Domenica 23 Febbraio 2020
area riservata
ASAPS.it su

Rassegna stampa Alcol e guida del 6 ottobre 2006

A cura di Alessandro Sbarbada e Roberto Argenta

Al fondo della rassegna potete trovare il programma del 15° congresso nazionale dei Club degli Alcolisti in Trattamento

AFFARI ITALIANI (ONLINE)

Roma/ Finanziaria, via le norme sugli alcolici ai minori (*)

La norma che vietava l’utilizzo di bevande alcoliche ai minorenni finisce fuori dalla legge Finanziaria. Su proposta della commissione bilancio il presidente della Camera, Fausto Bertinotti, ha mandato al macero questa parte - contestata - della legge.

Il motivo ufficiale è che si trattava di una disposizione "di carattere ordinamentale e organizzatorio che non comporta effetti finanziari nè concorre in via strumentale ai fini della manovra di bilancio. Più realisticamente è probabile che le molte polemiche che questa norma aveva suscitato, anche all’interno della maggioranza, abbiano fatto pensare ad una retromarcia.

In più non bisogna scordarsi che, a differenza di quello che pensano all’Unione europea, nei paesi con una legislazione proibizionistica, la situazione non è affatto nè migliori, nè migliorata dopo l’introduzione di questo tipo di norme. Anzi, potremmo dire il contrario. Non pochi esperti, infatti - dati alla mano - sostengono che proprio il fatto di fare qualcosa di proibito, cioè comprare da bere, potrebbe far aumentare il consumo degli alcolici tra i minorenni. 

 (*) Nota: i commenti a questa notizia li lascio a tutti voi che leggete questa rassegna.


WINENWES

ALCOL & FINANZIARIA - L’UNIONE ITALIANA VINI SCRIVE AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO E AI MINISTRI DI POLITICHE AGRICOLE E SALUTE: “IL VINO E’ UN IMMENSO PATRIMONIO STORICO, CULTURALE ED ECONOMICO DEL NOSTRO PAESE, CHE NON PUÓ ESSERE SVILITO"

Il mondo del vino italiano è seriamente preoccupato per alcune misure previste dalla recente Finanziaria concernenti i limiti al consumo di bevande alcoliche. Andrea Sartori, presidente della Confederazione Italiana della Vite e del Vino - Unione Italiana Vini, scrive al Presidente del Consiglio Romano Prodi, al Ministro della Salute Livia Turco e al Ministro delle Politiche agricole Paolo De Castro: “Il nostro vino è un immenso patrimonio di storia e cultura, e fa parte da sempre della tradizione alimentare italiana, caratterizzata da quella “dieta mediterranea” che tutto il mondo riconosce come parte integrante di uno stile di vita salutare, in cui proprio il vino gioca un ruolo da protagonista, esplicando notevoli effetti benefici sulla salute – come scientificamente ben dimostrato – in un contesto di consumo moderato e durante i pasti. Inoltre il vino è una grande ricchezza sia in termini di valori economici - è l’unica voce in attivo degli scambi commerciali del nostro agroalimentare per ben 2,7 miliardi di euro - sia in termini occupazionali, dando lavoro a 800.000 persone, sia di tutela e valorizzazione del territorio. Si tratta di un patrimonio enorme che non può essere svilito attraverso misure che mirano a colpire il prodotto alcol in generale, senza promuovere alcuna campagna di educazione”. “La lotta all’alcolismo - continua Sartori - è certamente una cosa seria e sta a cuore agli stessi imprenditori vitivinicoli, tant’è che la nostra Associazione è tra i soci dell’Osservatorio permanente giovani e alcol, presieduto dal professor Umberto Veronesi, ma la strada del proibizionismo non ha mai portato nulla di buono”. Andrea Sartori chiude la sua lettera chiedendo al Presidente del Consiglio e ai Ministri di intervenire in modo efficiente affinché il mondo del vino italiano non debba subire questa inutile quanto dannosa penalizzazione. “Il nostro comparto - conclude Sartori - versa già da tempo in uno stato di difficoltà sia per la forte concorrenza dei Paesi nuovi produttori, avvantaggiati da politiche liberistiche, sia per il calo dei consumi interni, che in trent’anni si sono dimezzati e oggi sono inferiori ai 50 litri pro capite”.


ASAPS

Tokio
Multa record: 2,5 milioni di dollari per guida in stato di ebbrezza
Il sanzionato aveva già scontato 2 anni e 4 mesi di reclusione per lo stesso motivo

Una multa da guinness dei primati. E’ quella che è stata elevata in Giappone per guida in stato di ebbrezza. Il conducente imprudente dovrà infatti sborsare 2,5 milioni di dollari. Il tribunale di Tiba, città vicino alla capitale Tokio, ha condannato un uomo di 34 anni al pagamento di una multa di 300.000 yen, ovvero 2,5 milioni di dollari. I fatti risalgono al 2001, quando l’uomo alla guida della sua auto si scontrò frontalmente con un’altra vettura che sopraggiungeva nella direzione opposta. La causa dello scontro fu l’elevato quantitativo di alcol che il 34enne aveva nel corpo. Nell’incidente rimase ferito il conducente dell’altro veicolo, ancora oggi in coma. E quello del 2001 non fu il primo episodio. Già in precedenza il “super-multato” era stato arrestato per il medesimo motivo e condannato a scontare 2 anni e 4 mesi di reclusione.


La Nazione (Firenze)
Vino e salute Un convegno

Corriere del Veneto
Spritz, si torna in centro. Ma l’avvio è soft

Corriere della Sera (Abbonati)
divieto di sbronza, o come perdere la lotta contro l’alcolismo

Bere in viaggio: non resta che il treno E sugli Eurostar arriva la «Trenoteca»

La Provincia Pavese
nella botte soltanto l’uva: la guerra contro i trucioli

La Provincia Pavese
losurdo contesta le lattine

La Provincia Pavese
un solo volto per il vino dell’oltrepo

Il Tirreno
torna "sapori e colori" protagonista il vino

siciliatravel.com
Domenica le grapperie aprono le porte

La Stampa

E’ stato pubblicizzato anche su riviste e magazine internazionali specializzati in vino e turis...

In cattedra salirà il vino di due mondi

Aveva il nome dei famosi pomodori, quel paese dove mio padre mi portava per acquistare il vino. Rico...

Il Manifesto

Finanziaria, via le norme sugli alcolici ai minori

«Meglio così, era solo proibizionismo»

Il Resto del Carlino (Nazionale)
di ALBERTO MAZZUCA Il sommelier cambia pelle. Deve continuare ad essere un grande esperto...

Il Tirreno
un convegno sui rischi dell’alcol

La Provincia Pavese
denunciata titolare di un bar

La Nuova Sardegna
sbronzi al volante: è linea dura - valeria gianoglio

Il Piccolo di Trieste
droga tra gli adolescenti: almeno cento sniffano eroina nel monfalconese

Corriere del Veneto
Spritz, si torna in centro. Ma l’avvio è soft

 

**********************************************

15° CONGRESSO DEI CLUB DEGLI ALCOLISTI IN TRATTAMENTO

AICAT - Associazione Italiana dei Club degli Alcolisti in Trattamento

PALAZZO DELLA CULTURA DI LATINA - VIA UMBERTO 2° LATINA

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: PINO NICOLUCCI TEL.0773 6553604 CELL. 339 5725131

PROGRAMMA

15° CONGRESSO NAZIONALE

DEI CLUB DEGLI  ALCOLISTI IN TRATTAMENTO

IL CLUB E LE SUE RADICI

NELLA COMUNITA’ CHE CAMBIA
ENERGIA E FORZA DELL’ALBERO

CHE SI RINNOVA NELLE STAGIONI

         LATINA 6-7-8 OTTOBRE 2006

 

VENERDI 6 OTTOBRE 2006

 DALLE ORE 10 : Apertura della segreteria per iscrizioni

 Ore 14.30-15.30       Apertura del Congresso

     Saluto dei rappresentanti delle istituzioni

        Saluto Resp. Cen. alcol. Reg.Lazio M. Ceccanti

Saluto Rapp. AUSL 

   SalutoRapp. Cesv- Serv per il volontariato

       Saluto dei Presidenti regionali ARCAT

Ore 15.30-16.30  Presentazione del Congresso: P. Nicolucci

Saluto Presidente  ARCAT REG. LAZIO M.Di Folco

                     Relazione Presidente  AICAT : E. Palmesino

               Relazione Prof.ssa HUDOLIN

            Relazione S.Alberini  Ricaduta congresso 2005

 

LA STORIA

 Ore 16.30-17.50  SESSIONE PLENARIA: Il Club e le sue radici

Moderatore P. Nicolucci 

Relatori: F. Sevignani- F.Marcomini-G.Corlito-P. Barcucci

 Ore  18.00-19.30

 SALA A: LA METODOLOGIA: Applicare per innovare nel Club e nella formazione

Moderatore P.E. Dimauro

Relatori: M. Sforzina–M. Garombo- G.Aquilino- R. Mengon –I.Battistelli

 SALA B: IL CLUB E LE ISTITUZIONI

(Dove e come insieme per la promozione e protezione della salute)

Moderatore: L.Scali

Relatori: L Carpi -M.A. Papapietro – A.Bellini-A. Sumberaz – G. Testino- A. Andreacchio 

 Ore 21.30    SERATA SOCIALE

 

SABATO 7 OTTOBRE 2006

IL PRESENTE

 Ore 9.00-10.20  MEMORIAL HUDOLIN Valori, fedi, convinzioni personali nelle diverse culture

Moderatore: Piani

Relatori  R. Bernardinis –Helge Kolstad –D. Minin

 Ore 10.30-11.50

SESSIONE PLENARIA: LA SPIRITUALITA’ NEL SISTEMA ECOLOGICO SOCIALE - Sentirsi cittadini del mondo per riguadagnarsi la gioia di vivere….

Moderatore Don P. Rigolo 

Relatori: M. Parisi  -V. Patussi- G. Sorrenti- G. Giuliani-C. Polimeno-……….

 Ore 12.00-13.30  SESSIONE PLENARIA:IL CLUB PARLA AI GIOVANI

Moderatore F. Conforto 

Relatori: M.S.Lorenzini - C.Lodi- M.Di Folco-F. Francalacci-L.Dainelli-Giovani di Latina 

  Pausa pranzo

 Ore 15.00-16.50  SESSIONI PARALLELE

 Sala A- : Il servitore-insegnante tra compiti, etica  e professionalità

Moderatore :M.Travaglini  

Relatori: A. Balestrieri -Dellagiacoma- M.Zavalloni- A.PanzittaA. De Sandre –M.C. Di Crocco

 Sala B: Club e territorio: la visibilità per la crescita

Moderatore: Di Salvatore

Relatori: -A. Tedioli – A.Muckermann – M.L. Pontelli  - G. Coluccio – A.Quilli –G. Interlandi-

 Sala  C:  La Ricerca: conoscere e comprendere per esserci

Moderatore G.Guidoni 

Relatori:  A.Tilli –S. Cecchi- P. Loffredo- C.Baggio - Mirra – M. Grossi

Ore 17.00-18.50  spazio dedicato alle testimonianze, alle iniziative e progetti, ovvero

I CLUB CI SONO

E.Parasileno-  V. Cerrato – A. Alfieri

 Ore 19.00-20.00 ASSEMBLEA  AICAT

 SERATA SOCIALE

 

DOMENICA 8 OTTOBRE 2006

 QUALE FUTURO

 Ore 9.00-11.00: SESSIONE PLENARIA

Un mondo…..di club

Coordinatori:E. Palmesino – L.Ursella-T. Codenotti  

Relatori: Rappresentanti della realta’ europea ed extraeuropea

 Ore 11.00-13.00  : CONCLUSIONI :Famiglie, Club e comunità ( Tante note per nuove melodie)

V. Hudolin-E. Palmesino –G. Guidoni-S. Alberini-N. Baselice-P.Nicolucci-M.Di Folco

 


© asaps.it
Sabato, 07 Ottobre 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK