Lunedì 17 Febbraio 2020
area riservata
ASAPS.it su

Rassegna stampa Alcol e guida del 17 ottobre 2006

A cura di Alessandro Sbarbada e Roberto Argenta

L’UNITA’ del 16 ottobre 2006

Quella droga chiamata alcol

Di Luigi Cancrini

L’alcol non si tocca. In Italia l’alcol non si tocca. Correva l’anno 1980 e in Parlamento si discuteva, molto aspramente, la legge voluta da Craxi (folgorato a Washington, come San Paolo a Damasco, dalle tesi proibizioniste dell’amministrazione americana) per porre fine al tempo della solidarietà con chi sta male e dare inizio a quello del rifiuto. Drogarsi è un reato e “i reati si curano in carcere” si diceva con una norma su cui si accese una polemica violentissima durata fino a quando, due anni dopo, un referendum la abolì.

E vivevamo, dunque, un clima di proibizionismo acceso nel momento in cui i deputati dell’allora ancora Pci presentavano in commissione al Senato un emendamento che vietava la pubblicità dei superalcolici. Quando l’emendamento votato per alzata di mano risultò approvato, tuttavia, quella che partì fu una bagarre conclusa da una interruzione della seduta e da una nuova votazione per appello nominale in cui la maggioranza di allora, stretta intorno al grande capo di allora, cambiò il suo orientamento e l’esito del voto. Produttori e commercianti di superalcolici da una parte, Mediaset dall’altra, avevano imposto, infatti, il loro veto e nessuno nella maggioranza di allora, si permetteva crisi di coscienza non protette dall’anonimato. Dimostrando bene, mi pare, che l’alcol e chi con l’alcol lavora e guadagna, in Italia, non si tocca. Anche se la maggioranza fece quadrato, allora, intorno all’impegno di intervenire con una legge apposita per affrontare un tema che, secondo loro, non andava confuso con quello delle tossicodipendenre (l’alcol non è una droga, dicevano, e l’alcoolista non è un tossico), nulla è accaduto da allora fino a oggi, infatti, e fino a quando cioè il nuovo Ministro della Salute Livia Turco ha introdotto in Finanziaria due norme molto attese e molto giuste: quella che vietava la vendita di alcol ai minori e quella che vietava la vendita di alcol sulle autostrade.

La ragione per cui anche questa volta l’assemblea non potrà, probabilmente, pronunciarsi su questa proposta è, ancora una volta, di ordine procedurale. Il tema, è stato detto, «non è da finanziaria». Quello che serve è un altro provvedimento: il provvedimento che non c’è, parafrasando Peter Pan, o i1 provvedimento che non ci sarà mai guardando con sano realismo a quello che accade in questo paese da sempre. Perché il nostro è il Paese in cui, secondo i parametri proposti dall’Oms, il problema dell’alcolismo è più grave che in ogni altro Paese del mondo e perché il nostro è, nello stesso tempo, il Paese in cui la legislazione sull’alcol è la più permissiva del mondo. Due fatti fra cui c’è evidentemente un rapporto. E alla faccia di chi si scandalizza e si agita quando i giovani che tornano dalle discoteche muoiono, il sabato sera, per incidenti la cui causa più comune è l’alcol. Di cui si deve permettere la pubblicità. Che va venduto ai minori e sulle autostrade.

Mi sono occupato di persone con problemi di droga ormai da trentotto anni. Credo di poter dire con cognizione di causa che l’alcol è a tutti gli effetti una droga. Che causa più morti e più danni da noi, in questo Paese, di tutte le altre droghe. Che c’è un trionfo inaccettabile di ipocrisia in tutto l’insieme di forze politiche e di istituzioni dello Stato che continuano a fare finta di non saperlo evitando, che se ne rendano conto o no, di portare in aula, sotto gli occhi di tutti, una proposta che a quel punto sarebbe davvero difficile non votare. Da quelli per lo meno che hanno un minimo di buon senso e che ci tengono a farlo sapere a chi li elegge. (*)

(*) Nota: in questa rassegna non trovate quasi mai articoli de L’UNITA’, perché in Internet è un giornale a pagamento. Ma quando ho letto questo articolo ho deciso che doveva trovare posto in rassegna, così me lo sono copiato “a mano”, parola per parola.

Perché merita la massima diffusione: per l’autorevolezza di chi l’ha scritto, ma soprattutto per la chiarezza con cui esprime concetti che personalmente condiviso e sostengo con convinzione.


COMUNICATO STAMPA

In data 12 Ottobre 2006 si è svolta presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati a Roma una conferenza stampa relativa alla questione "Alcol e Finanziaria", in quanto i provvedimenti proposti relativi alla vendita di alcol negli autogril e all’innalzamento a 18 anni del limite di età per la somministrazione di bevande alcoliche sono stati poi stralciati.
La Sia e le diverse realtà che operano in ambito alcologico, nella promozione della salute e della sicurezza sottoscrivono un documento dove si chiede ai decisori politici di non sottovalutare il problema "Alcol" (vedi sotto).
Consapevoli che la decisione di non prendere in esame le disposizioni legate all’ alcol in sede di finaziaria è a causa di motivi tecnici e non politici ideologici, i soggetti sottoscriventi chiedono al governo in un ottica di piena apertura e collaborazione che si prenda in considerazione questo problema che ogni anno causa circa 35.000 morti e che si sviluppino provvedimenti legislativi per la tutela e la salvaguardia della salute e della sicurezza dei cittadini.


Società Italiana di Alcologia,

Fondazione Luigi Guccione

Associazione Nazionale Contro l’Alcolismo (ANCA)

Associazione Italiana dei Club degli Alcolisti in Trattamento (AICAT)

Centro Alcologico Regionale della Toscana (CAR)

Eurocare Italia

ARCAT Toscana

Associazione Mauro Cirillo

Fondazione Andrea Devoto

Saman

Gruppo Logos

CEIS Pistoia

FISICO

CONSUMO E COMMERCIO DI ALCOL,

SICUREZZA STRADALE E TUTELA DELLA SALUTE

L’alcool produce gravi danni sociali ed economici al Paese che impone un carico economico per l’individuo, le famiglie, la società attraverso costi sanitari, perdita di produttività, morbilità, mortalità precoce complessivamente stimabili al 2 – 5 % del Prodotto Interno Lordo. Tali considerazioni hanno sollecitato (e continuano a sollecitare) la necessità di ricerche, attività, strategie e misure preventive, gestionali ma anche legislative, ispirate ai principi di una “evidence based prevention”.

Ogni anno muoiono a causa dell’alcool 35.000 persone. L’età in cui si comincia ad assumere alcool si sta notevolmente abbassando (11 anni di età). Cresce la preoccupazione nelle famiglie. La spesa sociale subisce un forte incremento rispetto alle patologie che l’assunzione di alcool produce, specialmente tra i giovani. Il consumo, soprattutto di bevande alcoliche produce gravi conseguenze anche per quanto riguarda la guida di veicoli. Crea turbativa e danno economico anche alle imprese che operano nel settore dell’intrattenimento, alla quiete e alla sicurezza delle città.

Tra i fattori umani che possono incidere sul numero degli incidenti stradali, il consumo di alcol è certamente quello più rilevante, considerata anche l’ampia diffusione che le bevande alcoliche hanno tra la popolazione. Si stima, infatti, che il 30-50% degli incidenti stradali gravi o mortali siano causati dall’uso di alcol. In particolare si afferma che:

• il rischio aumenta in modo esponenziale con l’aumentare dell’alcolemia;
• a parità di alcolemia, minore è l’età del conducente, maggiore è il rischio di incidenti;
• a parità di alcolemia, minore è la frequenza con cui si consumano di solito le bevande alcoliche, maggiore è il rischio di causare incidenti stradali.

In Italia non si conosce il numero di incidenti determinati dalla guida sotto l’effetto di alcol, ma si presume sia molto rilevante (una stima eseguita nel 2003 parla di una stima di incidenti alcol correlati che va dai 67.542 ai 112.570). Nel nostro Paese sono circa 400.000 i controlli del tasso alcolemico effettuati ogni anno dalle forze dell’ordine in relazione a persone fermate alla guida di veicoli a motori. Nella sola Francia nel 2005 si sono superati i 10.000.000 di controlli. La Francia è tra i Paesi europei più virtuosi in tema di sicurezza stradale. Tra il 2002 e il 2005 i morti sulle strade francesi sono diminuiti del 35,4%, in Italia sono in sensibile aumento.

Questo significa che se si trovassero soluzioni valide ed efficaci per il controllo di questo fenomeno, si potrebbero avere meno incidenti e quindi meno costi in termini economici ma anche di vite umane.

Il dibattito avviato sulla finanziaria, alcool si - alcol no, è sbagliato e fuorviante. Non è utile una politica proibizionistica che favorirebbe il commercio al nero e spingerebbe imprese e giovani verso l’illegalità e l’evasione. Ne un garantismo astratto e senza regole che danneggerebbe anch’esso imprese, giovani e famiglie. Quello che serve al Paese è l’avvio di un dibattito serio sulle conseguenze dell’alcool in special modo tra soggetti giovani ma non solo.

Per questo occorrerebbe un quadro di regole e sanzioni certe, condivise e giuste.
Gli operatori economici non possono giocare un ruolo di polizia ma devono essere corresponsabilizzati, i giovani e le loro famiglie coinvolti e chiamati a decidere su queste scelte, il Governo e il Parlamento ma anche gli enti locali protagonisti di scelte ragionevoli, responsabili che ricerchino comunque il consenso di tutti gli attori coinvolti. Concertare è difficile e faticoso ma è la “strada maestra” per assumere decisioni utili e soprattutto efficaci.
In un recente convegno ad Orvieto del 29 settembre scorso – presenti alcune organizzazioni firmatarie di questo documento – si è parlato di tolleranza zero: al passaggio con il semaforo rosso, e all’eccesso di velocità. Ma come prioritario: alla guida dopo aver consumato bevande alcoliche (il limite legale per la guida di autoveicoli è pari ad un tasso alcolemico di 0.5). Ci rivolgiamo oltre che al Gruppo Interparlamentare Operante per la Sicurezza Stradale – costituitosi proprio ad Orvieto da oltre 60 tra deputati e senatori - ma anche a tutti i parlamentari che sono sensibili ai gravi problemi prodotti dall’alcol, per avviare un dibattito serio che sappia coinvolgere le diverse categorie del settore.

Al Governo chiediamo di farsi anch’esso parte attiva e di promuovere un quadro normativo nuovo che preveda attraverso la condivisione e una più larga possibile partecipazione:

• il divieto di somministrazione di vendita di alcool sulle autostrade;
• il divieto di vendita di prodotti alcolici e/o a base di alcool ai minori di anni 18;
• una vasta campagna di controlli sulle strade per combattere la guida sotto l’effetto di alcol considerando tale guida come “dolo eventuale” in caso di incidente (prevedibilità dell’evento) e prevedendo conseguenti inasprimenti di sanzioni e pene;
• il controllo e la limitazione della pubblicità delle bevande alcoliche;
• la promozione della figura del guidatore designato non solo nei locali dell’intrattenimento ma anche in quelli dove si effettua somministrazione di bevande alcoliche o contenente alcool, incentivando – con misure fiscali e parafiscali - le imprese che aderiscono all’iniziativa con fattivo spirito di autoresponsabilità sociale.


ALICE NEWS

SANITA’/ INCONTRO INTERMINISTERIALE PER CORRETTI STILI DI VITA

Bisogna rendere possibili e gradite al cittadino scelte salutari

Roma, 17 ott. (Apcom) - Nella sede del ministero della Salute, si è tenuto il primo incontro interministeriale sul programma "Guadagnare Salute - rendere facili le scelte salutari". Erano presenti, oltre al ministro Livia Turco, i rappresentanti dei ministeri dll’Istruzione, delle Pari Opportunità, delle Politiche Giovanili ed Attività Sportive, delle Politiche per la Famiglia e Sviluppo Economico.

Scopo del tavolo è condividere un programma comune di azione per "guadagnare salute" agendo su pochi fattori di rischio che però sono causa dell’80% delle malattie e delle morti nel nostro Paese: inattività fisica, scorretta alimentazione, eccesso di alcol, abitudine al fumo.

Secondo quanto comunica il ministero della Salute, con una nota, "il programma ’guadagnare salute’ è una strategia condivisa a livello europeo da OMS e Unione Europea che si basa su azioni rigorosamente validate dall’evidenza scientifica. Nessuna azione singola è sufficiente nella prevenzione di questi fattori di rischio, ma è necessario un impegno interistituzionale che, a fianco della promozione di corretti stili di vita, possa favorire e sostenere il cittadino in scelte salutari".

"In particolare - si legge nella nota - bisogna rendere possibili, vantaggiose e gradite al cittadino scelte salutari, evitando di colpevolizzarlo per l’adozione di comportamenti scorretti per la salute: un’azione non solo di educazione sanitaria, ma anche di interventi strutturali che coinvolga l’intera gestione del territorio". Durante l’incontro è stato dato ampio riconoscimento alle importanti azioni già in atto sul tema della tutela della salute. Ciascun Ministero, infatti, ha presentato linee ed azioni già in sviluppo, coerenti con il tema guadagnare salute. Tutti hanno convenuto sulla grande opportunità di un’azione sinergica comune, non solo basata sulla comunicazione reciproca, ma anche su vere e proprie progettualità condivise.

Tra i più interessanti elementi emersi, un’attenzione all’educazione tra pari ed alla comunicazione tra giovani attraverso i loro media, ma anche un impegno sui tempi di vita, sul piano per gli asili nido, sull’allattamento al seno. Cruciale per contrastare l’obesità infantile l’educazione al gusto dei giovani e la promozione dell’attività fisica come gioco e divertimento. Un’occasione per il rispetto delle pari opportunità anche verso la popolazione immigrata.

Il tavolo ha manifestato, inoltre, l’esigenza di un ampliamento ad altri dicasteri ed ha anche sviluppato una road map per addivenire ad un documento adottabile dal governo, ma anche ad una serie di attività specifiche con gruppi di lavoro ad hoc.Un salto in avanti rispetto a politiche già affrontate in maniera scontatamente inefficace proprio perché prive dell’intersettorialità necessaria all’efficacia delle azioni.Un esempio positivo di quanto in più parti invocato dal programma di Governo.


IL GAZZETTINO (NORDEST)

TREVISO 

Vigile picchiato all’Ombralonga degli eccessi

Ma Treviso brinda al successo promozionale

L’Ombralonga è tutto e di più. È festa. Eccessi. Baldoria. È anche promozione turistica. È politica. Anche se politica e vino finiscono per costituire un cocktail esplosivo. Ne ha pagato il conto il comandante dei vigili urbani di Treviso, Danilo Salmaso. È stato infatti, accerchiato da un gruppo di skinheads nel pomeriggio di domenica in centro storico e poi preso a calci e pugni da uno di questi, in evidente stato alcolico, che non voleva consegnare una svastica. Pur ferito Salmaso non ha mollato la presa ed è riuscito a consegnare l’aggressore ai suoi uomini. Si tratta di A.S.. 30 anni, padovano, un ultras con precedenti. È stato denunciato.

L’Ombralonga da sedici anni è la manifestazione che vuole promuovere Treviso facendo riscoprire osterie, ristoranti e scorci di una città da gustare, da vivere a piedi, unendo trevisani e foresti davanti a una, due, tre... ombre. Non è la promozione del vino fine a se stesso, ma del vino come collante sociale, fonte di cultura e di allegria. Almeno, questo, nelle speranze e negli obiettivi degli organizzatori. Ogni anno però prima e dopo la festa è tutto un fiorire di polemiche fra chi si danna l’anima per promuovere la festa del vino e chi invece, preferirebbe gustarsi una domenica in santapace nel salotto buono della Marca. E la diatriba continua. Resa ancora più avvelenata dal gran finale della sedicesima edizione con treni bloccati a lungo per soccorrere giovani ubriachi e binari intransitabili dai treni per la gente che li aveva scambiati per Piazza dei Signori. Convogli danneggiati. Ritardi con punte di 80’, accumulati a partire dalle 19, a fine manifestazione. Trenitalia scarica le responsabilità: «Dagli organizzatori dell’Ombralonga o dalle istituzioni locali non c’è mai stato contatto con noi per richiederci treni speciali. Ma, consapevoli comunque che l’evento avrebbe richiamato più viaggiatori del normale, ha provveduto unicamente di propria iniziativa a predisporre treni aggiuntivi, da utilizzare se necessario». Sta di fatto però che il treno per Mestre delle 19,10 - era stato rinforzato? - era composto solo da quattro carrozze. Sarebbe bastato - come segnalato dalla Polfer - che si fosse ricorso ai Taf ad alta frequentazione e a due piani.

Treviso ha vissuto l’annuale Ombralonga day, come tutte le terze domeniche di ottobre dal 1990. La festa dura otto ore: dalle 10.30 alle 18.30. Poi entro due ore la città deve essere riconsegnata ai trevigiani pulita, in ordine. Quaranta i locali a disposizione per la mescita del vino, tutto di qualità garantita e di Marca. Non c’è percorso obbligato e nemmeno un numero obbligato di tappe enoiche. Ognuno decide per sè, in base alla propria capacità di "pieno" (*). Gli oltre 20 mila visitatori - per partecipare alla festa non è assolutamente indispensabile essere iscritti; il rito dell’adesione garantisce solo il grambiule distintivo e il bicchiere per il rito dell’ombra - hanno consumato almeno centomila bicchieri di vino.

Soddisfatti gli organizzatori che vedono nell’Ombralonga uno strumento di promozione turistica. Felici i quaranta titolari dei locali aderenti che hanno fatto gli incassi più importanti dell’anno. Meno entusiasti i trevigiani del centro che si considerano vittime predestinate. Luigi Gazzotti, anima e cuore di Ombralonga, si rivolge ai maggiorenti e li invita attorno a un tavolo: «Visti i numeri di cui la manifestazione è capace, promuoviamo la nostra città direttamente a casa nostra. Quando mai si hanno 20-30 mila persone disponibili, motivate, interessate, turisticamente coinvolgibili? Non sprechiamo l’occasione».

Sergio Zanellato

 

(*) Nota: … in barba agli articoli 690 e 691 del nostro Codice Penale.


IL GAZZETTINO (TREVISO)

Dopo l’assalto Trenitalia presenta il conto 

Carrozze devastate, fermate d’emergenza e anche una cabina di guida forzata

 (S.M.) "Dagli organizzatori dell’Ombralonga o dalle istituzioni locali non c’è mai stato alcun contatto con noi per richiederci treni speciali. Ma Trenitalia, consapevole comunque che l’evento avrebbe richiamato più viaggiatori del normale, ha provveduto unicamente di propria iniziativa a predisporre treni aggiuntivi, da utilizzare se necessario".

L’attacco al Comune e agli organizzatori di Ombralonga da parte dei dirigenti regionali di Trenitalia non è tardato ad arrivare, già ieri mattina. Perchè l’azienda che gestisce il traffico ferroviario, di convogli speciali ne avrebbe messi ben cinque, che con il rafforzamento dei treni "normali" avrebbero garantito 4500 posti in più dell’ordinario. E, specifica Trenitalia, senza che dal Comune arrivasse alcuna richiesta o venisse fornito alcun dato sulla possibile affluenza all’evento.

"Non solo - prosegue la Direzione regionale -. Abbiamo aumentato anche gli addetti alle biglietterie e l’assistenza a terra, attivando un centro operativo che ha organizzato i treni speciali". Che però sono diventati oggetto di atti vandalici da parte degli utenti evidentemente ubriachi e stipati, ad esempio, nelle sole quattro carrozze ad un piano presenti nel regionale 5989 in partenza da Treviso alle 19.10 di domenica: "Quanto danneggiato ha richiesto immediate riparazioni e pulizie addizionali sempre a carico di Trenitalia, creando non poche difficoltà anche perchè le stesse carrozze dovevano essere utilizzate il giorno dopo per i pendolari. In particolare il R5989 è stato assaltato da molti giovani in stato di ebbrezza che hanno anche forzato la cabina di guida. A bordo di quel treno si sono registrati malori con fermate d’emergenza, intervento di ambulanze e di medici, creando disagi ai passeggeri, al personale e alla circolazione dei treni sulla tratta Udine-Venezia".

Insomma, un’Ombralonga su cui Trenitalia non aveva ricevuto dati, informazioni nè richieste di potenziamento della linea, ma di cui s’è trovata a fronteggiare gli effetti disastrosi subito dopo la fine delle mescite. Perchè, se i nove treni nella tratta Venezia-Udine tra le 15 e le 19 hanno viaggiato sostanzialmente in orario, a partire dal Regionale delle 19.10 si sono accumulati ritardi dagli 80 ai 25 minuti, con disagi proseguiti fin oltre alle 23 che hanno coinvolto corse ordinarie ma anche Eurostar (quello da Roma è rimasto bloccato per 35 minuti).

A gestire l’emergenza ci hanno pensato non solo gli addetti di Trenitalia e i ferrovieri, ma anche il personale di Rfi (che ha messo a disposizione un proprio pullman per caricare alcuni passeggeri rimasti sui binari dopo lo stop del R5989) e gli agenti della Polfer. "Abbiamo segnalato noi agli operatori di Trenitalia e della Rfi l’afflusso straordinario di partecipanti già alle 13.40 - spiega il dirigente Claudio Bortoletto - Purtroppo pare non sia stato possibile mettere altri treni sulla linea da Udine, e quanto successo ne è la diretta conseguenza. Non discutiamo sulle responsabilità di una piuttosto che dell’altra parte, su chi non ha fatto la richiesta formale e su chi comunque non aveva conteggiato la possibile emergenza: tecnicamente sarebbe bastato sostituire i normali treni con dei Taf ad alta frequentazione e a due piani, raddoppiandone la capacità".


IL GAZZETTINO (TREVISO)

Il vicesindaco ignora le critiche e si dichiara soddisfatto: «Ho incontrato ragazzi di tutto il mondo, ho sentito il loro calore per la nostra città che ha ottenuto un’altra vittoria» 

Genty, difesa a oltranza: «La festa della gioventù» 

«Certo, come tra gli alpini capita che qualcuno beva troppo e venga portato via. Ma non c’era traccia di drogati»

Se l’Ombralonga ha un santo protettore questo non può essere altri che Giancarlo Gentilini. Da sempre il vicesindaco ha difeso a spada tratta la marcia non competitiva tra le osterie del centro storico, senza dubbio la manifestazione più discussa del capoluogo della Marca. Ogni anno Gentilini fa da scudo agli strali di tutti quelli che avversano l’Ombralonga: per lui è sempre e comunque un successo.

«È stata una grandissima manifestazione di gioventù - ha commentato ieri -. Io domenica sono stato per cinque ore in mezzo ai giovani. Ho sentito il calore che hanno per la città di Treviso: prendono la manifestazione come motivo di aggregazione e quindi sono veramente soddisfatto. Ho incontrato ragazzi che venivano da tutto il mondo: scozzesi, francesi, canadesi. Tutti hanno sentito il richiamo della città di Treviso. Perché l’Ombralonga è una grandissima festa di gioventù».

Una festa che a sentir lui fa "impallidire" le Notti Bianche, uno dei bersagli polemici preferiti dallo Sceriffo: «Piuttosto che fare le Notti Bianche dove tutto succede, la gente non dorme ed è un casino boreale, qui abbiamo limitato la manifestazione alle sei di sera e alla luce del sole: il buio non c’è. Io voglio tutte le manifestazioni alla luce del sole».

Un successo di partecipazione, ha sottolineato il vicesindaco, si traduce in un successo sotto il profilo monetario, per cui molti possono dirsi contenti: «Anche dal punto di vista economico tutti quanti si sono fregati le mani: è stata una vittoria dal punto di vista finanziario. Non ci sono stati eccessi. Certo, anche quando c’è l’adunata degli alpini può capitare che qualcuno beva troppo e allora lo portiamo via. Ma non abbiamo visto drogati».

Su questo tema Gentilini non ha perso l’occasione per indirizzare una frecciatina alla volta del consigliere regionale Nicola Atalmi (Pdci), che si professa antiproibizionista e non ha fatto mistero, anche di recente, di aver fumato occasionalmente uno spinello: «C’è qualche consigliere regionale che dice "io fumo". Quindi se si permetterà di dire che io incito all’alcol gli dirò: fumati le tue sigarette, vai a pippare in mezzo alla Colombia, là è la tua città. Avrai quintali di canna da fumare per tutta la vita».

Polemica a parte il vicesindaco promuove a pieni voti la manifestazione: «Nel complesso, con la moltitudine di partecipanti di quest’anno, credo sia stata una vittoria della città di Treviso».

Marco Gasparin


IL GAZZETTINO (TREVISO)

I GESTORI DEI 40 LOCALI ADERENTI

Per i quaranta locali che hanno aderito all’Ombralonga, domenica 15 ottobre è una data da cerchiare per bene sul calendario del 2006. È stata la domenica delle vacche grasse per le casse aziendali. Il termine che tutti i gestori usano, è: «Redditizia».

Calcolatrice alla mano anche il più piccolo bar ha venduto almeno millecinquecento ombre; moltiplicatele per quaranta quanti sono stati i locali, cominciamo a capire l’ordine dei valori del movimento enoico. E poichè i "piccoli bar" non sono tutti, e i locali di richiamo erano e sono tanti e di più, scavalcare la fatidica soglia dei centomila bicchieri non è stata un’impresa impossibile.

Denis Mistro del Borsa, titolare di un altro noto locale nel centro storico, commenta l’esperienza: «Sono soddisfatto di come sono andate le cose. Anche dal punto di vista economico. Certo, bastava però una giornata di pioggia ed oggi saremmo tutti qui a piangere. Invece la splendida giornata ci ha regalato una folla allegra, complessivamente ordinata. Quando mai avremo ventimila persone che si accalcano per Treviso? Dal mio punto di vista strettamente professionale, una domenica così è stata un’affare. Mi rendo però conto che ci sono miei concittadini che di ciò non sono contenti e pagano un prezzo importante per il disagio. Non sarei per niente contrario così se la manifestazione fosse trasferita magari sulle mura, a ridosso del centro, dove ognuno di noi potesse aprire uno stand, un gazzebo. Ombralonga sarebbe concentrata in un unico grande spazio, senza esportare disagi al resto della città. Così il centro vero e proprio resterà sgombro, a disposizione dello shopping e della passeggiata".

Il bel sorriso della signora Lucia contitolare con il marito dell’Antico Pallone, fotografa il bilancio della giornata: «Anche noi possiamo considerarci soddisfatti. È valsa la pena di lavorare tanto. Dal punto di vista degli incassi è stata sicuramente la domenica più bella dell’anno. Decentrare la manifestazione? D’accordo, così non ci sarebbero più le polemiche e si rispetterebbe la tranquillità degli altri cittadini».

All’Osteria della Gigia, in via Barberia, uno dei punti di ritrovo più cult di Treviso, Alessandro Valiera è una voce fuori dal coro: «No, non abbiamo aderito: era il nostro turno di chiusura. Quando l’Ombralonga si faceva di sabato l’abbiamo subita. La manifestazione non ci piace. Non condividiamo certe esasperazioni, preferiamo vendere cedrata... È una scelta».

"Ai soffioni" la nuova gestione di Consuelo Andreetta - dal 2 giugno scorso - era alla sua prima Ombralonga: «È stata una bella scoperta. Sono contento. Mi avevano detto che ci sarebbe stata confusione, invece il momento più acceso è stato quando Valentino Rossi, con la caduta di Nicky Haiden falciato dal compagno di squadra Pedrosa, è balzato al comando della classifica mondiale del Motogp. Abbiamo avuto un buon incasso anche se mi aspettavo qualcosa di più».

Mauro di "Muscoli’s" in Pescheria è il tempio delle ombre: «Abbiamo avuto una buon ritorno economico; l’adesione ad Ombralonga è un investimento che paga. Nelle ultime edizioni l’organizzazione ha fatto decisamente sempre meglio ponendo dei paletti fissi, limitando il più possibile le trasgressioni. È una manifestazione eterogenea. Trasferirla fuori dal centro? Sarebbe come andare contro la sua vocazione. Non avrebbe più il senso per cui è nata. È stata voluta per promuovere Treviso, il centro storico attraverso il buon vino: finalizzare Ombralonga solo al vino sarebbe come snaturarla facendola infine, morire. Non è proprio il caso. Ombralonga va bene così come è».

Sergio Zanellato


IL GAZZETTINO (TREVISO)

DEMATTE’ (MARGHERITA): MANIFESTAZIONE DA CANCELLARE 

Atalmi: «Sì, io fumo, ma il problema è l’abuso, anche dell’alcol»

(M.G.) Venuto a conoscenza di essere stato tirato in ballo da Giancarlo Gentilini, che l’ha punzecchiato per aver pubblicamente ammesso di aver fumato uno spinello, Nicola Atalmi ha replicato al vicesindaco chiarendo alcune sue affermazioni: «Vorrei innanzitutto precisare che sono un fumatore molto, ma molto occasionale. Non sono neanche un fumatore di sigarette, se è per questo. Non è la mia cultura quella dell’eccesso, di chiedere "canne libere" o che so io. Vorrei poi spiegare a Gentilini che in Colombia c’è la cocaina, che è una droga pesante, mente quando si parla di canne si tratta di droghe leggere».

Atalmi ha poi preso spunto dalla frecciata di Gentilini per una riflessione generale: «A parte il fatto che sono antiproibizionista penso si debbano fare alcune necessarie precisazioni. Penso e sono convinto che non si debba abusare di qualsiasi tipo di sostanza, si tratti di alcol, di droghe leggere o altro. C’è un’ipocrisia insopportabile nel bollare uno dicendo "quello si fa le canne" mentre a Treviso c’è una manifestazione che incita a bere in quantità in una provincia in cui c’è un problema di alcolismo devastante. I morti sulle strade li provoca l’alcol. Sono altresì convinto che le droghe pesanti vadano combattute. In questo la legge Fini ha sbagliato, mettendo sullo stesso piano droghe leggere e pesanti. Occorre poi finalmente iniziare un’azione di educazione ad un consumo consapevole dell’alcol e delle droghe leggere. Ma questi argomenti sono troppo seri per Gentilini».

Tra le figure storiche dei contrari all’Ombralonga c’è Donata Demattè, consigliere comunale e provinciale della Margherita, che chiede ancora una volta di cancellarla: «Una città intera non può prestare il fianco a questo tipo di manifestazione. Non ha ragione di esistere, viste le ricadute. Mi stupisco che ci sia ancora chi la sostiene. Non c’è più il patrocinio della Provincia, non c’è più quello del Comune. Ma non basta toglierlo, occorre una presa di posizione politica perché chi ne paga il prezzo è la città. Gli iscritti sono sempre meno, e vengono praticamente tutti da fuori città. Molti si portano addirittura da bere».

La Demattè si chiede che senso abbia l’Ombralonga: «Se si vuole organizzare un evento che abbia una ricaduta in termini di cultura del vino sono altre le cose da fare. Se vogliamo puntare sul prodotto enologico dobbiamo dare un’altra immagine della città, non quella di un orinatoio. come si fa poi a pensare una manifestazione senza organizzarsi con i mezzi pubblici? Abbiamo visto il caos dei treni che ne è risultato. Un’altra cosa vorrei sapere: noi facciamo una grande campagna di sensibilizzazione contro gli eccessi dell’alcol. Domenica sono stati fatti i controlli con gli etilometri?

Critico è anche Alberto Cocco (Rifondazione): «Ombralonga ha perso lo spirito con cui è nata: è diventata un motivo per bere e basta. Ci sono ancora poche iniziative collaterali per farla diventare una vera festa. Il Comune non ci guadagna nulla, ma ci perde ogni volta, perché deve fare le pulizie. La cosa che mi disturba è che se gli altri giorni dell’anno dei giovani si ritrovano in una piazza e si "ammassano" non va bene, anzi si cercano soluzioni perché non capiti. Il giorno dell’Ombralonga invece va tutto bene, anche che riducano la galleria Bailo in uno stato indecente».


IL GAZZETTINO (VICENZA)

LAMON

Il sindaco Claudio Reato e l’assessore Gino Pante ringraziano il sodalizio 

Alcolisti in trattamento primi in solidarietà

Progetti del gruppo a favore della comunità

 Lamon

(R.G.) L’Amministrazione comunale di Lamon ringrazia pubblicamente il Club Alcolisti in Trattamento (Cat) per il duplice importante lavoro svolto a favore della comunità: in termini di recupero delle persone aventi problemi con l’alcol da una parte e per quanto riguarda il costante lavoro di manutenzione del parco pubblico di via Ferd dall’altra.

«L’attività compiuta dal Cat - afferma l’assessore al Volontariato Gino Pante - è estremamente preziosa per il nostro territorio. Innanzitutto va premiato per il forte impegno volto a favore degli alcolisti affinché cambino stile di vita. In collaborazione con il Servizio Alcologico dell’ospedale di Auronzo e del Sert dell’ospedale di Feltre viene svolta un’importante azione di recupero volta anche alle famiglie delle persone coinvolte nel progetto. Da sedici anni i soci si incontrano tutti i mercoledì alle 20». «Ma al presidente del Cat Michele Rosolen e ai componenti del sodalizio - sottolinea Pante - vanno i nostri più sentiti ringraziamenti anche per la manutenzione dell’area giochi di via Ferd con sfalcio dell’erba, pulizia generale di terreno e giochi, piantumazione e potatura di piante e alberi. Di recente, poi, hanno sistemato dei gruppi tavoli-panchine. Mentre è in programma, per il futuro, la realizzazione di una fontana». «Il Cat - aggiunge il sindaco Claudio Reato - segue da anni un settore molto delicato. È un gruppo che ogni settimana, con perseveranza, fa incontrare i propri soci e i loro famigliari seguendo uno specifico percorso. Una realtà molto importante che ha tutta la nostra stima e il nostro riconoscimento. Per quanto è nelle nostre possibilità cerchiamo di sostenerlo, mettendo a disposizione delle loro riunioni una sala comunale». (*)

 

(*) Nota: sono servitore insegnante in un Club degli Alcolisti in trattamento da 17 anni, da più di 3 sono sposato con una lamonese, e a Lamon ho trascorso le ferie negli ultimi anni.

La nostra piccola bimba ha giocato nell’area la cui manutenzione è curata dalle famiglie del Club.

Questo articolo non può che farmi piacere.

Alessandro Sbarbada


IL GAZZETTINO (BELLUNO)

LONGARONE I tre operai erano reduci da una notte in bianco prima del lavoro. Oggi i funerali di Vincenzo in Sardegna 

L’ombra dell’alcol dietro lo schianto 

Positivo l’esito dell’esame eseguito sul conducente subito dopo il drammatico impatto 

Longarone

Si terranno oggi a Gonnesa, nella nuova provincia di Carbonia-Iglesias, nella zona del Cagliaritano, i funerali di Vincenzo Virdis, 29 anni, morto sabato mattina in un terribile incidente di auto. Il corpo del giovane, una volta ottenuto il nulla osta del magistrato, è stato dunque fatto trasportare subito in Sardegna dai genitori giunti nella giornata di sabato a Belluno per autorizzare il prelievo di tessuti dalla salma.Vincenzo era giunto nel Bellunese da appena due mesi per lavorare alla Diab, dove il fratello minore Cristiano, a Longarone già da due anni, gli aveva trovato lavoro. L’incidente era avvenuto alle 4.30 di sabato mattina mentre i due fratelli, Cristiano alla guida di un’Opel Corsa, e Vincenzo al suo fianco, stavano andando al lavoro all’azienda che produce materiali plastici, situata nella zona industriale di Faè. Poco dopo il bivio per Pirago, probabilmente a causa di un colpo di sonno, l’auto, su cui viaggiava anche un terzo operaio, Andrea Mazzucco, è sbandata uscendo di strada. Sfortuna ha voluto che sul ciglio si trovasse uno spuntone roccioso contro cui si è schiantata l’auto rimbalzando poi di nuovo nel mezzo della strada. Così, mentre Cristiano è rimasto illeso, per Vincenzo non c’è stato niente da fare. L’impatto è stato fortissimo ed è deceduto poco dopo essere arrivato al pronto soccorso del San Martino.

Ancor più terribili però i retroscena del drammatico incidente, che vede un fratello responsabile della morte dell’altro. I risultati dell’alcoltest effettuato dai carabinieri giunti sul posto sarebbero infatti positivi, indicando un tasso alcolico quattro volte tanto il limite consentito per legge.

Ieri pomeriggio in caserma è stato ascoltato il diciannovenne di Olantreghe, Castellavazzo, Andrea Mazzucco. Il giovane, anch’egli operaio alla Diab, viaggiava sul sedile posteriore e si è procurato la lussazione di una spalla. Poi i risultati dell’inchiesta saranno trasmessi in Procura dove verrà aperto un fascicolo per omicidio colposo e guida in stato di ebbrezza a carico del conducente.

Pare che i tre ragazzi avessero deciso di tirare la notte in bianco in vista del turno dalle 5 del mattino alle 13 che li aspettava in fabbrica. E alla base della tragedia, insieme alla stanchezza, c’è anche qualche bicchiere di troppo.

Simona Pacini


IL GAZZETTINO (BELLUNO)

ISABELLA 

NON SI DEVE MINIMIZZARE QUESTO EPISODIO

Ho letto recentemente sui giornali locali parole che mi hanno lasciato perplessa relativamente al grave episodio di Isabella, la giovane Cadorina che qualche settimana fa ha deciso di togliersi la vita lasciandosi cadere da una briglia. Mi hanno colpito soprattutto le parole di chi sostiene con ferma convinzione che per quanto accaduto il paese non va colpevolizzato, che si tratta di un episodio doloroso ma che resta isolato.

Devo dissentire. Come giovane Cadorina che da anni studia fuori provincia e che spesso e volentieri rientra in valle, devo dissentire. Il Cadore si colloca purtroppo in cima alle liste per quanto riguarda i suicidi, con il triste primato di 283 casi ogni 100mila persone, a fronte di una media nazionale pari a 93 casi per ogni 100mila abitanti. Dunque, non posso che dissentire quando si afferma che si tratta di un caso isolato, poiché non si tratta di un’affermazione realistica.

Forse è il momento di non nascondersi dietro scuse comode ma controproducenti, e di smettere di considerare ciò che accade al nostro vicino come cosa che riguarda lui e lui soltanto: quando sono così gravi gli episodi che accadono, come un giovane che decide di togliersi la vita, allora ci riguarda tutti, tutta la comunità è coinvolta e responsabile. Con questo non intendo sostenere la colpe

Mercoledì, 18 Ottobre 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK