici. Una vita appesa tra la vita e la morte quella di M.I. di 27 anni, operaio di Paganica, ricoverato in prognosi riservata nel Reparto di Rianimazione del “San Salvatore” dopo una rovinosa caduta a terra, a quanto sembra dopo uno spintone di un collaboratore del locale notturno “Havana”, ubicato in piazzetta Nove Martiri. Le indagini da parte dei carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia, diretti dal capitano Gino Domenico Troiani, vanno avanti senza sosta per chiudere al più presto il capitolo di quella che per un giovane doveva essere una serata di divertimento.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti M.I., in compagnia di altri tre amici, dopo essere entrato nel pub è stato quasi subito allontanato perchè la loro presenza avrebbe infastidito altri clienti. Durante le schermaglia per l’allontanamento, il giovane a seguito di uno spintone è finito rovinosamente a terra, battendo la testa. Il giovane è stato subito soccorso dal personale sanitario del 118. Immeditato il suo ricovero in ospedale per un trauma cranico. Ma il suo quadro clinico è improvvisamente precipitato a tal punto da rendere indispensabile per i medici il trasferimento nel reparto di Rianimazione. Le sue condizioni sono gravi. Le analisi del sangue avrebbero messo in luce un tasso di alcol superiore alla legge. Sul posto sono poi intervenuti i carabinieri che hanno interrogato i protagonisti della vicenda. Al momento si procede contro ignoti per lesioni gravi.


 

IL MESSAGGERO (ABRUZZO)

Ubriaco sale sul tetto

Ubriaco, é salito sul tetto di capannone dell’area di risulta con chissà quale intento, poi i vigili del fuoco lo hanno portato giù e spedito in ospedale perchè non era in sè e aveva comunque bisogno di cure. E’ successo ieri pomeriggio, protagonista dell’episodio un giovane polacco.

Due patenti ritirate

I carabinieri hanno ritirato la patente a due giovani, uno di San Giovanni Teatino e l’altro di Cappelle, sorpresi a guidare ubriachi la notte tra sabato e domenica.


 

IL TEMPO

AUTO CONTRO MURO

(…) L’altra notte una pattuglia dei Carabinieri del Nucleo Operativo è dovuta intervenire in Via Monfalcone dove una Mercedes condotta da S.L. di 25 anni si è schiantata contro un muro. Con un’ambulanza del 118 il giovane è stato trasferito a Belcolle. I carabinieri hanno richiesto ai sanitari l’analisi del tasso alcolico e dopo i risultati hanno ritirato la patente al giovane che aveva alzato troppo il gomito.


 

CORRIERE ADRIATICO

Viaggiava ubriaco su un motorino con targa rubata

Denunciato per resistenza

ANCONA - Uno straniero è stato denunciato per resistenza dalla polizia. L’altra notte girava ubriaco in centro in sella a un motorino con la targa rubata. Gli agenti di una Volante che erano in servizio di controllo e di vigilanza in città lo hanno incrociato e si sono insospettiti per l’andatura incerta. Lo hanno fermato per tutti gli accertamenti del caso e hanno scoperto che la targa era oggetto di furto e hanno successivamente proceduto a restituirla al legittimo proprietario. I poliziotti hanno poi verificato le condizioni dell’uomo che aveva palesemente abusato di alcol. Con la mente annebbiata ha tenuto atteggiamenti non proprio rispettosi nei confronti dei rappresentanti delle forze dell’ordine e per questo lo straniero è stato denunciato dagli uomini delle Volanti con l’accusa di resistenza.


 

IL QUOTIDIANO CALABRIA

Due giovani arrestati dai carabinieri

Tentano rapina in appartamento ma in casa c’è il proprietario

Rossano - Tentano di entrare di notte all’interno di un’abitazione con i proprietari dentro, ma vengono bloccati e tratti in arresto. Protagonisti della vicenda due persone del luogo, finiti in manette con l’accusa di violazione di domicilio aggravata. Si tratta del ventisettenne Luigi Tavernise, celibe, incensurato e del trentunenne Sergio Abate, celibe, volto già noto alle forze dell’ordine.

I due, dopo aver forzato il cancello del cortile dell’abitazione del ventiseienne E.P., ubicata in contrada Seggio, tentavano di fare irruzione all’interno dell’immobile. Il proprietario accortosi di quanto stava accadendo, richiedeva l’intervento al 112 dei carabinieri che immediatamente intervengono. I due alla vista dei militari tentavano di allontanarsi in auto, ma vengono bloccati dopo qualche centinaio di metri. Tavernise, in evidente stato di ebbrezza, si scaglia contro i carabinieri, minacciandoli.

Alle prime luci dell’alba, i due sono stati arrestati e portati presso il carxcere di Rossano, a disposizione del sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Rossano Francesca Neri. Compariranno nelle prossime ore dinnanzi al gip per l’udienza di convalida d’arresto e interrogatorio di garanzia.


 

CORRIERE ADRIATICO

Fine settimana Controlli a tappeto e multe

FERMO - E’ stato un altro fine settimana di controlli a tappeto lungo le strade del fermano. Polizia e carabinieri di Fermo sono stati impegnati nella notte di sabato e nella giornata di ieri in diversi punti del territorio.

Posti di blocco e controlli agli automobilisti al fine di verificare il rispetto delle norme contenute nel codice della strada. I controlli si sono concentrati soprattutto lungo la costa, zona maggiormente presa d’assalto dai giovani e dalle famiglie sia di sabato che di domenica e dove si concentrano la stragrande maggioranza dei locali del divertimento.

Diverse le contravvenzioni elevate per il mancato rispetto dei limiti di velocità e per le cinture di sicurezza mentre continua anche a registrarsi un costante aumento di casi di guida in stato di ebbrezza.

Un fenomeno diffuso soprattutto tra i giovani ed in particolare nel sabato notte, in coincidenza con l’uscita dalle discoteche o dai locali del divertimento serale.

Locali dove si beve e chiacchiera fino a tardi, quando poi diventa complicato mettersi alla guida dell’auto con i riflessi pronti.

I controlli sulle strade da parte di carabinieri e polizia sono certamente un valido dissuasore e, se la loro presenza è costante potrebbero convincere i giovani a non rischiare pesanti sanzioni, evitando di mettersi in machina dopo aver alzato il gomito.


 

IL GAZZETTINO (TREVISO)

Disavventura di un ventunenne di Vittorio Veneto fermato dalla polizia tedesca e risultato positivo all’alcoltest: non avendo i soldi per la cauzione è finito in carcere 

In cella in Germania per aver bevuto due birre 

La madre: «Mio figlio ha sbagliato, ma è stato trattato troppo severamente e ora accusa disturbi psicosomatici»

In carcere per una notte in un paese straniero. Tutto per aver bevuto una birra ed essersi messo alla guida con un tasso alcolemico di 0,6.

Una storia incredibile quella capitata d un 21enne trevigiano, studente universitario in Ingegneria a Bologna, residente a Vittorio Veneto. Una vicenda che ha lasciato dei segni indelebili internamente, ma anche esternamente. Da quel giorno infatti il giovane accusa strani tremolii alle mani e continui abbassamenti della vista. Sintomi che, come sostengono i medici, potrebbero essere disturbi psicosomatici dovuti alla disavventura.

Tutto è iniziato il 30 settembre scorso, quando G.B. e due amici decidono di trascorrere qualche giorno all’Oktoberfest, la tradizionale festa della Birra di Monaco. I tre non ci arrivano nemmeno alla festa, in quanto visto il traffico intenso decidono di fermarsi un po’ prima, a bere una birra. Ne bevono due bicchieri a testa e poi vista l’ora tarda decidono di rientrare in Italia. Ad un certo punto la polizia. Al controllo il 21enne, che era alla guida, risulta 0,6. In Germania il massimo consentito è 0,25 (in Italia 0,50). (*) Gli agenti cominciano ad urlare qualche cosa in tedesco, ma il ragazzo non capisce. Chiede un interprete. Solo dopo più di un’ora arriva un poliziotto italiano, che gli spiega che o paga 1350 euro o finisce dietro le sbarre. Il giovane naturalmente non possiede quella cifra. «Ora ti portano in cella - dice l’agente -. Non preoccuparti starai "al caldo"».

«È stato un incubo - racconta la madre P.B. -. Ricordo quella sera come se fosse ieri. Intorno all’una abbiamo ricevuto la telefonata di mio figlio che in lacrime ci diceva "Mi tengono in carcere, venite a prendermi"». «Immediatamente siamo usciti e siamo andati a chiedere aiuto alla polizia - continua la mamma -. A quel punto, visto che era l’unica soluzione, siamo saliti in macchina e guidando a turno tutta la notte siamo andati a Monaco». I genitori di G.B. sono arrivati la mattina dopo: hanno pagato i 1350 euro richiesti e il giovane è stato liberato. «Gli hanno fatto firmare delle carte in tedesco, senza sapere di cosa si trattasse. Poi si sono trattenuti la patente ora non sappiamo più come riaverla». «Ti senti solo - prosegue la mamma-. Dicono che siamo cittadini europei, ma in realtà non è così sei uno straniero».

Ora la famiglia, dopo aver già preso contatti con la Farnesina ha intenzione di scrivere al ministro. Sta inoltre prendendo contatti con uno studio legale di Treviso. «Mio figlio ha sbagliato, ma per quanto e quanto dovremo pagare per un errore?».

 

(*) Nota: a me risulta che il tasso alcolico massimo nel sangue consentito per guidare in Germania è 0,50. Se un guidatore che ha consumato alcolici è coinvolto in un incidente, anche se non causato da lui, viene sanzionato per guida in stato di ebbrezza anche se il tasso alcolico nel suo sangue risulta inferiore al limite massimo fissato.


 

FARMACIA.IT

OBESITÀ, IL RESVERATOLO CONTRASTA GLI EFFETTI DI UNA DIETA SCORRETTA

Oltre a procurare benefici sull’allungamento della vita negli animali, il resveratolo, molecola contenuta nel vino rosso, aiuterebbe a combattere gli effetti di una dieta troppo ricca di grassi e il conseguente sovrappeso che ne viene.

Ad annunciare la scoperta sulla rivista Natura, David Sinclair.

Secondo gli ultimi dati delle sue ricerche, il resveratolo, pur non facendo perdere peso ai topi, contrasta le conseguenze dell’obesità, facendo diventare la fisiologia del corpo dei topolini grassi piuttosto simile a quella di topolini di peso corporeo normale. I topolini che hanno partecipato all’esperimento seguivano una dieta ipercalorica e ricca di grassi.

Secondo lo scienziato statunitense, le quantità di resveratrolo somministrate ai topolini sono adattabili con i consumi umani, ma resta ancora da dimostrare se il polifenolo (un composto con azione antiossidante) del vino rosso mantenga gli stessi effetti anche sull’uomo.

Se l’ipotesi fosse verificata, si potrebbe portare a termine la messa a punto di farmaci in grado di ridurre le conseguenze negative di una dieta ipercalorica, migliorando la qualità di vita.


 

IL VELINO

Aerei, Coldiretti: “Calo vendita vino e olio dopo nuove norme”

Roma, (Velino) - “Sono già state segnalate riduzioni nelle vendite di bottiglie di vino e olio nei negozi che offrono souvenir ai viaggiatori e ai turisti in transito verso gli aeroporti”. È quanto afferma la Coldiretti.


 

IL MESSAGGERO (RIETI)

LA POLEMICA

Chiucchiurlotto bacchetta Peparello: «Più feste per promuovere il vino» 

Chiucchiurlotto bacchetta Peparello. «Per superare la crisi del settore vitivinicolo - sostiene il vicepresidente della Strada del vino della Teverina - ci vogliono più feste». Bocciata quindi la linea del presidente della Confesercenti che, intervenendo sul dibattito aperto sulla questione, aveva al contrario dichiarato : «Meno feste, più iniziative commerciali».

«Proprio alla Teverina (cui Vincenzo Peparello aveva fatto riferimento, ndr) si deve la nascita e il successo della Festa del vino dei colli del Tevere - racconta Francesco Chiucchiurlotto - di cui una prima serie era sorta e finita negli anni sessanta, per poi riprendere con slancio nel 1987, e che oggi è frequentata da migliaia di persone». Una scelta vicente che, stando a quanto sostiene l’ex sindaco di Casti

Martedì, 07 Novembre 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK