Lunedì 26 Luglio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Editoriali 28/10/2006

La campagna sulla sicurezza nelle strade del Quotidiano Nazionale - VIOLENZA STRADALE E POVERTA’ DI MEZZI

Una iniziativa imponente e dura, che però coglie nel segno



Non spariamo mai a zero, nel senso che non ci piace né sputare nel piatto dove mangiamo (o dove abbiamo mangiato), né fare i disfattisti per professione. Ce ne sono già tanti, troppi, che straparlano per tutti. Ci piace riflettere, analizzare, capire, e proporre. 
L’iniziativa del Quotidiano Nazionale, però, che ha lanciato una campagna per la sicurezza stradale davvero imponente, dura, ci ha colpiti molto. Il giornale ha colto nel segno, ed ha dato un quadro purtroppo realistico della condizione della sicurezza e della povertà di mezzi di oggi. I segnali che ci arrivano anche dai nostri referenti presso altre forze di polizia lasciano pochi dubbi sulla generalità della condizione.
Non siamo i soli ad essere alla frutta.
Anzi, al caffè.
In passato pensavamo spesso che il peggio, come carenza di mezzi, ormai era passato. Ci sbagliavamo. Ora però  l’impresa non è provare a scavare rifugi per chi vuole mettersi al riparo dalla violenza stradale.
È come se nei cieli della Polstrada, e degli altri colleghi in divisa, suonasse la sirena antiaerea e tutti fossero troppo lontani per trovare scampo.
L’impresa è “lavorare”.
Le auto in avaria invecchiano nei parcheggi in attesa di qualche spicciolo per pagare il meccanico. Gli etilometri non sono mai sufficienti, così come i telelaser, gli autovelox. Gli stick per la droga, poi, nessuno li ha visti, salvo poche eccezioni, dovute alla sperimentazione e quelli delle Iene utilizzati in Tv.
Niente straordinari, computer (vecchi) regalati da qualche banca che cambia le dotazioni o ammirevolmente comprati da qualche poliziotto che non ce la fa ad assistere impotente ad una delle più devastanti austerity degli ultimi anni.
Ricordate? Parlammo del Provida, quando uscì, e delle bellissime BMW. Parlammo della Lamborghini, e di tanti altri segnali che ci avevano fatto sperare in un’attenzione diversa.
Mai avremmo pensato che oggi una vecchia 155 in buone condizioni sarebbe già un successo.
Attenzione però, al grido che rivolgiamo. Non lasciatelo inascoltato.
Una polizia povera, oggi, serve a poco. Ci si può provare, a tener duro, ma il “nemico”  è destinato ad avere la meglio.
E’ vero un buon esercito combatte con i mezzi che ha, spesso però perde. In questo caso perderebbe anche l’intera comunità.
Le prime linee, senza rifornimenti, col morale a terra, saranno molto meno efficaci e pronte sul terreno. E non sarà solo la violenza stradale a dominare. Rischia di prendere sempre più vigore la criminalità, quella disorganizzata (che molti chiamano impropriamente “micro”) e quella regolata dai sodalizi mafiosi, nostrani e d’importazione.
Perderemo credibilità, mostreremo il fianco debole al terrorismo, che se finora non ha colpito è stato solo per l’assoluta efficienza dei nostri apparati investigativi.
Sì, perché anche se nessuno lo ricorda mai, le nostre polizie sono tra le più rispettate al mondo. Parola di chi scrive.
Par d’essere tornati indietro di 50 anni, quando si usava quel che restava dei residuati  di una guerra mondiale.
La cura dimagrante per la Stradale e per le forze di polizia in genere dura da troppo tempo, siamo ormai prossimi al limite dell’anoressia, al rischio esistenza. 

Giordano Biserni


© asaps.it
Sabato, 28 Ottobre 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK